la_miniera

LA MINIERA E IL CANARINO

AuthorDI Carlo Tolazzi

€ 17,00 € 10,00

50 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

VERZEGNIS 1878-79

«Senti podestà: ti racconto una roba. Nelle miniere quando vanno giù, si portano dietro un canarino, che se l’aria comincia a avvelenarsi la bestia muore, e allora è segno che non bisogna andare avanti. Qui il canarino sta morendo, ma siccome dicono che lui è difettoso e non l’aria, allora lo faranno visitare dal medico.»

 

Contributi di Luciana Borsatti, Aldo Colonnello, Donatella Cozzi, Angela Felice, Gian Paolo Gri, Massimo Somaglino, Alberto Panza, Pietro Spirito, Giordano Bruno Traversa, Francesca Varsori.

Descrizione

 

Verzegnis 1878-79

«Senti podestà: ti racconto una roba. Nelle miniere quando vanno giù, si portano dietro un canarino, che se l’aria comincia a avvelenarsi la bestia muore, e allora è segno che non bisogna andare avanti. Qui il canarino sta morendo, ma siccome dicono che lui è difettoso e non l’aria, allora lo faranno visitare dal medico.» E il medico diagnosticò che il canarino, cioè le 40 donne di Verzegnis, erano proprio ammalate, isteria demonopatica indotta da superstizione. Finirono al manicomio. Un percorso verso la definizione di una drammaturgia e di uno spettacolo teatrale sul fenomeno di isteria collettiva scoppiato in un paesino della montagna friulana alla fine del XIX secolo. La storia delle indemoniate di Verzegnis suscita ancora quesiti perché è una storia di oggi.

 

ISBN 9788889808252
ANNO 2007
PAGINE 232
FORMATO (cm)
17 x 24
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “LA MINIERA E IL CANARINO”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    DOVE CI PORTATE? WOHIN BRINGT IHR UNS? KAM NAS PELJETE?

    Storia

    Gli autori e le autrici dei saggi:

    Kirsten Maria Düsberg  sociologa

    Paolo Ferrari  storico

    Gian Paolo Gri  antropologo

    Stefan Lechner  storico

    Lara Magri  conservatrice

    Gli autori e le autrici degli interventi:

    Maria Angela Bertoni medico psichiatra

    Renzo Bonn medico psichiatra

    Raimondo Domenig  ricercatore storico

    Luciano Lister  giornalista

    Mario Novello medico psichiatra

    Michela Vogrig cooperatrice sociale

    Anna Wedam  operatrice culturale

     

    Questo libro affronta la storia inedita di un piccolo gruppo di persone – tre donne e cinque uomini internati nell’Ospedale psichiatrico di Udine – che nel maggio del 1940 vennero deportati in istituti del Terzo Reich. Le loro comunità di origine – quelle di lingua slovena e tedesca della Val Canale – nel 1939 erano state chiamate a scegliere fra il trasferimento in Germania e la permanenza in Italia, ma rinunciando a ogni tutela della propria lingua e cultura, avevano cioè dovuto “optare” al pari della popolazione di lingua tedesca dell’Alto Adige/Südtirol.

  • € 10,00 € 8,00

    SON STUFADIZA

    Saggistica

    Il trattamento sanitario obbligatorio (T.S.O.)

    “… Al tempo delle vicende narrate avrei tanto voluto un libro così, che mi dicesse: ”un giorno avrai tempo per lavarti, pettinarti, cucinare, per scrivere le tue memorie.” Avrei voluto che gli psichiatri di mia madre leggessero questi versi, per capire davvero in profondità, al di là di qualsiasi diagnosi. Soprattutto io e mia madre vorremmo che nel sentirsi dire “PSICOSI BIPOLARE” più persone possibili ne capissero il dramma. Nel mondo attuale la poesia sta quasi scomparendo e io ne sono felice; perché di qualsiasi cosa sente la mancanza, proprio di quello l’essere umano ha fame e sete. La poesia risiede dove c’è privazione, ma fiducia.”

  • € 11,00 € 8,00

    IRRECUPERABILI – Storie del Reparto Dieci

    Saggistica

    Trent’anni fa, nel manicomio di Udine, c’erano delle persone condannate all’oblio. Non avevano alcun diritto, se non quello ad una sopravvivenza disperata. Erano gli Irrecuperabili del Reparto Dieci, destinati a scomparire frettolosamente dentro la fortezza vuota dell’istituzione. Nelle cartelle cliniche si liquidavano in poche righe. Alcuni di loro, però, poterono sperimentare una straordinaria esperienza di vita. Furono aiutati a scoprire se stessi, a esprimere le proprie qualità. Poterono sperimentare un rapporto basato sul rispetto e non sulla sopraffazione. Poi con la legge 180/78 l’”Istituzione” segregante è finita.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram