Menu Close

FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon

8,00 

 

di FRANCESCA GREGORICCHIO

Loreta e à une famee che e pararès un pôc strambe. Ma ce isal di stramp tal vê une mari che e see, e inclaude, e incole e un pari che di sabide si met a sopressâ? E metìn dongje ancje un fradi di trê metris e une sûr inmagadore. Par Loreta cheste e je la famee, la uniche, la sô. Nol à impuartance par jê cui che al fâs ce, culì jê e cjate comprension, amôr e rispiet.

Loretta ha una famiglia che sembra un po’ strana. Ma cosa c’è di strano nell’avere una mamma che sega, inchioda, incolla e un papà che di sabato si mette a stirare? E aggiungiamoci anche un fratello di tre metri e una sorella streghetta. Per Loretta questa è la famiglia, l’unica, la sua. Non ha importanza per lei chi fa che cosa, qui trova comprensione, amore e rispetto.

 

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE

 

50 disponibili

Il progjet editoriâl de Kappa Vu “Fameis”, che al previôt la realizazion di sîs libruts scrits e ilustrâts de brave Francesca Gregoricchio par contâ i diviers mûts di jessi famee inte societât contemporanie, al è stât tra chei plui preseâts dal Comitât Tecnic Sientific de ARLeF. Al è fûr di dubi che i cambiaments sociâi e culturâi di chescj agns – il mudât rûl de femine, lis trasformazions intal cjamp dal lavôr, l’inurbament, lis migrazions – a àn influît in maniere fuarte ancje sul concet di famee. Lis situazions che si son creadis cun sveltece e ancjetante spontaneitât a son aromai tant svariadis e cuasi impussibilis di codificâ cui criteris tradizionâi. Ancje i educadôrs e i insegnants za dal nît e de scuele de infanzie a àn di frontâ ogni dì la sfide dal rapuart educatîf cun fruts che a vegnin des situazions familiârs plui svariadis, risultât ancje dal messedament di lenghis, etniis, culturis. Cheste situazion e pues creâ malstâ e emargjinazion o un ricognossiment seren de diversitât e/o complessitât e fintremai une ricjece culturâl. La autore contant lis storiis des sôs “Fameis” cui voi delicâts dal plui piçul dai siei components, e sielç dal sigûr la seconde opzion e e met al centri ce che – ancje intun mont simpri plui complès – al è impuartant pardabon, cence tignî cont dal ricognossiment istituzionâl, cuant che o fevelìn di famee, o sedi sigurece, afiet, fiducie mutuâl e serenitât. Al è ancje une vore significatîf che un progjet inovatîf tant che chest al sedi stât pensât e fat in lenghe furlane, zontant ancje l’audio, confermant che cu la stesse si rive a esprimi intal mût plui adat la contemporaneitât, la societât di cumò e lis sôs componentis in trasformazion continue.

Lorenzo Fabbro – president de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane

 

Anno

2016

Autore

Francesca Gregoricchio

Lingua

Friulano

Pagine

24, interamente a colori

Formato

16,5 x 16,5 (cm)

ISBN

9788897705796

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…