libia

LIBIA 1911-2011

AuthorDI Luca Marchi

€ 18,00 € 15,00

30 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Gli italiani da colonizzatori a profughi

Questo libro è il frutto di una lunga ed appassionata ricerca in documenti, ancora inediti, del Ministero dell’Africa Italiana. Essi ci parlano soprattutto dell’esodo degli italiani dalla Libia, già in periodo bellico e poi nel dopoguerra, con particolare riferimento ai campi profughi in Sicilia, la terra più vicina alla Libia.

Descrizione

 

Questo libro è il frutto di una lunga ed appassionata ricerca in documenti, ancora inediti, del Ministero dell’Africa Italiana. Essi ci parlano soprattutto dell’esodo degli italiani dalla Libia, già in periodo bellico e poi nel dopoguerra, con particolare riferimento ai campi profughi in Sicilia, la terra più vicina alla Libia. Si tratta di relazioni prefettizie, di circolari e disposizioni ministeriali, ma anche di lettere degli stessi sfollati e profughi, attraverso le quali in particolare emerge il lato umano dei disagi e delle difficoltà che dovettero affrontare, dopo essere stati illusi dalla propaganda fascista che l’emigrazione in Africa avrebbe risolto i loro problemi di vita e di lavoro. La storia, come si sa, è andata in direzione ben diversa, l’Italia fascista dopo aver aggredito mezzo mondo, in proprio o al seguito delle armate hitleriane, è stata sconfitta e ha perso le sue colonie.

 

ISBN 9788889808344
ANNO 2011
PAGINE 192
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “LIBIA 1911-2011”

Ti potrebbe interessare…

  • € 18,00

    STORIE DI PARTIGIANI SENZA CONFINI. Briciole di un’epopea

    Storia

    Un migliaio di soldati italiani antifascisti passarono nelle file della Resistenza jugoslava prima del settembre ’43 (le prime diserzioni risalgono al 1941), dando inizio alla «storia straordinaria di un esercito che, impiegato in una guerra di aggressione, diventa parte viva di una guerra di riscatto e liberazione». Una guerra purtroppo taciuta negli ultimi due-tre decenni. Come si tacciono i crimini del fascismo.

  • € 23,00

    CONTRO IL FASCISMO OLTRE OGNI FRONTIERA

    Storia

    I FONTANOT NELLA GUERRA ANTIFASCISTA EUROPEA

    Questo libro racconta l’avventura umana e politica della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla fine della seconda guerra mondiale. I Fontanot sono operai ai cantieri navali di Monfalcone, socialisti ed anarchici, poi comunisti, un ramo della famiglia combatte nella Resistenza sul confine orientale d’Italia, a contatto con la Resistenza slovena. Un altro ramo si sposta in Francia, e dopo l’invasione tedesca combatte nella Resistenza francese. Tutti pagano prezzi altissimi.

  • € 12,00

    IL RAZZISMO FASCISTA – Trieste, 18 settembre 1938

    Storia

    Prefazione di Fulvio Camerini
    in collaborazione con i Cittadini Liberi ed Eguali di Trieste

    Questo libro aiuta a capire il fenomeno, triste ma reale, del razzismo fascista. La storia serve a comprendere un passato da incubo per evitare che oggi si ripresentino dittature e discriminazioni razziali.
    Tali pagine ospitano precise informazioni su un argomento ancora non del tutto studiato a Trieste e altrove. Troviamo i contributi di Silva Bon, Anna Maria Vinci e altri, testimonianze preziose, come quella di Stanka Hrovatin, i freddi testi dei provvedimenti razziali e le inquietanti fotografie del 18 settembre 1938 in Piazza Unità, luogo scelto da Mussolini per dare l’annuncio delle leggi razziali.
    Gli applausi frenetici al “duce” si trasformarono, nel giro di pochi anni, nelle numerose delazioni del collaborazionismo filonazista e nella tragedia dei lager. La Risiera di San Sabba, con le torture verso ebrei, partigiani e altri, rappresenta oggi il luogo della memoria antirazzista. Però essa è anche l’epilogo dell’entusiasmo incosciente della folla accorsa quella mattina di settembre.

  • € 22,00 € 15,00

    L’ATTIVITÀ CLANDESTINA DEL CLERO SLOVENO DURANTE IL FASCISMO

    Storia

    a cura di Monica Rebeschini

    La difesa dell’identità slovena in un territorio multietnico, al confine tra Regno d’Italia e Regno di Jugoslavia, diventato teatro tra le due guerre mondiali dell’aggressiva politica fascista di snazionalizzazione, accomuna centinaia di clerici e laici sloveni di ispirazione cattolica, trasformatisi in “antifascisti pericolosi”, “astuti propagandisti”, “irredentisti slavi”, spie, informatori, doppiogiochisti. Con queste caratteristiche venivano registrati dall’Ovra numerosi esponenti del clero sloveno, parroci, spesso semplici sacerdoti di provincia, attivisti laici dell’organizzazione slovena cristiano-sociale operativa nelle regioni dell’ex Litorale austriaco (Primorska e Carniola).

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram