fbpx
no_golbal

NO GOL BAL

€ 17,00 € 12,00

29 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Mondiali 2010, a sorpresa e dopo aver sbaragliato le squadre africane, il Mozambico si qualifica per i mondiali. È una squadra “anomala”: non ha sponsor, gioca un calcio “antico” con il libero all’italiana; nessuno dei suoi giocatori si lascia intervistare o coinvolgere nel circo mediatico che ruota attorno a questo sport. In porta ha un formidabile portiere italiano, Giacomo Grimaldi, che non ne sbaglia una… Ha un “segreto” che farà la fortuna della squadra del Mozambico, paese in cui Grimaldi si rifugia, ma che gli creerà anche non pochi problemi.

Da leggere tutto d’un fiato.

Descrizione

 

“Da bambino ero convinto di avere una sfortuna intermittente.
I giorni pari andava tutto bene, quelli dispari una catastrofe.
Era diventata una fissazione, oggi lo posso dire, così come il fatto che c’entrasse la mia famiglia e la convinzione di essere nato vecchio, proiettato verso uno “ieri” sempre migliore, anche se non l’avevo vissuto. L’ossessione dei giorni alterni prese inizio una domenica d’agosto. Una volta l’anno, per la festa del santo protettore del paese di mio padre, il vescovo concedeva una dispensa a celebrare la messa in latino, con la liturgia preconciliare. Avrete capito che don Anselmo, il prete, era un tradizionalista, un seguace del vescovo Lefebvre, uno che odiava allo stesso modo i comunisti e ogni forma di rinnovamento.
Mia madre, cattolicissima, venerava Giovanni XXIII, ma allo stesso tempo riconosceva l’autorità dei preti e poi in fondo la messa in latino la faceva tornare giovane. Essere scelti per servire quella messa era un onore riservato a pochi. La Chiesa si riempiva di fedeli provenienti da tutta Italia, insomma, a dirla tutta, era anche un grande affare economico per i commercianti del paese.
La rappresentazione doveva essere di alto livello: paramenti sacri di lusso, cantori, chierici e chierichetti. Mia madre, ovviamente, ci teneva tanto che suo figlio facesse parte della funzione; aveva talmente insistito con don Anselmo che alla fine il parroco aveva acconsentito e mi aveva affidato il compito più ambito: spostare il messale da un lato all’altro dell’altare. Era un incarico di fiducia, considerato allo stesso livello dello scampanellio durante il Sanctus e del roteare il turibolo che sbuffava volute d’incenso. Il giorno del debutto, un caldo boia scioglieva in rivoli di sudore un’assemblea attenta ma affranta, che emanava sospiri e agitava ventagli.”…

 

ISBN 9788889808832
ANNO 2010
PAGINE 272
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “NO GOL BAL”

Ti potrebbe interessare…

  • € 15,00 € 10,00

    LO STARNUTO

    Narrativa

    Si può essere allergici agli imbrogli? Enrico Waller, 10 anni, ne ha conferma una fatale mattina, mentre affronta il quotidiano virtuosismo con i poltelli, economici biscotti con la data di scadenza maldestramente corretta a pennarello. Ed eccolo allora il primo STARNUTO: improvviso, tonante, devastante!

    Divertente, pungente, per lettori dai 7 agli 80 anni (ed anche oltre).

  • € 15,00 € 10,00

    IL GRIOT E ALTRE STORIE SENEGALESI

    Narrativa

    Illustrazioni di Tamara Zambon

    “Ma il mio vero maestro è stato babbo Idrissa. Da lui ho imparato che la musica è storia, e la storia è vita, finché le storie degli uomini trovano un canto e una melodia, non moriranno”. Queste le parole di Lamin giovane Griot, il cantastorie che ci accompagna in Senegal e ci fa conoscere la sua cultura, ma anche i desideri e le emozioni dei protagonisti di questi racconti.

  • € 13,50 € 10,00

    LETTERE DAL SUDAN

    Narrativa

    Tre mesi in Sudan

    Internet come unico mezzo di comunicazione con il cosiddetto primo mondo. Una testimonianza diretta, febbrile, del rapporto fra occidente e oriente, islam e cristianesimo, colonizzatori e colonizzati, primo, secondo e terzo mondo. Un’esperienza in cui il tempo e lo spazio si capovolgono, si dilatano, si distorcono. Una lotta quotidiana contro le ingiustizie, la fame, il clima, le prepotenze. Un rapporto speciale con gli abitanti, le donne e i bambini, in un romanzo-diario in cui l’autrice è consapevole delle nostre misere battaglie quotidiane a confronto con il bisogno di pane, acqua e libertà di tanta parte del mondo.

Facebook Icon