COPERTINA_Faliscjis_1

STORIE DI PARTIGIANI SENZA CONFINI. Briciole di un’epopea

€ 18,00

96 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Un migliaio di soldati italiani antifascisti passarono nelle file della Resistenza jugoslava prima del settembre ’43 (le prime diserzioni risalgono al 1941), dando inizio alla «storia straordinaria di un esercito che, impiegato in una guerra di aggressione, diventa parte viva di una guerra di riscatto e liberazione». Una guerra purtroppo taciuta negli ultimi due-tre decenni. Come si tacciono i crimini del fascismo.

Descrizione

 

Le Storie di partigiani senza confini ci portano in tutte le regioni dell’ex Jugoslavia. Nelle pianure, sui monti e sui mari di quel paese, dappertutto troveremo combattenti antifascisti italiani: sulle isole di Lissa, Curzola, Brazza ed altre degli arcipelaghi dalmati; intorno alle cittadine di Jajce, Livno, Banja Luka, Breza e in tantissime altre località della Bosnia ed Erzegovina; nel Montenegro e nel Sangiaccato, nella Lika e in Slavonia, in Macedonia, nel Kosovo, in tutta la Serbia fino a Belgrado e oltre, a Zagabria e in Slovenia. Dappertutto sparsero il sangue i garibaldini italiani. Li incontriamo perfino nel cielo, alla guida di aerei da caccia dell’aviazione di Tito.
Questo libro ne racconta le storie, spesso raccolte dalla voce dei protagonisti, storie di fratellanza nella lotta tra italiani e jugoslavi. Un’epopea senza confini che è particolarmente importante conoscere, oggi, per contrastare il rinascente nazionalismo e il revisionismo storico.

 

Giacomo Scotti, oriundo napoletano (Saviano, 1 dicembre 1928), dal 1987 pendolare fra la sua città natale e dal 1995 tra Fiume e Trieste, è vissuto per oltre mezzo secolo nell’ex Jugoslavia, operando come giornalista, storico, traduttore, narratore e poeta. Penultimo figlio di una numerosa famiglia di contadini, Giacomo Scotti vide i suoi cari decimati nella seconda guerra mondiale: un fratello sottoufficiale di Marina caduto nella battaglia navale di Capo Matapan, il padre morto di crepacuore, un secondo fratello finito prigioniero degli Alleati per lunghi anni, un terzo fratello deportato dai tedeschi e mai tornato a casa. Queste perdite hanno segnato poi le sue scelte di vita.
Ha scritto e pubblicato in Italia, Serbia, Bosnia, Macedonia e Croazia oltre centocinquanta opere in volume, in più lingue: raccolte di poesie, libri di favole (per Kappa Vu Favole e storie da recitare, 2005), romanzi e raccolte di racconti, ma anche opere storiografiche o tra storia e narrativa. Alle vicende della Resistenza, e in particolare al contributo dato dai partigiani italiani alla Resistenza nell’ex Jugoslavia, ha dedicato una ventina di volumi, fra i quali per Kappa Vu, Tre storie partigiane (2006). Si è occupato anche della drammatica vicenda dei comunisti “cominformisti” italiani in Jugoslavia con il libro Goli Otok. Ritorno all’isola Calva (1991). Dagli anni Novanta del secolo scorso si è dedicato anche a contrastare documentalmente la rinnovata propaganda neo-irredentista su esodo e foibe con Dossier foibe (2005) e, più recentemente, I massacri di luglio. La storia censurata dei crimini fascisti in Jugoslavia (2017).

 

 

ISBN 9788832153064
ANNO 2020
PAGINE 272 + ricco corredo di foto in b/n
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

 

 

RECENSIONE di PIERINO MARAZZANI sul sito giordanobrunomi.wordpress.com:

https://giordanobrunomi.wordpress.com/31-recensioni-di-opere-con-prima-edizione-nel-2020/

“Ottimo saggio storico corredato da note bibliografiche e appendice fotografica in cui si narrano le travagliate vicende delle migliaia di soldati italiani che, dopo l’8 settembre del 1943, scelsero di combattere a fianco dei partigiani jugoslavi contro le armate nazifasciste.

L’autore, nato in provincia di Napoli nel 1928, fu un raro caso di italiano emigrato nell’ex-Jugoslavia, dove svolse la professione di giornalista, storico e traduttore. Contro ogni revisionismo storico sottolinea questa importante esperienza di solidarietà fra popoli di lingua e religione diversa che anticipa gli ideali federalisti europei. Superando tali storici steccati, a migliaia sacrificarono la loro vita lottando contro la barbarie nazifascista che insanguinò tutta la ex-Jugoslavia con le più truci rappresaglie, di cui il libro fornisce vari esempi, che eguagliano per ferocia quanto avvenuto a Marzabotto.

Nel testo non mancano riferimenti alle truppe dell’Armata Rossa che liberarono l’ex-Jugoslavia fra il 1944 e il 1945 e all’aiuto fornito da missioni militari alleate. Tra le 45 foto, da segnalare quella rarissima, la n° 42, di un tricolore con la stella rossa (Pola 1945).”

Pierino Marazzani, dicembre 2020

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “STORIE DI PARTIGIANI SENZA CONFINI. Briciole di un’epopea”

Ti potrebbe interessare…

  • € 13,00

    TRE STORIE PARTIGIANE

    Resistenza storica

    Dalla Macedonia alle Alpi, dappertutto italiani

    “Con l’8 settembre e la capitolazione dell’esercito, centinaia di migliaia di soldati italiani si ritrovarono senza direttive, senza possibilità di difendersi, in Paesi che avevano aggredito e invaso per ordine del regime fascista. In Grecia, in Albania, in Jugoslavia, quei soldati furono aiutati, sfamati, accompagnati attraverso zone impervie perché potessero raggiungere l’Italia; a tutti fu offerto di rimanere a combattere nella lotta partigiana. Giacomo Scotti, uno dei maggiori scrittori della Resistenza, ha raccolto le storie di tre di questi soldati: due ufficiali medici e un marinaio. Dalle inenarrabili sofferenze patite e condivise con i partigiani jugoslavi, emerge il desiderio di riscatto di tutta una generazione di italiani dalla follia delle aggressioni fasciste.”

    dalla Prefazione di Elio Bartolini

  • € 15,00

    FAVOLE E STORIE DA RECITARE

    Ragazzi

    “Cari ragazzi, per me sono ragazzi tutti coloro i quali non hanno perso il gusto delle favole, ragazzi e ragazze dai sette ai settantasette anni. A loro e cioè a voi, dedico le pagine che vi accingete a sfogliare. Esse contengono una cinquantina di storielle, favolette, raccontini in versi. Li ho scritti divertendomi e per divertire, spero di rallegrare anche voi. Vedrete che, oltre a provarci gusto, leggendo e recitando imparerete qualcosa. Io ho imparato molto ascoltando bambini e ragazzi.”

    Giacomo Scotti

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram