quel_maggio

QUEL MAGGIO SUL CORMOR

€ 12,00

29 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Lotte nonviolente per il pane, il lavoro, la dignità

Splendido esempio di protesta popolare nonviolenta, quelle del Cormor furono lotte per bisogni umani fondamentali – il pane, il lavoro, il territorio, la dignità. Restano purtroppo sconosciute rispetto alle ben più celebri lotte contadine guidate da Danilo Dolci nella Sicilia del dopoguerra, pur precedendole di qualche anno e ricalcando per molti aspetti quelli che erano stati i metodi d’azione che permisero all’India di Gandhi di liberarsi dal giogo del colonialismo britannico.

Descrizione

 

Cercheremo di capire cos’è stato e in quale contesto politico ed economico andò ad inserirsi questo “sciopero alla rovescia” a cui presero parte migliaia di disoccupati friulani nel lontano 1950. Tanta la voglia di esserci, di cambiare, di divenire artefici del proprio destino… Insegnando che anche quando sembra impossibile, ”un’altra via” pacifica e libera dalla violenza è sempre percorribile. Insomma, un magnifico esempio di fratellanza e solidarietà che vale la pena riscoprire.

 

ISBN 9788897705536
ANNO 2015
PAGINE 112
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “QUEL MAGGIO SUL CORMOR”

Ti potrebbe interessare…

  • € 14,00

    ANCHE LE CICALE PIANGONO

    Storia

    La storia di vita di Felice Tollon dalle lotte del Cormor all’emigrazione in Francia

    “Sono passati 60 anni da quando Felice è partito ragazzo, con pochi soldi in tasca, per affrontare il mondo. Nonostante gli studi, le letture, le epoche, gli sconvolgimenti sociali e le diverse condizioni di partenza che ci dividono, rivedo negli occhi di quel ragazzo la mia generazione, fatta di valigie in mano e titoli di studio nel cassetto. È la “fuga dei cervelli” che non fa rumore, ancora una volta per le strade del mondo, ancora una volta per dare un’occasione alla speranza. A noi Felice, con le sue parole, può forse insegnare quello che nessun libro ha fatto fino adesso, ossia come farcela, nonostante tutto.”

  • € 12,00

    IL PROFUM DAL PAN

    Friulano

    inte Basse furlane cu lis vicendis dai mulinârs di Muçane

    Cheste e je la storie di trê gjenerazions di mulinârs dal Mulin di Muçane. Gjondis e dolôrs contâts des testemoneancis dai ultins dissendents e dai documents de famee che a àn conservât cun amôr. Un tornâ a un timp che nol è plui, intun afresc vivarôs di une part de Basse furlane contadine.

  • € 15,00 € 10,00

    IL PROFUMO DEL PANE

    Saggistica

    nella Bassa friulana attraverso le vicende dei mulinârs di Muzzana

    a cura di Francesca Gregoricchio

     

    Questa è la storia di tre generazioni di mulinârs del Mulino di Muzzana del Turgnano. Gioie e dolori raccontati dalle testimonianze degli ultimi discendenti e da documenti amorevolmente conservati. Un tornare ad un tempo che non c’è più, attraverso un vivido affresco di una parte della Bassa friulana contadina, legata ai ritmi di una natura a volte prodiga a volte terribilmente avara. Ma è anche un tassello della grande storia, quella che ha lasciato ferite profonde nel tessuto sociale durante l’occupazione nazi-fascista; quella che ha visto la tenace riscossa con la lotta partigiana e poi i giorni della ricostruzione con la speranza in un nuovo futuro. E il Mulino di Muzzana e la sua gente sono sempre fra i protagonisti. Immagini di un mondo raccolte anche dai ricordi di un bambino che, oggi adulto, conserva ancora dentro di sé l’inebriante profumo del pane che nasceva dalle farine di quel Mulino.

  • € 11,00

    VARECHINE

    Saggistica

    Storie di donne, di braccianti e partigiani

    Terzo “viaggio” di Gino Dorigo fra storie di donne. Il denominatore comune è sempre la memoria di un possibile cambiamento dello stato delle cose non solo a livello individuale ma anche collettivo. Qui si parla di ragazze che con un lavoro molto faticoso e con lotte generose hanno reso il mondo più pulito di come lo avevano trovato. Donne che fanno emergere un forte sentimento di appartenenza per i luoghi della loro vita. Queste “figlie del popolo“, lottando contro lo sfruttamento e contro la dittatura del fascismo, difesero la loro dignità personale e anche quella della collettività locale.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram