racconti_udinesi

RACCONTI UDINESI

€ 10,00 € 8,00

30 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Gli scritti conclusivi del corso di scrittura creativa tenuto all’inizio del 2007 da Marina Giovannelli con i racconti di:

Maria Grazia Beltrami, Cristina Benedetti, Elena Braida, Laura Bulletti, Lisa Ermacora, Manuela Fraioli, Paola Franceschini, Anonimo Friulano, Claudia Gatti, Cristina Micelli, Lucia Revelant, Sergio Sichenze, Marco Maria Sponga.

Descrizione

 

Dopotutto per diventare un buon calzolaio non basta essere un appassionato del piede umano: bisogna anche intendersi di cuoio, di strumenti, occorre saper scegliere il modello adatto…
Wislawa Szymborska, Posta letteraria

Una volta il direttore del mio giornale mi disse d’essere sicuro che ho una mia opinione sulle cose ma che la nascondo bene sotto le ipotesi innumerevoli prospettate davanti a una qualsivoglia questione. Che sia relativismo? Di questi tempi non è un complimento venir considerata relativista, però non mi dispiace essere possibilista (Giorello direbbe prospettivista).
Ma la domanda è: può insegnare una possibilista? Visto che ho insegnato tutta la vita, devo aver deciso che sì, ma ora mi sono messa a insegnare scrittura creativa, cosa che non credo possa essere fatta. Che dire delle mie contraddizioni?

Marina Giovannelli

 

CODICE INTERNO 009
ANNO 2007
PAGINE 112
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “RACCONTI UDINESI”

Ti potrebbe interessare…

  • € 13,00

    EROINE DEL MITO. Figurazioni

    Narrativa

    A cura di Marina Giovannelli

    Chi può dire che donna sia stata veramente Elena di Troia? Chi fu testimone del sacrificio di Alcesti? A chi risponde tragicamente la fanciulla Eco? E Circe, fu davvero perfida incantatrice?

    Queste e altre “eroine”, pensate in epoche imprecisate del più lontano passato, sono state raccontate in diverse varianti, assumendo di volta in volta caratteristiche rispondenti ai tempi della storia e dell’immaginazione, ai luoghi della geografia e della psiche. Si tratta di “miti letterari”, che continuano a interrogare le profondità della natura umana e a confermarne l’infinita capacità di narrazione. Non “miti originari”, dunque, ma interpretazioni e interpretazioni di interpretazioni, sempre vitali, sempre contemporanee, poiché l’oscuro nucleo primitivo include il superamento di antinomie rigidamente razionali e dà spazio alle sfumature più recondite e imprevedibili del dispiegarsi delle passioni, proponendole alla capacità ordinatrice della parola.

  • € 20,00 € 12,00

    FIABESCA storie di donnole, galline, briganti e regine rivisitate

    Narrativa

    La fiaba non è la vita, ma ne custodisce la speranza, proprio per chi si trova nella situazione più disperata.
    La nostra civiltà, per chi la consideri oltre la superficie illusoriamente rassicurante, non è meno misteriosa del bosco, e il nostro inconscio, dove affondano le loro radici di senso le fiabe, somma i misteri dei boschi, degli oceani e delle città. Tanto ignoti a noi stessi, non meno che agli altri, possiamo però raccontare, come le Autrici di queste fiabe, e, attingendo al sogno a occhi chiusi o a occhi aperti, tracciamo vie possibili proprio dove non sembrano esistere. Così a una storia segue un’altra storia, che essendo nuova porta in sé le tracce delle storie passate, e immaginando il futuro lo invita a illuminare il presente.

    Dalla postfazione di Adalinda Gasparini

  • € 10,00 € 6,00

    SEPEGREPETIPI

    Narrativa

    La lingua dell’origine fra parola e afasia

    a cura di Marina Giovannelli

    Otto donne, raccolte nel gruppo Anna Achmàtova, si incontrano e parlano della propria infanzia, del rapporto con il linguaggio, con la madre, la famiglia, il gruppo di appartenenza. Un percorso apparentemente facile ma che via via si fa più profondo, più articolato, più coinvolgente. Ne nascono otto storie che offrono un delicato quadro d’insieme del rapporto fra linguaggio, crescita e vita.

     

     

  • € 13,00 € 10,00

    NIENTE COME PRIMA

    Narrativa

    Il passaggio del ’68 tra storia e memoria

    Risuonano voci di donne, ciascuna nella propria singolare e differenziata unicità, a riprova che la differenza di genere incrocia molteplici differenze: appartenenze generazionali e sociali, luoghi e percorsi di elaborazione. Comune a tutte è invece la ricerca di quella libertà che significa possibilità di raccontare un romanzo di formazione femminile non più a senso unico ma articolato nelle più varie direzioni pensabili.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram