mari_aghe

MARI AGHE

€ 8,00 € 6,00

40 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

a cura di Anna D. Pellegrino e Daniela Zorzini
traduzione in italiano di Franca Mainardis
filastrocjis di Mauro Tubetti (DJ Tubet),
adatament teatrâl di Daniela Zorzini

 

È primavera e non piove da mesi.
Nel prato i fiori assetati chiedono a gran voce un po’ d’acqua. Mari Aghe corre in aiuto del prato assieme ai suoi figli Nuvoletta di nebbia, Chicco di grandine, Fiocco di neve, Spruzzatina di brina e Gocciolina di pioggia. Ma non basta. Sarà il vento di scirocco a dissetare il prato: con il suo calore muta in acqua e in pioggia la neve, la grandine, la nebbia, la brina. Una storia che insegna l’importanza di rinunciare a qualcosa di sé per donarla agli altri, che insieme si può fare molto e che la gratitudine è la più bella delle virtù.

Descrizione

 

“Ho letto il testo esile, tenero, fantasioso, attuale di Franca Mainardis. Ho seguito con apprensione, da lontano, il paziente lavoro di messa in scena guidato da Daniela Zorzini. E ho assistito con commozione allo straordinario risultato presentato al teatro Giovanni da Udine il 7 marzo 2010, dove la lingua friulana ha trionfato in uno spettacolo per bambini bellissimo, riuscito sotto ogni aspetto.
Un grande palco trasformato, con pochi tocchi, in un cortile del Friuli contadino, invaso da folletti/gocce figli di Mari Aghe che li vigila dall’alto della sua nube mentre dicono il testo, ballano, ritmano le filastrocche di DJ Tubet, accanto a buffi fiori assetati; ai quali solo dopo molti errori, uniti, riescono a portare aiuto. Una regia ricca di idee, una squadra affiatata, una lingua viva per un intrattenimento di alta qualità. E una grande soddisfazione, per me, per aver creduto in un lavoro che ha riunito tante forze, portandole ad un prezioso successo, ora compendiato in questo libro.”

Tarcisio Mizzau (Presidente Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine)

 

ISBN 9788889808207
ANNO 2010
PAGINE 56
FORMATO (cm)
11,5 x 17
LINGUA Friulano/Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “MARI AGHE”

Ti potrebbe interessare…

  • € 14,00

    LE OPEROSE ROGGE DI UDINE

    Saggistica

    LA LUNGA STORIA DEGLI OPIFICI E DEI MULINI NEL BORGO DI SANT’OSVALDO

    Un percorso di immagini e parole dai fiumi alle antiche rogge e ai canali che attraversano Udine. Una ricerca storica per far conoscere un patrimonio ambientale, sociale ed economico in una prospettiva di conservazione e valorizzazione della città e dei suoi quartieri.

  • € 12,00

    IL PROFUM DAL PAN

    Friulano

    inte Basse furlane cu lis vicendis dai mulinârs di Muçane

    Cheste e je la storie di trê gjenerazions di mulinârs dal Mulin di Muçane. Gjondis e dolôrs contâts des testemoneancis dai ultins dissendents e dai documents de famee che a àn conservât cun amôr. Un tornâ a un timp che nol è plui, intun afresc vivarôs di une part de Basse furlane contadine.

  • € 10,00

    GJAT UT E LA PLOIE

    Didattica

    Lis aventuris di Gjat Ut a son scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.

    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 15,00 € 10,00

    IL PROFUMO DEL PANE

    Saggistica

    nella Bassa friulana attraverso le vicende dei mulinârs di Muzzana

    a cura di Francesca Gregoricchio

     

    Questa è la storia di tre generazioni di mulinârs del Mulino di Muzzana del Turgnano. Gioie e dolori raccontati dalle testimonianze degli ultimi discendenti e da documenti amorevolmente conservati. Un tornare ad un tempo che non c’è più, attraverso un vivido affresco di una parte della Bassa friulana contadina, legata ai ritmi di una natura a volte prodiga a volte terribilmente avara. Ma è anche un tassello della grande storia, quella che ha lasciato ferite profonde nel tessuto sociale durante l’occupazione nazi-fascista; quella che ha visto la tenace riscossa con la lotta partigiana e poi i giorni della ricostruzione con la speranza in un nuovo futuro. E il Mulino di Muzzana e la sua gente sono sempre fra i protagonisti. Immagini di un mondo raccolte anche dai ricordi di un bambino che, oggi adulto, conserva ancora dentro di sé l’inebriante profumo del pane che nasceva dalle farine di quel Mulino.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram