dindarine

DINDARINE DINDARONE + CD

€ 12,00

98 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Chest al è un piçul viaç jenfri i sunôrs presints inte nestre regjon siore di lenghis e culturis diferentis, jenfri lis ninenanis, lis tiriteris, lis filastrocjis che dulinvie i agns a àn compagnât frututis e frututs intai siums e intai zûcs e che a son testemoneancis di une memorie che par fortune no si è ancjemò sfantade dal dut.

Questo è un piccolo viaggio dentro i suoni presenti nella nostra regione ricca di lingue e culture differenti, fra le ninne nanne, le tiritere, le filastrocche che nel corso degli anni hanno accompagnato bambine e bambini nei sonni/sogni e nei giochi e che sono testimonianze di una memoria che per fortuna non si è ancora persa del tutto.

 

Ilustrazions di Federica Pagnucco

Descrizione

 

Cheste racuelte di “Dindarine Dindarone” di Marisa Scuntaro e je nassude de sô passion pe ricercje su la musiche popolâr e dai nestris resonaments intor di cetant che i zove al cerviel dai frutins a pene nassûts il contat cu la lenghe dal ambient indulà che a nassin. Anzit o vin discutût a dilunc su lis discuviertis dai specialiscj che nus mostravin la impuartance di svilupâ la percezion auditive, vâl a dî la capacitât dal organisim che si svilupe tal grim de mari di scoltâ par jessi bon di inviâ pulît il procès di educazion in dôs o plui lenghis diferentis. Une capacitât che e je ereditarie ma che però si sfante besvelte. Lu disin simpri i ricercjadôrs, precisant che la abilitât distintive e scomence a calâ jenfri i sîs e i dîs-dodis mês di vite dal frut e che la mancjance di stimui che i vegnin dal ambient e prodûs une sorte di sclerosi des sinapsis cerebrâls. Cheste sorte di invecjament de potenzialitât dal nestri cerviel par mancjance o par scjarsetât di stimui sonôrs e rivuarde soredut la fonetiche, sei a dî la pronuncie. E va indenant planc a planc, in maniere graduâl e progressive fintremai che la persone e devente un fantacin o une fantacine. Dopo di chest moment, definît dai esperts “pont critic”, la persone e sarà in stât di imparâ pulît altris aspiets dal sisteme lenghistic come par esempli la gramatiche o il lessic ma e fasarà fadie a fâsi passâ par un natîf: un natîf furlan, talian, inglês o todesc. Si diseve dal lenghist Roman Jakobson che al jere un poliglot che al fevelave rus in dîs lenghis par vie che lis veve imparadis dutis di grant cence pierdi mai l’acent rus, la sô marilenghe!
Su la fonde di chescj principis al è partît un progjet di ricercje che al à come obietîf chel di racuei une schirie di cjantis di scune, di nainis, di cjantarelis, di tiriteris e di filastrocjis tes varietâts di furlan, di todesc, di sloven e di venit dal teritori regjonâl dopradis soredut par cuietâ o indurmidî i piçui. La ricercje e à domandât une vore di timp pal fat che nol è stât facil cjatâ lis informadoris e convincilis a regjistrâ. Ben dispès, ancje parvie che al è di dopo mai che lis nonis e lis maris si son lassadis convinci a no doprâ plui la marilenghe in cjase specie cui piçui, chescj aspiets de tradizion popolâr a si son planc a planc sfantâts. In ogni mût Marisa Scuntaro e je rivade a fâ une “grande campagne di sgjâfs” come che si dîs tes ricercjis archeologjichis e e à metût adun une schirie di cjantis, par furlan; par venit (1 di Maran e 1 di Pordenon); 4 par sloven (2 di Rezja/Resie, 1 di Platišče/Platischis , 1 di Ofian/Pegliano), 3 par todesc (1 di Zahre/Sauras e 2 di Tischlbong/Tamau). La racuelte e à dentri ancje cualchi tiritere recitade, une par bisiac e une unevore cognossude che e siere la racuelte. E je dite sù di une frutine furlane e e ofrìs ai scuelârs un biel esempli par lâi daûr.
Al covente rimarcâ che lis peraulis des nine-nanis, des filastrocjis e v.i. dispès no àn un significât precîs. Si trate difat di formulis convenzionâls: onomatopeis o creazions concepidis par fâ rime o par mantignî il ritmi. Nol è il sens che al impuarte ma il sunôr che al conte.
Chestis filastrocjis e tiriteris a jerin compagnadis di moviments precîs (il sù e jù de gjambe de mame o dal pai, come se a fossin cjavai; segns cul dêt su la manute e v.i.) e chescj moviments a laressin conservâts cuant che si torne a proponilis ai fruts.
A son stadis di fat armonizadis ancje cuntun voli ae didatiche de lenghe e presentadis intun CD. Mi somee di podê dî che la vôs di Marisa e rispuint ad implen ai criteris di fedeltât ae tradizion popolâr e tal stes timp a lis esigjencis di une didatiche atente a creâ chel ambient vîf e plen di stimui che si diseve tal imprin.

de Introduzion di Silvana Schiavi Fachin / Silvana Spajota dai Sclâs

 

ISBN 9788897705529
ANNO 2014
PAGINE 36 + CD
FORMATO (cm)
16,5 x 16,5
LINGUA Friulano/Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “DINDARINE DINDARONE + CD”

Ti potrebbe interessare…

  • € 13,00

    IL MEMORY DI GJAT UT

    Didattica

    Il Memory al è fat di doi macs di 19 tessaris (o cjartis), compagnis a dôs a dôs. Prin di tacâ a zuiâ, si messedin i doi macs e po si metin suntun plan dutis lis tessaris in mût che la musute di GjatUt e sei par sù. Il prin che al zuie, al sielç dôs cjartis e lis zire: se al cjate il stes amì di GjatUt su dutis dôs lis cjartis, al pues tignîlis e zirâ altris dôs. Se lis besteutis a son difarentis, bisugne tornâ a meti lis cjartis ziradis al puest di prin. Al tocje cumò al secont zirâ dôs cjartis e viodi se a son compagnis. Al vinç cui che ae fin al à plui cjartis. Si pues zuiâ in doi o ancje in plui. A puedin zuiâ ducj: dai fruts ai nonos.

     

    Il Memory è composto di due mazzi da 19 tessere (o carte), uguali a due a due. Prima di iniziare a giocare, si mescolano i due mazzi e si dispongono su un piano tutte le tessere in modo che il musetto di GjatUt sia rivolto verso l’alto. Chi comincia a giocare, sceglie due carte e le gira: se trova lo stesso amico di GjatUt su entrambe le carte, può tenerle e girare altre due carte. Se gli animaletti sono differenti, si devono rigirare le carte mettendole al posto di prima. Tocca ora al secondo girare due carte e vedere se sono uguali. Vince chi alla fine ha più carte. Si può giocare in due o anche in più. Possono giocare tutti: dai bambini ai nonni.

     

    Dissens di / Disegni di Doriana Alessio

    Tescj di / Testi di Deborah Crapiz

    Consulence linguistiche di / Consulenza linguistica di Dot.e Raffaella Picco

  • € 13,00

    IL MEMORY DAI MOSTRIÇS E MOSTRIS

    Didattica

    23 mostris intîrs e tocs di mostris par un Memory dut di zuiâ ancje cuntune ponte di pôre e cualchi sgrisul, sore dut cuant che si trate di ve a ce fâ cul mostri sot dal jet o cun chel dai armârs e chel des scarpis puçonis… (chei no perdonin!). Intun librut dentri te scjatule, ognidun di lôr al à une sô storie di lei: cui che al è trist, cui carogne, cui avilît ma ancje cualchidun zentîl o timit. Zuie a meti doi a doi i mostris e i mostriçs e lei par discuvierzi lis lôr storiis. Ilustrazions di Maddalena Bathish. Tescj di Francesca Gregoricchio.

    23 mostri e mostriciattoli per un Memory tutto da giocare anche con una punta di paura e qualche brivido, soprattutto quando si ha a che fare col mostro sotto il letto o con quello degli armadi o delle scarpe puzzolenti… (quelli lì non perdonano!). In un libretto dentro la scatola ognuno di loro ha una sua storia da leggere: c’è quello cattivo, c’è il furbastro, l’avvilito, ma anche il gentile o timido. Gioca a mettere due a due i mostri e i mostriciattoli e leggi per scoprire le loro storie. Illustrazioni di Maddalena Bathish. Testi di Francesca Gregoricchio.

  • € 16,00

    CJANTIS E RIMAROLIS PAI FRUTINS

    Didattica

    Un lavôr zaromai “storic”, che al à compagnât gjenerazions di fruts furlans. Librut e CD a proponin cjançons e filastrocjis pensadis a di pueste par un percors didatic divertent, inte scuele de infanzie e dal prin cicli des elementârs. Si scolte, si cjante, si cjalin lis bielis ilustrazions di Altan.

    Peraulis di Alessandra Kersevan e Giancarlo Velliscig
    Musiche di Giancarlo Velliscig
    Dissens di Francesco T. Altan, progjet grafic di Renato Calligaro
    I tescj dai “Disleelenghis” a son gjavâts fûr di “Sacheburache” di Dino Virgili
    Ideazion e notis didatichis di Silvana Schiavi Fachin

     

    I EDIZIONE 1987, II ed. 2003, III ed. 2012

  • € 13,00

    DIZIONARI ILUSTRÂT

    Didattica

    Chest dizionari al è nassût tant che materiâl didatic in cors di furlan di nivel base: al è stât fat par cui che si svicine al furlan e che al cîr di slargjâ il sô vocabolari doprant ilustrazions semplicis, fintremai di fate diletantistiche, ma imediadis. In cheste maniere si è volût meti adun un imprest che al judi a imparâ lis peraulis leantlis dretis ai concets e cence passâ par mieç di une altre lenghe, duncje l’aprendiment al rive plui insot e, tal moment di capî o di fevelâ, la paronance su lis peraulis e je plui svelte e naturâl.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram