Menu Close

IL CÂLI

13,00 

POESIE E PROSE 1981-2012

 

di LEONARDO ZANIER

“Se non c’è più un mondo non può più esserci poesia. Quel che ancora è chiamato tale è un globo in catene, uno scafo di galera col suo luttuoso carico nel tempo [dove nessuno canta più dove chi tiene la frusta emette crimine vocale rock-metal!]. I nomi non significando più le cose significate (terra, burro, strategia, rosa, vita, perfino padre…), il linguaggio dei poeti non ha più ponti per comunicare né col presente né col futuro: può soltanto collaborare passivamente, incoscientemente, ad allargare il deserto raschiando interminabilmente, con zampette sfinite, il fondo nero della pentolaccia dell’Io, mai stato più meritevole di diffidenza e di odio, più povero in un bisogno nuovo di refrigerio, di silenzi che lo scollino dalla parte carceraria delle parole.”
dalla postfazione di Ottavio Besomi

 

30 disponibili

E siamo arrivati alla terza edizione. La prima: Amadeus, Montebelluna (TV) 1989; la seconda: Ribis, Udine 1993. Son passati rispettivamente 23 e 12 anni. Sono tanti. E in questi tanti anni sono successe, naturalmente e artificialmente, molte cose. Ne elenco alcune.
Lo Stöckli si è materializzato, in senso letterale: è stato costruito. L’ho anche descritto: Passare dalle poesie ai fatti. Dalle parole ai sassi… Non ne è nata ancora una pubblicazione.
Che Diaz…us al meriti e Sboradura e sanc sono stati riorganizzati e uniti in un solo volume. Il titolo è diventato: Confini / Cjermins / Grenzsteine / Mejniki, Forum, Udine 2004.
Tre di queste poesie sono state musicate: Como un anel di frêt, che diventa: Tra-pianti I dal Canzoniere di Aiello e Mago Tiraca e Cramàrs marochins da Gigi Maieron.
I testi in prosa contenuti nelle precedenti edizioni sono stati tolti e sostituiti con altri recenti o inediti. Sono in gran parte brevi storie di traumi e “divertenti“ tentativi per superarli.
Ho aggiunto la traduzione di due poesie di Brecht; su quell’autore c’è un progetto più ampio.
Nella preparazione del “manoscritto“ è successo un finimondo: nel PC tutti i testi c’erano, in una loro scatola: IL CÂLI II, ma trasportandoli il risultato è stato catastrofico: si sono tutti rimescolati. Era come un puzzle disfatto a caso e poi messo in una scatola da scarpe, non solo messo a caso, ma addirittura sbatacchiato in avanti e indietro. Pazientemente ho operato la ricostruzione. È stato anche appassionante. Altro che rileggere: la tentazione è stata tanto forte che ha vinto: così che sostituiti un sostantivo qui un aggettivo là…

Zurigo, 18 marzo 2012

dalla presentazione di Leonardo Zanier

 

Anno

2012

Autore

Leonardo Zanier

Lingua

Friulano, Italiano

Pagine

152

Formato

11,5 x 21 (cm)

ISBN

9788897705116

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “IL CÂLI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…