Print

JOHN COLTRANE – Un amore supremo

€ 11,00

50 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

MUSICA FRA TERRA E CIELO

 

In collaborazione con Euritmica, tra teatro e musica la storia personale e artistica di un grande del jazz

Nonostante i progressi e qualche discreto successo, un volonteroso ma ancora poco originale e poco spigliato sassofonista del North Carolina sprofonda negli abissi della droga, dell’alcol, della mancanza di senso di ogni cosa. Poi una svolta repentina, ma covata a lungo, lo proietta verso nuove dimensioni musicali e territori inesplorati dell’anima.

Descrizione

Nonostante i progressi e qualche discreto successo, un volonteroso ma ancora poco originale e poco spigliato sassofonista del North Carolina sprofonda negli abissi della droga, dell’alcol, della mancanza di senso di ogni cosa. Poi una svolta repentina, ma covata a lungo, lo proietta verso nuove dimensioni musicali e territori inesplorati dell’anima.
Giunto alla fama in ritardo rispetto ad altri suoi coetanei, John Coltrane, prima di morire a soli quarant’anni, regala un decennio di musica sorprendente: un incessante dialogo fra disperazione e beatitudine, finito e infinito, terra e cielo… in poche parole, fra l’umano e il divino, per cogliere l’Amore Supremo, il respiro e l’armonia dell’universo.

 

Valerio Marchi, nato a Roma nel 1960, vive in Friuli dal 1968. Laureato sia in Giurisprudenza sia in Storia all’Università di Trieste, ha conseguito il Dottorato in Storia all’Università di Udine ed è stato nominato tre volte Cultore della materia (Storia della Chiesa, Storia dell’ebraismo, Storia delle religioni) in entrambi gli Atenei. Insegna Storia e Filosofia al Liceo scientifico “Giovanni Marinelli” di Udine. Ha pubblicato dieci libri e numerosi saggi e articoli di argomento storico (con particolare attenzione alla storia delle presenze ebraiche in Friuli) e sette sillogi poetiche. Si occupa anche di studi biblici, collabora con le pagine culturali del Messaggero Veneto e da qualche anno scrive testi teatrali e organizza spettacoli, salendo anche sul palco. Ultimamente ha curato due racconti sceneggiati per Radio Rai del Fvg.

 

 ISBN  9788832153262
 ANNO  2021
 PAGINE  80
 FORMATO (cm)
 11,5 x 17
 LINGUA  Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “JOHN COLTRANE – Un amore supremo”

Ti potrebbe interessare…

  • € 10,00

    AUTOANTOLOGIA

    Poesia

    Un gesto di consapevole presunzione

    «Giunto alla tonda età di sessant’anni, un traguardo che vivo come uno spartiacque, senza sapere quali saranno le nuove acque… diciamo che mi faccio un regalo. Se poi questo regalo sarà gradito anche ad altri, ben venga. Non è soltanto un capriccio, né una semplice scelta di versi. È una camminata ideale per ripercorrere fatti, concetti, impressioni e sentimenti di una vita.»

  • € 15,00

    L’ALTRA METÀ DEL JAZZ

    Narrativa

    Voci di donne nella musica jazz

    Co-edito con l’associazione culturale EURITMICA di Udine, organizzatrice del festival internazionale Udin&Jazz

    Prefazione di Claudia Fayenz

    Dopo la raccolta di interviste “Gente di Jazz” (2017) in cui Gerlando Gatto ci ha fatto scoprire aspetti artistici ed umani di una nutrita schiera di musicisti tutti protagonisti in varie edizioni del festival Udin&Jazz, casualmente tutti maschi, questa nuova pubblicazione racchiude una serie di interviste raccolte nel ricchissimo panorama del jazz al femminile.

  • € 14,00

    GENTE DI JAZZ

    Narrativa

    Interviste e personaggi dentro un festival jazz

    Co-edito con l’associazione culturale EURITMICA di Udine, organizzatrice del festival internazionale Udin&Jazz

    Prefazione di Paolo Fresu

    Postfazione di Fabio Turchini

    Questo libro raccoglie una serie di interviste e dialoghi tra il giornalista e divulgatore di jazz Gerlando Gatto e una schiera di musicisti che, in epoche anche molto diverse, sono intervenuti al Festival “Udin&Jazz”, rassegna che da ventisette anni si svolge nel capoluogo friulano.

  • € 12,00

    SPIGOLATURE – Poesie inedite 1995-2013

    Poesia

    «Spigolare: racimolare ciò che avanza dalle raccolte e dalle mietiture altrui per saziare la propria fame, cibandosi dello stretto necessario. Un’azione tipica del mondo agricolo, fonte di sopravvivenza, lungo i millenni, per poveri di intere generazioni». Una metafora che ben si adatta anche alla poesia.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram