BivioParadiso_CoverOK

PRIMA CHE LE TROMBE SQUILLINO LA PRIMA NOTA DI PACE. Bivio Paradiso, 1918-2018

€ 24,00

48 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Trascorso un secolo dalla fine della Grande Guerra, il Comune di Castions di Strada, depositario della memoria dell’ultimo cruento episodio che ha posto fine all’immane conflitto in Italia, ha inteso cogliere l’occasione per affidare ai Curatori di questo volume un’approfondita ricerca sulle vicende locali di tutto il periodo bellico, concentrando l’attenzione sulla pietra della memoria di Bivio Paradiso, rappresentata dal Monumento realizzato nell’immediato dopoguerra a ricordo della Carica del 4 novembre 1918.

Descrizione

 

Trascorso un secolo dalla fine della Grande Guerra, il Comune di Castions di Strada, depositario della memoria dell’ultimo cruento episodio che ha posto fine all’immane conflitto in Italia, ha inteso cogliere l’occasione per affidare ai Curatori di questo volume un’approfondita ricerca sulle vicende locali di tutto il periodo bellico, concentrando l’attenzione sulla pietra della memoria di Bivio Paradiso, rappresentata dal Monumento realizzato nell’immediato dopoguerra a ricordo della Carica del 4 novembre 1918.
L’indagine storica ha ricostruito analiticamente le vicende di quei tragici momenti e restituito dignità ai Caduti, attraverso l’uso di documenti e materiale iconografico d’epoca, ad oggi in buona parte inediti.

 

Claudio Zanier (Associazione Storica Tiliaventum – Udine), nato a Tolmezzo il 27 novembre 1968, ricercatore storico. Autore e curatore di numerosi saggi sulla Storia militare del Friuli, con particolare riferimento alla Prima guerra mondiale.

Paolo Strazzolini (Associazione Storica Tiliaventum – Udine), nato a Udine il 23 aprile 1956, Docente (Università di Udine) e ricercatore storico. Autore di articoli e saggi inerenti diverse tematiche di Storia del Novecento friulano.

 

Hanno offerto la loro collaborazione, con entusiasmo e a titolo non retribuito:
Daniela Baldo
Stefano D’Ambrosio fu Dario
Fabio Marco Dalla Vecchia
Enrico Fantin (Associazione culturale la Bassa – Latisana)
Giovanni Forni (Associazione culturale “IL CIDUL” – Torsa, Paradiso, Pocenia, Roveredo)
Valentino Gigante
Andrea “Kurtz” Orlandi

 

 

ISBN 9788832153033
ANNO 2019
PAGINE 480
FORMATO (cm)
21,5 x 27,5
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “PRIMA CHE LE TROMBE SQUILLINO LA PRIMA NOTA DI PACE. Bivio Paradiso, 1918-2018”

Ti potrebbe interessare…

  • € 25,00 € 15,00

    1919 L’ANNO DELLA PACE E DELLA RICOSTRUZIONE

    Storia

    a cura di Enrico Folisi
    premessa di Furio Honsell
    Libro fotografico

    Non solo catalogo per la mostra tenuta ad Udine nel novembre 2009, il libro descrive per immagini una Udine appena uscita da un disastroso conflitto mondiale che l’ha vista al centro di alcuni dei momenti più drammatici e devastanti. Nel ’19, tornata italiana, Udine getta le basi per tutto quella che sarà la “visione della città nel Novecento”. Un processo lungo ed articolato che vede concretizzarsi, non solo nell’architettura, ma anche nella cultura e nella visione della realtà, il laborioso processo di passaggio dalla guerra alla pace. È in questo periodo che va formandosi quella identità urbana che costituisce la memoria storica di una città. Saggi storici di Enrico Folisi e Massimo Bortolotti.

  • € 15,00

    IL SINDACO EBREO. ELIO MORPURGO IN FRIULI TRA OTTO E NOVECENTO

    Storia

    In questa parabola quasi emblematica ci sono molte delle caratteristiche tipiche degli ebrei tra Ottocento e Novecento: il loro entusiasmo, l’inserimento riuscito nella società che li circondava, il loro successo, la loro colpevole adesione al fascismo, il tradimento, la morte… Temi forse più adatti ad una tragedia greca piuttosto che ad un ritratto di storia civile e sociale.

    Riccardo Calimani

  • € 23,00 € 16,00

    PIETRO ANTONIO ANTIVARI

    Storia

    Vescovo dei friulani a fine Ottocento

    A Milano, la corrispondenza giunta da Udine all’«Osservatore Cattolico» tesse le lodi di Antivari, si duole del «vuoto terribile» che la sua dipartita lascia nel cuore di tutti e aggiunge, accanto ad altri ricordi, il seguente: «Indimenticabile è stata l’accoglienza fatta a mons. Antivari dopo il suo ritorno da Roma: le primarie famiglie del Friuli gareggiavano nell’offrirgli magnifici doni, era il voto unanime di tutto il nostro paese che tributava sentiti ringraziamenti al Santo Padre per aver così onorato colui che per quarant’anni con fatiche indefesse aveva dato al Friuli tanti sacerdoti esemplari». Ma lo stesso giornale non manca di dare spazio a una replica polemica nei confronti della stampa liberale: «Alcuni graffiacarte locali vorrebbero insultare la memoria dell’amato Vescovo, dipingendolo un po’ liberaleggiante e perciò contrariato dall’alto clero, ma tutti quelli che lo hanno conosciuto possono sicuramente asserire quanto forte fosse la sua affezione al papato e quanto vivace battesse nel suo petto l’amore alla causa cattolica, ch’esso avrebbe voluto fiorentissima». Il corrispondente cattolico, dunque, esclude sia che l’Antivari possa avere mai condiviso tendenze non del tutto in linea con l’ortodossia più intransigente, sia che vi siano state opposizioni nei suoi confronti da parte di altri prelati di primo piano, perché ritiene tali eventualità incompatibili con l’indiscutibile fedeltà del vescovo friulano nei confronti del pontefice e, in generale, della causa cattolica: così facendo, però, scarta a priori la possibilità che gli aspetti citati possano coesistere e, forse, non coglie la profondità e l’originalità del modo di essere di Antivari.

  • € 20,00 € 15,00

    IL DOTTOR SACHS

    Storia

    Un medico ebreo in Friuli e la sua famiglia tra Otto e Novecento

    La “piccola e comune” storia del medico condotto ebreo di Gonars e San Daniele e della sua famiglia, benvoluto dalla popolazione ma osteggiato, in quanto ebreo, da alcuni benpensanti e dai mezzi di informazione loro rappresentanti. Una storia che consente di addentrarci nelle ragioni e nella forma con cui si esprimeva l’antisemitismo del tempo. Un lavoro accurato di ricerca storica, fra stampa dell’epoca, documenti ufficiali, testimonianze, che ha permesso di ricostruire la storia dei Sachs e dei Gentilli, due delle famiglie della comunità ebraica friulana del tempo e di tracciare, al contempo, un quadro, su tre temi fondamentali e di grande rilevanza: l’antigiudaismo storico, i rapporti fra ebraismo e medicina, la questione ebraica nei suoi riflessi attuali. Temi che, ancora oggi, interessano e condizionano il nostro presente.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram