Questo lavoro collettivo intende proseguire il progetto di ricerca avviato con Se dici guerra (ed. KappaVu, 2014) ponendo l’accento sugli sviluppi dei vari aspetti che compongono il più spregiudicato processo produttivo globale: la guerra.

Industria, governi, alti vertici militari e media mainstream stanno consolidando un modello di belligeranza privatizzato basato sulla “professionalità” e su narrazioni capovolte che vedono l’occidente “civile e democratico” obbligato a difendersi da minacce che assumono caratteristiche sempre più asimmetriche e ibride.
frammenti-sulla-guerra-1

FRAMMENTI SULLA GUERRA – Industria e neocolonialismo in un mondo multipolare

€ 5,00

BREVE DESCRIZIONE

Con i contributi di: Gregorio Piccin, Rossana De Simone, Claudio Giangiacomo, Gabriel Moreschini, Geraldina Colotti, Antonio Mazzeo

 

Questo lavoro collettivo intende proseguire il progetto di ricerca avviato con Se dici guerra… (ed. Kappa Vu, 2014) ponendo l’accento sugli sviluppi dei vari aspetti che compongono il più spregiudicato processo produttivo globale: la guerra. Industria, governi, alti vertici militari e media mainstream stanno consolidando un modello di belligeranza privatizzato basato sulla “professionalità” e su narrazioni capovolte che vedono l’occidente “civile e democratico” obbligato a difendersi da minacce che assumono caratteristiche sempre più asimmetriche e ibride. Questo nuovo approccio comunicativo post ’89 è servito a mascherare il rilancio dei fatturati dell’industria di riferimento in crisi dopo il collasso del Patto di Varsavia e a restituire senso alla Nato, un’alleanza militare divenuta repentinamente obsoleta e fuori tempo.

Descrizione

 

Questo lavoro collettivo intende proseguire il progetto di ricerca avviato con Se dici guerra… Basi militari, tecnologie e profitti (ed. Kappa Vu, 2014) ponendo l’accento sugli sviluppi dei vari aspetti che compongono il più spregiudicato processo produttivo globale: la guerra. Industria, governi, alti vertici militari e media mainstream stanno consolidando un modello di belligeranza privatizzato basato sulla “professionalità” e su narrazioni capovolte che vedono l’occidente “civile e democratico” obbligato a difendersi da minacce che assumono caratteristiche sempre più asimmetriche e ibride. Questo nuovo approccio comunicativo post ’89 è servito a mascherare il rilancio dei fatturati dell’industria di riferimento in crisi dopo il collasso del Patto di Varsavia e a restituire senso alla Nato, un’alleanza militare divenuta repentinamente obsoleta e fuori tempo.
Per giustificare l’ultimo ventennio di guerre sono state invocate dall’occidente diverse ragioni: intervento di polizia internazionale, intervento umanitario, difesa preventiva contro inesistenti minacce di distruzione di massa, lotta al terrorismo. Come un rullo compressore i governi implicati in questa fase belligerante hanno asfaltato il diritto internazionale occupando, al medesimo tempo, la quasi totalità del mercato mondiale degli armamenti. Sullo sfondo di questo processo neocoloniale, il Libro bianco della difesa prodotto dal governo Renzi invoca costantemente la tutela dei cosiddetti “interessi nazionali”.
Difficile comprendere, per un paese come l’Italia, a quali interessi corrisponda l’aver destabilizzato tutto il proprio vicinato, dai Balcani alla Siria, passando per Iraq e Libia; ma soprattutto a quali interessi corrisponda il rilancio di una nuova guerra fredda contro la Russia e la perdurante cessione di sovranità a favore di basi strategiche statunitensi/Nato. I differenti approcci analitici raccolti in questo lavoro servono ad avvicinarsi al cuore della questione, stracciando quell’involucro di menzogne, neologismi e narrazioni a cui l’ufficialità belligerante ci ha abituati e presentando suggestioni e modelli alternativi e concreti di relazioni internazionali e gestione delle forze armate.

 

ISBN 9788897705741
ANNO 2016
PAGINE 191
FORMATO (cm)
e-book / PDF
LINGUA Italiano

 

RECENSIONE MONDE DIPLOMATIQUE – Massimo Rondine – febbraio 2017

RECENSIONE PAGINAUNO N.52 – aprile/maggio 2017

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-frammenti_sulla_guerra__industria_e_neocolonialismo_in_un_mondo_multipolare/82_19799/

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “FRAMMENTI SULLA GUERRA – Industria e neocolonialismo in un mondo multipolare”

Ti potrebbe interessare…

  • € 13,00

    DA GLADIO A COSA NOSTRA

    Quaderni del Picchio

    Storie di traffici d’armi, corruzione, mafia, banche e servizi segreti tra Capaci e Sarajevo

    Secondo il giudice fiorentino Pier Luigi Vigna, la mafia può entrare in possesso, di armi chimiche, (acquistandole da gruppi di criminalità organizzata che operano nei paesi dell’Est), nucleari e batteriologiche. La notizia è di per sé gravissima e diviene ancora più sconvolgente se messa in relazione con le dichiarazioni del ministro della sicuerzza della Federazione Russa, secondo cui sono i servizi segreti occidentali ad arruolare e foraggiare i boss locali favorendo il traffico di valuta falsa, armamenti e droga. Esiste quindi una connection nucleare tra Cia, spie russe, gladiatori italiani, servizi segreti, certa massoneria, mafiosi nostrani e legati ai cartelli colombiani, trafficanti di stato del mondo arabo, uomini politici corrotti e una fitta rete di personaggi che costituiscono la base su cui poggia questo impressionante progetto. Questo libro indaga soprattutto su quanto avviene in uno snodo strategico di questi traffici di morte, il Nord Est e il confine orientale.

  • € 11,00 € 8,00

    CRIMINALITÀ E RICICLAGGIO – L’Europa sotto assedio

    Quaderni del Picchio

    I QUADERNI DEL PICCHIO n. 12

    “Il pregio dello studio compiuto dall’autore consiste proprio nella ricerca delle fonti e nella ricostruzione necessariamente parziale delle organizzazioni criminali sia nazionali che internazionali. Lo sviluppo dei rapporti tra criminalità organizzata dei vari Paesi d’Europa, in primo luogo della nuova “mafia” russa, dimostra la particolare intuizione dell’Autore e si palesa, per la forma piana con cui l’opera è scritta, in tutta la sua portata e pericolosità. Con intelligenza ed acume l’Autore passa quindi a percorrere le vie attraverso le quali le organizzazioni criminali accumulano rilevanti ricchezze.”

    dalla prefazione di Giorgio Caruso – Procuratore della Repubblica di Udine

  • € 12,00

    SE DICI GUERRA… Basi militari, tecnologie e profitti

    Saggistica

    Con i contributi di: G. Alioti, G. Casarrubea, R. De Simone, T. Di Francesco, M. Dinucci, A. Mazzeo, A. Pascolini

     

    Un sindacalista, uno storico, un geografo, un fisico, due giornalisti, un’ex lavoratrice del comparto militare industriale, un amministratore locale toccano in questo lavoro collettivo i vari aspetti che compongono il mosaico della guerra permanente: la storia dell’atlantismo, la disinformazione mirata, gli eserciti professionali, le nuove dottrine della Nato, l’espansione delle istallazioni strategiche statunitensi in Italia, lo stato di fatto del nucleare militare e delle industrie d’armi.

  • € 13,00 € 8,00

    DAL MILITARE AL CIVILE

    Saggistica

    La conversione preventiva della base USAF di Aviano
    Ricerche e progetti

    Come comportarsi di fronte a una base militare in attività? Dal militare al civile. La conversione preventiva della base USAF di Aviano. Dietro a questa definizione risiede l’intenzione di contrastare le basi a scopi militari nel mondo, convertendo il loro utilizzo a scopi civili. Si tratta di un cambiamento dal basso, ecologico e sociale, le cui prospettive sono mirate soprattutto al risparmio di tempo e risorse utili, alla prevenzione di un contraccolpo economico e di eventuali speculazioni, al rifiuto delle nuove militarizzazioni e delle loro conseguenze dannose per l’ambiente.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram