procreava

«Procreava senza l’autorizzazione dei suoi superiori»

AuthorDI Maria Tolone

€ 20,00

10 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

La Guardia di Finanza vista dai Finanzieri Democratici

Il “Movimento dei Finanzieri Democratici” nasce nell’aprile del 1976. Nel 1994 è stata fondata l’Associazione “Progetto Democrazia in Divisa” per porre le premesse della costituzione di un sindacato a cui segue, nel 1998, la nascita dell’Associazione “Movimento dei Finanzieri Democratici”. Obiettivi sono: una maggiore trasparenza degli atti amministrativi, detenuti dai comandi del Corpo, mediante una corretta applicazione della Legge nr. 241/1990; una maggiore democratizzazione della struttura; la sindacalizzazione e la smilitarizzazione della Guardia di Finanza, attualmente una struttura amministrativa organizzata su modello militare, unica al mondo.

Descrizione

 

Il “Movimento dei Finanzieri Democratici” nasce nell’aprile del 1976 dall’iniziativa di Vincenzo Montenegro che si oppone all’insofferenza, manifestata dalle gerarchie, nei confronti dei finanzieri studenti, ai quali non viene concessa la fruizione delle 150 ore e spesso subiscono il trasferimento d’autorità. Nel 1994 è stata fondata l’Associazione “Progetto Democrazia in Divisa” per porre le premesse della costituzione di un sindacato a cui segue, nel 1998, la nascita dell’Associazione “Movimento dei Finanzieri Democratici”. Obiettivi sono: una maggiore trasparenza degli atti amministrativi, detenuti dai comandi del Corpo, mediante una corretta applicazione della Legge nr. 241/1990; una maggiore democratizzazione della struttura; la sindacalizzazione e la smilitarizzazione della Guardia di Finanza, attualmente una struttura amministrativa organizzata su modello militare, unica al mondo. Ad essa sono demandati anche compiti che esulano da quelli economico-fiscali: ordine pubblico, controllo del territorio, pattugliamento marino ed aereo delle coste, vigilanza e soccorso in montagna, vigilanza e difesa militare delle frontiere, scorte e compiti di polizia giudiziaria, lotta al crimine organizzato anche con reparti speciali di intervento. Troppi compiti, che in gran parte sono già competenza di altre forze di polizia o di forze armate. Ciò determina la formazione di un apparato elefantiaco e fortemente militarizzato.

Il presente lavoro vuole rendere testimonianza dell’azione dei Finanzieri Democratici, che hanno cercato di rendere più snella questa struttura (dotata persino di un servizio segreto interno, denominato Servizio Informazioni) e che spesso, pur muovendosi in un ambito legale ed istituzionale, sono stati ostacolati in vari modi e persino definiti “sovversivi”.

 

ISBN 9788897705413
ANNO 2013
PAGINE 360
FORMATO (cm)
16,5 x 23,5
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “«Procreava senza l’autorizzazione dei suoi superiori»”

Ti potrebbe interessare…

  • € 5,00

    FRAMMENTI SULLA GUERRA – Industria e neocolonialismo in un mondo multipolare

    Saggistica

    Con i contributi di: Gregorio Piccin, Rossana De Simone, Claudio Giangiacomo, Gabriel Moreschini, Geraldina Colotti, Antonio Mazzeo

     

    Questo lavoro collettivo intende proseguire il progetto di ricerca avviato con Se dici guerra… (ed. Kappa Vu, 2014) ponendo l’accento sugli sviluppi dei vari aspetti che compongono il più spregiudicato processo produttivo globale: la guerra. Industria, governi, alti vertici militari e media mainstream stanno consolidando un modello di belligeranza privatizzato basato sulla “professionalità” e su narrazioni capovolte che vedono l’occidente “civile e democratico” obbligato a difendersi da minacce che assumono caratteristiche sempre più asimmetriche e ibride. Questo nuovo approccio comunicativo post ’89 è servito a mascherare il rilancio dei fatturati dell’industria di riferimento in crisi dopo il collasso del Patto di Varsavia e a restituire senso alla Nato, un’alleanza militare divenuta repentinamente obsoleta e fuori tempo.

  • € 13,00

    DA GLADIO A COSA NOSTRA

    Quaderni del Picchio

    Storie di traffici d’armi, corruzione, mafia, banche e servizi segreti tra Capaci e Sarajevo

    Secondo il giudice fiorentino Pier Luigi Vigna, la mafia può entrare in possesso, di armi chimiche, (acquistandole da gruppi di criminalità organizzata che operano nei paesi dell’Est), nucleari e batteriologiche. La notizia è di per sé gravissima e diviene ancora più sconvolgente se messa in relazione con le dichiarazioni del ministro della sicuerzza della Federazione Russa, secondo cui sono i servizi segreti occidentali ad arruolare e foraggiare i boss locali favorendo il traffico di valuta falsa, armamenti e droga. Esiste quindi una connection nucleare tra Cia, spie russe, gladiatori italiani, servizi segreti, certa massoneria, mafiosi nostrani e legati ai cartelli colombiani, trafficanti di stato del mondo arabo, uomini politici corrotti e una fitta rete di personaggi che costituiscono la base su cui poggia questo impressionante progetto. Questo libro indaga soprattutto su quanto avviene in uno snodo strategico di questi traffici di morte, il Nord Est e il confine orientale.

  • € 12,00

    SE DICI GUERRA… Basi militari, tecnologie e profitti

    Saggistica

    Con i contributi di: G. Alioti, G. Casarrubea, R. De Simone, T. Di Francesco, M. Dinucci, A. Mazzeo, A. Pascolini

     

    Un sindacalista, uno storico, un geografo, un fisico, due giornalisti, un’ex lavoratrice del comparto militare industriale, un amministratore locale toccano in questo lavoro collettivo i vari aspetti che compongono il mosaico della guerra permanente: la storia dell’atlantismo, la disinformazione mirata, gli eserciti professionali, le nuove dottrine della Nato, l’espansione delle istallazioni strategiche statunitensi in Italia, lo stato di fatto del nucleare militare e delle industrie d’armi.

  • € 13,00 € 8,00

    DAL MILITARE AL CIVILE

    Saggistica

    La conversione preventiva della base USAF di Aviano
    Ricerche e progetti

    Come comportarsi di fronte a una base militare in attività? Dal militare al civile. La conversione preventiva della base USAF di Aviano. Dietro a questa definizione risiede l’intenzione di contrastare le basi a scopi militari nel mondo, convertendo il loro utilizzo a scopi civili. Si tratta di un cambiamento dal basso, ecologico e sociale, le cui prospettive sono mirate soprattutto al risparmio di tempo e risorse utili, alla prevenzione di un contraccolpo economico e di eventuali speculazioni, al rifiuto delle nuove militarizzazioni e delle loro conseguenze dannose per l’ambiente.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram