scur_di_lune

SCÛR DI LUNE

AuthorDI Checo Tam

€ 10,00 € 5,00

199 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Lis contis di Checo Tam a puedin fevelâ di concierts di musiche dark dai agns otante, come ancje di aliens ae mode de fantasience dai agns cincuante, ma ancje de “Sagre dai Pirùs” di Pavie di Udin. A mostrin une rare capacitât di puartâ in sene personaçs e storiis, che a saltin fûr di un imagjinâri une vore complès e imagjinific, ma al stes timp coerent e peât aes esperiencis vivudis in prime persone dal naradôr-protagonist sul sfont di un Friûl aromai semi-rurâl. O semi-industriâl e globalizât – dipent di cemût che si vûl cjalâlu.

I racconti di Checo Tam, che possono parlare di concerti di musica dark anni ottanta, come di alieni secondo la moda della fantascienza anni cinquanta, ma anche della “Sagra delle Pere” di Pavia di Udine, mostrano una rara capacità di portare in scena personaggi e storie, che saltano fuori da un immaginario assai complesso, ma allo stesso tempo coerente, legato alle esperienze vissute in prima persona dal narratore-protagonista sullo sfondo di un Friuli ormai semi-rurale. O semi-industriale e globalizzato – dipende dal punto di vista.

Descrizione

 

Francesco Tami è uno di quegli scrittori – qualcuno a questo punto potrebbe aspettarsi l’inevitabile aggettivo “friulano” … ma no, mettiamoci d’accordo, uno scrittore è uno che scrive bene, quale che sia la lingua che utilizza! – che ti lascia il desiderio di leggere sempre nuovo materiale in uscita dalla sua officina creativa.
Sarà perché i suoi racconti, che possono parlare di concerti di musica dark anni ottanta, come di alieni secondo la moda della fantascienza anni cinquanta, ma anche della “Sagra delle Pere” di Pavia di Udine, mostrano una rara capacità di portare in scena personaggi e storie, che saltano fuori da un immaginario assai complesso e immaginifico, ma allo stesso tempo coerente e legato alle esperienze vissute in prima persona dal narratore-protagonista sullo sfondo di un Friuli ormai semi-rurale. O semi-industriale e globalizzato – dipende dal punto di vista dal quale lo si vuole guardare.
A differenza delle altre pubblicazioni, maggiormente strutturate secondo un genere letterario ben definito – la raccolta di racconti La maree nere e il romanzo Sense – in Scûr di lune l’autore socchiude la porta del suo laboratorio e ci lascia rovistare anche tra prove ed esperimenti, versioni “beta” di storie che stanno prendendo forma, fiabe, sogni, versi.
In una visione ove il reale si trasforma in magia, Francesco è ancora capace di discernere ciò che gli altri non vedono più, le miriadi di storie potenziali in quello che guardiamo distrattamente ogni giorno. Ma l’autore al tempo stesso mantiene un distacco ironico, anche dalle sue passioni autentiche («Il punk. O vevi savût su Grand Hotel che al esisteve chel moviment…». «Il punk. Avevo appreso su Grand Hotel che esisteva quel movimento…»); la tensione per il misterioso a volte si sfalda di colpo nella luce diurna del Friuli ex-contadino, che sostituisce «il legno con la plastica».
Con una coscienza più profondamente ecologica, Francesco sa che la sua è una voce che non si arrende alla desertificazione, del mondo esterno e interno a noi:
“Tu mi âs dit che a jerin des pieris li de muraie merlade dal palaç. Dulà sono?”
No son plui. Di tancj agns. Lis àn gjavadis di cuant che dute la int e à finît di contâsi storiis.
Von Grimoaldo no si trasforme plui in lupo mannaro.
La int e je dute platade in cjase.
A son ducj rincoionîts devant de televisionate.
Puare int.

Stefania Nonino

 

ISBN 9788889808511
ANNO 2008
PAGINE 120
FORMATO (cm)
11,5 x 17
LINGUA Friulano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “SCÛR DI LUNE”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    DISVUEDANT IL SCANSEL

    Friulano

    Sul cjast al jere un vecjo scrin cuntune specjere, un plan di marmul e cuatri scansei. I prins trê si podevin vierzi cu la rispetive clâf. A vevin dentri dome vecjos vistidats roseâts des tarmis e dai catans cuasi cence valôr: un orloi fer, ocjâi di soreli e di viste, rivistis di sport. Max al veve cjapat in man martiel e scarpel par scantinâ la clavarie dal unic scansel cence clâf, il plui in bas… Al capì daurman che al jere di front a la memorie di so barbe. Il barbe al jere muart za di tancj agns ma Max si visave ancjemò de sô vôs. Al tacà a lei cun passion chel materiâl dut scrit par furlan: alore i pareve che il barbe i stes fevelant…

  • € 10,00

    CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

    Friulano

    Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis. Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

  • € 12,00

    CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    Lis storiis di Raffaele Serafini a van indenant e indaûr intal timp dilunc di un troi che nus permet di butâ la voglade suntun pocjis des vicendis cressudis sul arbul gjenealogjic di une famee dal Friûl di mieç. Di conte in conte a cambiin duncje i protagoniscj, i timps, i stîi di vite, il paisaç che si pues viodi dulintor e, ae fin, a ’ndi ven fûr un Friûl che al è tal stes timp familiâr e fûr dai schemis. Dulà finissie la realtât e dulà tachie la invenzion? La veretât e je che nol è cussì impuartant savêlu parcè che, une volte tirâts dentri di une conte, si jentre intun mont che al è reâl ancje cuant che al è fantastic e che al è inventât ancje cuant che al è vêr.

  • € 12,00 € 8,00

    SES & BARETE contis curtis

    Friulano

    Vincj contis golosis, dulà che il ses al è il protagonist, miscliçât al plasê ma ancje aes pôris, frustrazions e, soredut, a chel tant di stupiditât che al gjenar uman no i mancje mai. Il dut insavorît cun ironie, juste par no butâ dret in muse che o sin ducj part di une umanitât avonde fûr di gamele.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram