cerchi_fate

I CERCHI DELLE FATE

€ 15,00 € 12,00

20 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Un romanzo storico e di formazione, che vede la dolorosa adolescenza di Matija coincidere con le tragiche vicende della Seconda guerra mondiale nei territori jugoslavi occupati dall’Italia a partire dal 1941.
Un racconto toccante intorno alla storia taciuta dei campi di concentramento fascisti per slavi.

Descrizione

 

«Matija, seduto accanto a Ruggero, guardava smarrito i suoi compagni di viaggio, tutti avanti negli anni, stretti gli uni agli altri, immobili e silenziosi. Guardava le loro mani, ora scarne, ma una volta forti come tenaglie, mani che per anni avevano impugnato il badile, la vanga, il piccone, mani che avevano reso feconda una terra magra e sassosa ed estratto dalle sue viscere tonnellate di carbone. Guardava quegli uomini che una volta erano stati dei giganti e che ora erano più vecchi dei loro anni, senza forze e umiliati. Una violenta ribellione scoppiò allora nell’animo di Matija. Afferrò il sergente per le braccia e senza dire una parola lo scosse con violenza fissandolo con gli occhi diventati di fuoco…»

 

ISBN 9788897705284
ANNO 2014
PAGINE 288
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “I CERCHI DELLE FATE”

Ti potrebbe interessare…

  • € 10,00

    LA GUERRA DEGLI ULTIMI

    Storia

    Ricordi di un reduce: dalla tragedia jugoslava alla prigionia in Germania

    La storia di un giovane contadino friulano, mandato nel 1941 dal regime fascista ad occupare la Jugoslavia e, come tanti altri soldati italiani, finito poi prigioniero in un campo di concentramento nazista. Attraverso il racconto del figlio Fiorenzo, l’epopea tragica di Luigi diventa il suo grido postumo contro la guerra.

     

  • € 12,00

    IL RAZZISMO FASCISTA – Trieste, 18 settembre 1938

    Storia

    Prefazione di Fulvio Camerini
    in collaborazione con i Cittadini Liberi ed Eguali di Trieste

    Questo libro aiuta a capire il fenomeno, triste ma reale, del razzismo fascista. La storia serve a comprendere un passato da incubo per evitare che oggi si ripresentino dittature e discriminazioni razziali.
    Tali pagine ospitano precise informazioni su un argomento ancora non del tutto studiato a Trieste e altrove. Troviamo i contributi di Silva Bon, Anna Maria Vinci e altri, testimonianze preziose, come quella di Stanka Hrovatin, i freddi testi dei provvedimenti razziali e le inquietanti fotografie del 18 settembre 1938 in Piazza Unità, luogo scelto da Mussolini per dare l’annuncio delle leggi razziali.
    Gli applausi frenetici al “duce” si trasformarono, nel giro di pochi anni, nelle numerose delazioni del collaborazionismo filonazista e nella tragedia dei lager. La Risiera di San Sabba, con le torture verso ebrei, partigiani e altri, rappresenta oggi il luogo della memoria antirazzista. Però essa è anche l’epilogo dell’entusiasmo incosciente della folla accorsa quella mattina di settembre.

  • € 18,00 € 14,00

    DALLE CATENE ALLA LIBERTÀ – La “Rabska brigada”

    Resistenza storica

    La “Rabska brigada”, una brigata partigiana nata in un campo di concentramento fascista

    Dalle catene alla libertà è la storia della brigata partigiana nata nel campo di concentramento fascista per “slavi”, istituito dall’esercito italiano sull’isola di Rab (Arbe) durante la seconda guerra mondiale.
    Mentre nel campo si compie la tragedia di migliaia di morti per fame, gli internati sloveni, croati ed ebrei organizzano clandestinamente la Resistenza e, dopo l’8 settembre ‘43, nasce la Rabska brigada, simbolo della riscossa dei popoli contro l’oppressione nazifascista.

  • € 16,00

    UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO FASCISTA. Gonars 1942-1943

    Resistenza storica

    Una storia che non può essere minimizzata, e che richiede una presa di coscienza collettiva degli Italiani e un suo inserimento anche nel patrimonio conoscitivo delle nuove generazioni.

     

    Il 60° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Gonars è l’occasione per la presentazione della pubblicazione che Alessandra Kersevan ha dedicato a questa vicenda.
    Un libro nuovo che approfondisce i contenuti di “Oltre il filo” di Nadja Pahor Verri, edito nel 1993, grazie a documentazione inedita e ad una ricerca di grande interesse ed attualità, commissionata dal Comune di Gonars con il contributo della Provincia di Udine, che concorre ad un risveglio della nostra memoria atrofizzata in merito all’esistenza dei campi di concentramento per civili allestiti dal regime fascista durante il secondo conflitto mondiale.

     

    IV RISTAMPA

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram