Menu Close

LO STAGNO DELLE RANE

10,00 

 

di BRUNA SIBILLE-SIZIA

È una storia nella Storia. Essa inizia nell’agosto-settembre del 1943 e prosegue oltre il tempo della Resistenza e del difficile dopoguerra. I numerosi episodi della narrazione non seguono un ordine cronologico in quanto in un romanzo ciò non è determinante, ma sono datati i fatti storici più importanti.

Prima di cadere / la mano chiusa a pugno / gridarono libertà ai popoli / nel sangue delle fucilazioni / e delle torture / è scritto libertà / nello stagno delle rane / in quei cerchi sull’acqua / è scritto libertà / nel cielo delle rondini / nelle loro scie / è scritto libertà / sui rami dei pioppi / le foglie battute dal vento / cantano libertà / chi resta ti difenda / unico bene unica speranza / non solo sogno libertà.

 

50 disponibili

Scriveva “l’adolescente” Bruna Sibille-Sizia nelle pagine del suo diario, il 17 febbraio 1945: «ricordo la fine atroce di Amelio, che mi resta in un angolo del cuore, sempre che dentro di noi ci abbiano lasciato almeno quello». Poi, nel tempo, “la donna” Bruna Sibille-Sizia riuscirà a conservare intatto quel ricordo e a difendere tenacemente quell’angolo di cuore.

Dopo essere stato personaggio del romanzo Avinis del 1960, Amelio ritorna ne Lo stagno delle rane, ma in tutt’altra storia e in tutt’altro modo: è proprio il narratore, non un personaggio immaginario, è l’amico adolescente morto nel settembre del 1944, il primo, puro, innocente battito del cuore.

Ricordi, riflessioni, denunce, episodi precisi riportati nel dettaglio con minuziosi riferimenti storici, in una scrittura che tuttavia tende spesso a cambiare; si fa vaga, veloce, frettolosa, sospende se stessa con i puntini, include discorsi diretti senza virgolette; procede seguendo un ordine essenzialmente cronologico ma anche un ritmo dato dal flusso dei ricordi. Qualcosa dunque, oltre alla narrazione in prima persona, rimanda al primissimo Diario di una ragazza nella Resistenza, da cui poi molti episodi sono, ancora una volta, tratti.

Si potrebbe disegnare il romanzo in uno schizzo: basterebbe tracciare i contorni delle rane in uno stagno, delle campane in un paese, e di una camicia bianca in un corpo di ragazzo che scaccia le ombre dagli occhi di lei con un accendisigaro. Poche immagini basterebbero a raccontare una storia.

(da “Una voce carpita e sommersa. Bruna Sibille-Sizia” di Martina Delpiccolo, Kappa Vu 2019)

 

Anno

2005

Autore

Bruna Sibille-Sizia

Lingua

Italiano

Pagine

106

Formato

14 x 21 (cm)

ISBN

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LO STAGNO DELLE RANE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…

ankara escort çankaya escort çankaya escort escort ankara çankaya escort escort bayan çankaya istanbul rus escort eryaman escort ankara escort kızılay escort istanbul escort ankara escort ankara grup escort ankara olgun escort çankaya escort çayyolu escort cebeci escort dikmen escort eryaman escort etlik escort gaziosmanpaşa escort keçiören escort kızılay escort sincan escort turan güneş escort ankara escort ankara rus escort ankara escort çankaya escort çayyolu escort dikmen escort eryaman escort gaziosmanpaşa escort incek escort ankara olgun escort kızılay escort keçiören escort cebeci escort ankara rus escort escort çankaya istanbul rus Escort atasehir Escort beylikduzu Escort Ankara Escort Ankara genç Escort Ankara masöz Ankara rus Escort Ankara ucuz Escort Ankara vip Escort çankaya Escort keçiören Escort kızılay Escort sınırsız Escort sıhhiye Escort eryaman Escort dikmen Escort malatya Escort kuşadası Escort gaziantep Escort izmir Escort antalya Escort Gaziantep Escort Shell Download