1 LEOSULEO copertina2

LEO SU LEO. Un poeta (si) racconta

€ 15,00

99 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

LIBRO + DVD

INTERVISTA A LEONARDO ZANIER DI STEFANO LIZIER

Con disegni di Emanuele Bertossi

Foto di Ulderica Da Pozzo e Paolo Medossi

 

Questo libro è la trascrizione dell’intervista al grande poeta carnico Leonardo Zanier contenuta nel documentario di Stefano Lizier “LEO su LEO. Un poeta (si) racconta”. Inframmezzando il racconto con la lettura di alcune delle sue poesie, Leo parla di sé e del mondo, dell’emigrazione e dell’importanza della poesia, riflettendo sull’identità e sulla vita.

Descrizione

 

Questo libro è la trascrizione dell’intervista al grande poeta carnico Leonardo Zanier contenuta nel documentario di Stefano Lizier “LEO su LEO. Un poeta (si) racconta“. Inframmezzando il racconto con la lettura di alcune delle sue poesie, Leo parla di sé e del mondo, dell’emigrazione e dell’importanza della poesia, riflettendo sull’identità e sulla vita.
L’intervista e le poesie, riprodotte nell’originale in carnico, sono tradotte in italiano e in inglese.
Il libro contiene anche brevi interventi di alcuni amici che hanno voluto ricordare momenti e riflessioni condivisi con Leonardo.

 
Leonardo Zanier è nato a Maranzanis di Comeglians, in Carnia, nel 1935 ed è morto a Riva San Vitale (CH) nel 2017. È stato poeta e sindacalista. È vissuto tra Zurigo, Roma e Maranzanis, sempre impegnato nella formazione degli emigranti.
Per molti anni ha lavorato in progetti dell’Unione Europea contro la marginalizzazione e l’esclusione. Nel 1960 ha cominciato a scrivere in poesia, soprattutto in friulano.
Molte sue raccolte di versi sono state messe in musica e tradotte nelle principali lingue europee e in arabo.

 

 

 ISBN  9788832153286
 ANNO  2021
 PAGINE  104 + DVD
 FORMATO (cm)
 16,5 x 16,5
 LINGUA  Friulano / Italiano / Inglese

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “LEO SU LEO. Un poeta (si) racconta”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    POESIIS letis dal autôr + CD

    Friulano

    Cheste regjistrazion e je stade fate intal 1980, lì dai studis de AVF di Nimis. Le proponìn di gnûf, dopo di plui di trente agns, come testemoneance leterarie e storiche, intal stes timp, sei pe epoche cuant che je stade realizade, che no jerin ancjemò lêçs di tutele e il furlan al jere ancjemò considerât, de bande di une buine part dal mont politic e culturâl, tant che une lenghe buine pal folclôr; sei parcè che de vôs di Leo Zanier o podìn sintî une selezion de sôs primis racueltis di poesiis, che al è ancje un sugjeriment come “percors di leture” di cheste sô produzion, che e va dai agns prime e chei dopo dal taramot, duncje intun passaç fondamentâl de vite dal Friûl.

    Sul sfont Claudio Cojaniz cul so piano jazz, a testemoneance di colaborazions e amiciziis “antighis” che a durin intal timp e che a àn inricjît un Friûl che però no simpri si ‘nd à inacuart.

  • € 17,00 € 13,00

    IL CÂLI – POESIE E PROSE 1981-2012

    Discanto

    collana Discanto – numero 16

    “Se non c’è più un mondo non può più esserci poesia. Quel che ancora è chiamato tale è un globo in catene, uno scafo di galera col suo luttuoso carico nel tempo [dove nessuno canta più dove chi tiene la frusta emette crimine vocale rock-metal!]. I nomi non significando più le cose significate (terra, burro, strategia, rosa, vita, perfino padre…), il linguaggio dei poeti non ha più ponti per comunicare né col presente né col futuro: può soltanto collaborare passivamente, incoscientemente, ad allargare il deserto raschiando interminabilmente, con zampette sfinite, il fondo nero della pentolaccia dell’Io, mai stato più meritevole di diffidenza e di odio, più povero in un bisogno nuovo di refrigerio, di silenzi che lo scollino dalla parte carceraria delle parole.”
    dalla postfazione di Ottavio Besomi

  • € 13,00

    LICÔF – POESIE 1991-1995

    Discanto

    collana Discanto –  numero 9

    Poesiis par furlan cun traduzion par talian. Une poesie che fevele, di animâi, di plantis, di cunfins, di ints, di amôr, intun miscliç potent di liriche e di ironie, un lengaç dulà che i riferiments aes robis de vite cuotidiane a son imagjins speculârs, no dome leterariis, de condizion umane.

    Poesie in friulano con traduzione in italiano. Una poesia che parla di animali, di piante, di confini, di genti, di amore, in una mescolanza potente di lirica e di ironia. Un linguaggio dove i riferimenti alle cose della vita quotidiana sono immagini speculari, non solo letterarie, della condizione umana.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram