• € 22,00

    UN OPERAIO COMUNISTA TRA FRIULI, FRANCIA E SPAGNA. Giovanni Giuseppe Felice “Polo”

    Biografie

    Le memorie di Giovanni Giuseppe Felice “Polo” l’irriducibile (1905-1979)

    Autobiografia con apparato fotografico
    a cura di Marco Puppini
    prefazione di Pierluigi Di Piazza

    La storia dell’emigrazione politica friulana tra le due guerre mondiali è un tema affascinante, ancora oggi poco indagato. Attraverso le esperienze di quelle migliaia di lavoratori antifascisti che hanno partecipato al grande laboratorio politico e culturale rappresentato dalla Francia di quegli anni e combattuto in Spagna, allora fronte principale della lotta al fascismo internazionale, la storia del Friuli si è trovata intrecciata alla storia politica e culturale europea, attraverso un percorso straordinario di solidarietà e di lotta. Queste sono le esperienze e la stagione che Giovanni Giuseppe Felice, “Polo”, antifascista e comunista irriducibile, condivide con tanti compagni e descrive in questo libro.

  • € 10,00

    LO STAGNO DELLE RANE

    Narrativa

    È una storia nella Storia. Essa inizia nell’agosto-settembre del 1943 e prosegue oltre il tempo della Resistenza e del difficile dopoguerra. I numerosi episodi della narrazione non seguono un ordine cronologico in quanto in un romanzo ciò non è determinante, ma sono datati i fatti storici più importanti.

    Ricordi, riflessioni, denunce, episodi precisi riportati nel dettaglio con minuziosi riferimenti storici, in una scrittura che tuttavia tende spesso a cambiare; si fa vaga, veloce, frettolosa, sospende se stessa con i puntini, include discorsi diretti senza virgolette; procede seguendo un ordine essenzialmente cronologico ma anche un ritmo dato dal flusso dei ricordi. Qualcosa dunque, oltre alla narrazione in prima persona, rimanda al primissimo Diario di una ragazza nella Resistenza, da cui poi molti episodi sono, ancora una volta, tratti.

    Si potrebbe disegnare il romanzo in uno schizzo: basterebbe tracciare i contorni delle rane in uno stagno, delle campane in un paese, e di una camicia bianca in un corpo di ragazzo che scaccia le ombre dagli occhi di lei con un accendisigaro. Poche immagini basterebbero a raccontare una storia.

  • € 14,00

    LA TERRA IMPOSSIBILE. Storia dell’armata cosacca in Friuli

    Narrativa

    “La terra impossibile” è il primo romanzo che tratta della Rosskaja Osvobodetelnaja Armija, cioè dei cosacchi, che nel 1944 invasero il Friuli. In queste pagine scorrono come fiumi tumultuosi le grandi masse travolte dagli eventi, si intrecciano le vicende dei protagonisti e i loro drammi individuali che tuttavia assumono una dimensione corale. Un romanzo indimenticato, sopravvissuto agli anni, rimasto nel ricordo perché quelle vicende sono state viste e memorizzate dalla stessa narratrice e quindi il libro è ancora caldo di sangue e di emozioni, dell’odore della polvere sollevata dai cavalli, del fumo degli incendi intorno ai paesi dati alle fiamme dai nazifascisti.

    Questo è il primo libro di Bruna Sibille-Sizia, importante scrittrice friulana, di cui recentemente è stata scritta da Martina Delpiccolo la biografia (Una voce carpita e sommersa, Kappa Vu 2019).

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram