gonars_campo

UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO FASCISTA. Gonars 1942-1943

€ 16,00

45 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Una storia che non può essere minimizzata, e che richiede una presa di coscienza collettiva degli Italiani e un suo inserimento anche nel patrimonio conoscitivo delle nuove generazioni.

 

Il 60° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Gonars è l’occasione per la presentazione della pubblicazione che Alessandra Kersevan ha dedicato a questa vicenda.
Un libro nuovo che approfondisce i contenuti di “Oltre il filo” di Nadja Pahor Verri, edito nel 1993, grazie a documentazione inedita e ad una ricerca di grande interesse ed attualità, commissionata dal Comune di Gonars con il contributo della Provincia di Udine, che concorre ad un risveglio della nostra memoria atrofizzata in merito all’esistenza dei campi di concentramento per civili allestiti dal regime fascista durante il secondo conflitto mondiale.

 

IV RISTAMPA

Descrizione

 

Il 60° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Gonars è l’occasione per la presentazione della pubblicazione che Alessandra Kersevan ha dedicato a questa vicenda.
Un libro nuovo che approfondisce i contenuti di “Oltre il filo” di Nadja Pahor Verri, edito nel 1993, grazie a documentazione inedita e ad una ricerca di grande interesse ed attualità, commissionata dal Comune di Gonars con il contributo della Provincia di Udine, che concorre ad un risveglio della nostra memoria atrofizzata in merito all’esistenza dei campi di concentramento per civili allestiti dal regime fascista durante il secondo conflitto mondiale.

Ricordare la tragedia del campo di Gonars e riconoscerne le responsabilità italiane non è solo una questione storica o di politica internazionale ma anche di sensibilità civile ed è per questo che l’Amministrazione Comunale di Gonars ritiene che sia un dovere civico far conoscere quali sono state le responsabilità dell’Italia che pesano sul destino subito dalle popolazioni slovene e croate durante l’occupazione della Jugoslavia.
Nel campo di Gonars, che fu aperto nel 1941 e fu attivo fino al settembre 1943, vennero internati in maggioranza sloveni e croati. Durante questo periodo il regime di vita particolarmente duro causò la morte di oltre 400 internati civili tra cui molte donne e bambini.

La memoria delle vittime di questo campo italiano è custodita oggi da un grande sacrario sorto nel cimitero di Gonars, su progetto dello scultore accademico Miograd Zivković, di cui quest’anno ricorre il 30° anniversario dell’inaugurazione che avvenne nel dicembre 1973. Nel mese di novembre di ogni anno questo luogo della memoria ospita una sentita cerimonia a cui partecipano rappresentanti delle repubbliche slovena e croata ed ex internati.

Poco lontano dal complesso commemorativo sorgeva il campo di cui oggi non resta praticamente nulla, se non le fosse in cemento delle latrine, alcuni resti di piazzole in cemento che servivano a basamento di alloggiamenti e baracche ed un terrapieno che sfuggono allo sguardo dei passanti. La loro presenza, però, potrà permettere la realizzazione di un “parco della memoria” in grado di rievocare in modo autentico il progetto angosciante che lo Stato italiano fascista aveva riservato alle popolazioni della Jugoslavia assoggettate al suo dominio: la deportazione di massa della popolazione civile.

Questi imbarazzanti memorie ci impongono nuove considerazioni e maggiori ricerche. Il sistema dei campi di concentramento fascisti, anche se non ha raggiunto il livello di orrore e sterminio nazista, non deve essere giudicato marginale e la dimenticanza di questa parte di storia accompagnata dalla distruzione di molte delle strutture che la simboleggiano, ci obbliga ad acquisire una maggiore consapevolezza del nostro passato attraverso una corretta divulgazione della memoria per trarne una lezione civile in questa nostra società che deve essere sempre più aperta alla convivenza tra i popoli. Solo in questo modo si potrà contribuire ad una più attenta conservazione di questi luoghi e a mantenere alto il monito contro ogni forma di prevaricazione dei diritti e delle libertà personali.

Gonars, novembre 2003

Ivan Cignola, sindaco del Comune di Gonars

 

ISBN 9788889808702
ANNO Ia ed.2003, IV rist.2010
PAGINE 389
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO FASCISTA. Gonars 1942-1943”

Ti potrebbe interessare…

  • € 10,00

    LA GUERRA DEGLI ULTIMI

    Storia

    Ricordi di un reduce: dalla tragedia jugoslava alla prigionia in Germania

    La storia di un giovane contadino friulano, mandato nel 1941 dal regime fascista ad occupare la Jugoslavia e, come tanti altri soldati italiani, finito poi prigioniero in un campo di concentramento nazista. Attraverso il racconto del figlio Fiorenzo, l’epopea tragica di Luigi diventa il suo grido postumo contro la guerra.

     

  • € 12,00

    IL RAZZISMO FASCISTA – Trieste, 18 settembre 1938

    Storia

    Prefazione di Fulvio Camerini
    in collaborazione con i Cittadini Liberi ed Eguali di Trieste

    Questo libro aiuta a capire il fenomeno, triste ma reale, del razzismo fascista. La storia serve a comprendere un passato da incubo per evitare che oggi si ripresentino dittature e discriminazioni razziali.
    Tali pagine ospitano precise informazioni su un argomento ancora non del tutto studiato a Trieste e altrove. Troviamo i contributi di Silva Bon, Anna Maria Vinci e altri, testimonianze preziose, come quella di Stanka Hrovatin, i freddi testi dei provvedimenti razziali e le inquietanti fotografie del 18 settembre 1938 in Piazza Unità, luogo scelto da Mussolini per dare l’annuncio delle leggi razziali.
    Gli applausi frenetici al “duce” si trasformarono, nel giro di pochi anni, nelle numerose delazioni del collaborazionismo filonazista e nella tragedia dei lager. La Risiera di San Sabba, con le torture verso ebrei, partigiani e altri, rappresenta oggi il luogo della memoria antirazzista. Però essa è anche l’epilogo dell’entusiasmo incosciente della folla accorsa quella mattina di settembre.

  • € 16,00 € 12,00

    FRANC URŠIČ-JOŠKO – Un partigiano ­­­sloveno della Soška Dolina / Valle ­­­dell’Isonzo

    Resistenza storica

    Nell’ambito della lotta di liberazione del popolo sloveno dall’occupazione fascista e nazista, è qui descritta la vicenda personale e drammatica di Franc Uršič-Joško, comandante partigiano sloveno “di confine”, combattente su quella sua stessa terra attraverso la quale, successivamente, sorgerà la cosiddetta cortina di ferro, dal Muro di Berlino all’Adriatico, e spaccherà per decenni il mondo nei due blocchi contrapposti della guerra fredda. Il comandante Joško venne catturato dai nazifascisti, torturato ripetutamente e bruciato, il 7 aprile 1945, nella Risiera di Trieste/Trst, unico lager con forno crematorio in Italia. Di lui restano, a fondamentale testimonianza di lotta, amore per la libertà e giustizia fra i popoli, le lettere che clandestinamente fa avere, all’interno del carcere stesso, alle sue compagne di lotta e di prigionia.

  • € 18,00 € 14,00

    DALLE CATENE ALLA LIBERTÀ – La “Rabska brigada”

    Resistenza storica

    La “Rabska brigada”, una brigata partigiana nata in un campo di concentramento fascista

    Dalle catene alla libertà è la storia della brigata partigiana nata nel campo di concentramento fascista per “slavi”, istituito dall’esercito italiano sull’isola di Rab (Arbe) durante la seconda guerra mondiale.
    Mentre nel campo si compie la tragedia di migliaia di morti per fame, gli internati sloveni, croati ed ebrei organizzano clandestinamente la Resistenza e, dopo l’8 settembre ‘43, nasce la Rabska brigada, simbolo della riscossa dei popoli contro l’oppressione nazifascista.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram