IL_SORELI

IL SORELI TE VALÎS

€ 13,00 € 8,00

299 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Storiutis di oms, di animâi, di plantis e di alc altri

Racuelte di sîs contis par fruts di 9-11 agns, che a àn come protagoniscj un cramar, doi dolfins, un frut, une comesse, un lôf, une niule, scrits intun furlan sclet ma une vore siôr di significâts. Cualchi an indaûr lis contis a son stadis argoment di un percors didatic dai Servi di Scena, ancje cu la partecipazion dal autôr, in sîs scuelis de zone colinâr. I disens che a compagnin lis storiis a son il risultât dai incuintris.

Raccolta di sei racconti per bambini di 9-11 anni. Protagonisti un venditore ambulante, un bambino, una commessa, un lupo, una nuvola, in un friulano semplice ma ricco di significati. I racconti sono stati alcuni anni fa argomento di un percorso didattico dei Servi di Scena, anche con la partecipazione dell’autore, in alcune scuole della zona collinare. I disegni che accompagnano le storie sono il risultato di questi incontri.

 

Descrizione

 

Alla vigilia di ogni partenza, quando soli ci troviamo davanti al letto su cui poggia la valigia, ci accorgiamo di dover fare una scelta. Da una parte sappiamo che siamo noi il vero contenuto di quella valigia, dall’altra siamo spaventati dall’idea che in quel piccolo spazio non ci staranno mai tutte le cose che vorremmo portarci dietro.
Tra le mani passano maglioni, camicie, calzini… il tempo sembra fermo ma in realtà il viaggio è già iniziato. Si affacciano le attese, le speranze e mille domande cercano una risposta: chi incontrerò lungo la strada? farà freddo? quando potrò ritornare?
Leggere le fiabe di “Il soreli te valîs” è come vivere quel momento. Affrontare i suoni opachi e brillanti di una lingua lontana ma familiare ci conduce in un’altra realtà fatta di storie quotidiane in cui personaggi semplici compiono azioni straordinarie e la natura prende forma umana: il sole conosce il perdono, la nuvola pazzerella diventa responsabile e due delfini imparano ad essere coraggiosi. Sospesi tra la nostra realtà e questo mondo ci sentiamo a casa e al sicuro.
L’incontro tra la penna di Gianni e i pastelli dei bambini ha dato vita a questa raccolta di fiabe: un ponte fra due generazioni che seppur così distanti avranno ora modo di conoscersi meglio.

Paolo Nikli

 

… Il Soreli nol podè fâ di mancul di riduçâ. Ma lu fasè ae sô maniere, ven a stâi sflandorant dulintor. E il Cramar al scugnì parâsi i voi cul cjapiel par no restâ inceât.
«Va ben», al disè il Soreli in fin. «Che cussì al sei. Vierç la tô valîs.»
E cussì disint, si sbassà su la piche de mont, che e deventà rosse tant che un fier su la fusine dal fari. E ancje il Cramar dai Fruts al fo cjapât dentri di chel bambâ e no i restà nuie altri ce fâ che di slungjâ la valîs e, daurman, sierâle plene di rais…

Il lavôr par chestis flabis no à conossût une gjenesi dome leade ae publicazion di un gnûf libri, ma al è nassût di un autôr, di un grop teatrâl e de volontât di puartâ la esperience dal contâ plui dongje dai letôrs dal futûr. Cussì, cun Gianni, o vin decidût di inmaneâ un progjet indreçât aes scuelis primariis de zone culinâr, dulà che lis flabis a son deventadis materie vive di lavôr e di discussion sul test e su lis tematichis.
Ce che al à caraterizât cheste esperience al è stât il moment dedicât ai zûcs teatrâi coletîfs, che al precedeve la leture: une creazion di un lengaç comun che al faseve sintî ogni frut come part di un grup, che al cjatave sens propit in chest so operâ insieme.
Cui fruts si fevelave su lis leturis e di volte in volte a vignivin fûr riflessions e pinsîrs che dopo si son concretizâts intai disens che a ilustrin i tescj.
L’incuintri dai fruts cun Gianni Gregoricchio al è stât il moment plui biel dal percors, pe pussibilitât che al à ufiert di viodi trope imagjinazion che a àn, e ce domandis che i fruts a volaressin plui dispès podê fâ ai nonos, sui lôr ricuarts, su lis diferencis inte vite di cuant che lôr a jerin zovins, ma salacor no lu fasin par scrupul o parcè che no àn la ocasion.
Pal animatôr o pal gjenitôr-letôr chest lavôr al pues jessi plen di sodisfazions, parcè che al permet di jentrâ in contat cuntun mont interiôr dal frut, stiçât de leture su temis che dispès a rapresentin une esperience disconossude o gnove pai piçui letôrs, che a cjatin intune flabe ricuarts di altris che dopo a deventaran ancje lôr.

Manuela Malisano e Paolo Nikli / Servi di Scena

 

ISBN 9788889808474
ANNO 2008
PAGINE 64
FORMATO (cm)
23 x 21
LINGUA Friulano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “IL SORELI TE VALÎS”

Ti potrebbe interessare…

  • € 15,00

    LIS STORIIS DI INGE E BACH

    Didattica

    Inge e Bach, i protagoniscj di chestis dodis storiutis, a son doi orsuts ninins e tenars, ma ancje un pôc birbants, come che a son ducj i canais dal nestri marimont…

     

    Ilustrazions di Francesca Gregoricchio

  • € 13,00

    CONTIS CUSSÌ pai frutins

    Didattica

    Autore / Autôr: Rudyard Kipling

    Traduzioni e illustrazioni / Traduzions e ilustrazions: Francesca Gregoricchio

     

    Testo bilingue Inglese / Friulano

     

    Opare uniche tal so gjenar: lis plui bielis storiis di Kipling sui animâi e le nature voltadis par furlan, cul test origjinâl inglês in bande e biei dissens colorâts e divertents.

  • € 15,00

    INGE E BACH 2 – Gnovis Storiis

    Didattica

    Inge e Bach a stan cressint. Come ducj i piçui dal creât ancje lôr a scuvierzin un pôc a la volte che il mont nol finìs a Tarvis: che fûr di cjase e je tant int di cognossi, tancj puescj di visitâ e tantis robis ancjemò di imparâ. E vignarà a un ciert pont fintremai l’ore di cjapâ sù la cartele e lâ a scuele cun chei altris fruts. Ma a restaran simpri doi orsuts, Inge e Bach, ninins e simpatics: jê cul floc colôr di rose e lui cul floc celest.

  • € 12,00 € 10,00

    LIS STORIIS DI PIÇUL – La lune e l’aiaron

    Didattica

    Piçul al è nassût tal 1980 e tal 2001 al è stât il protagonist di cuatri venturis: al à nadât, al è stât dentri t’un orloi, al à svolât, si è insumiât di besteutis zentilis.

    Cjalant la so date di nassite cumò al varès di jessi un om, ma lui al è cressût dome un pôc parcè che al è simpri une vore curiôs, un don di ducj i frutins e che Piçul nol vûl pierdi pe strade.

    Cui no si è mai insumiât di fermâ il timp, podê svolâ su la Lune o rivâ a cjatâ di dulà che
    al ven fûr l’aiaron?
    E cuant che Piçul si met intalcjâf une idee…

    Alore, fuarce, lin cun Piçul a vivi chestis dôs gnovis venturis!

    La Autôre

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram