cuatri

CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

€ 10,00

199 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis. Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

Descrizione

 

Lis cuatri contis principâls, cu lis dôs plui curtis metudis dongje, si pein a lis stagjons dal an, propit par segnâ trop che une volte a fossin un fatôr di fonde de vite, che e veve di adatâsi a lôr, cuant che vuê al è juste il contrari, jessint che al è l’om a someti lis stagjons cun tecnologjiis devastantis.

De Introduzion di Giuseppe Mariuz / Dall’Introduzione di Giuseppe Mariuz

I quattro racconti principali, unitamente a due più brevi, si legano proprio alle stagioni, a dimostrare proprio come una volta fossero queste a determinare i ritmi della vita che a loro dovevano adattarsi, anziché il contrario, come avviene oggi dove l’uomo si adopra per controllare le stagioni attraverso tecnologie devastanti.

 

ISBN 9788889808849
ANNO 2010
PAGINE 78
FORMATO (cm)
11,5 x 17
LINGUA Friulano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    CUN ALTRIS VOI

    Friulano

    Gianfranco Pellegrini nus fâs jentrâ in events che a àn marcât popui e tieris dal Friûl o ben che a son o che a stan par plombâ. Etis diferentis, personaçs e situazions pinelâts cun netisie di particolârs, evocatîfs di mûts di vivi la vite e di sei protagoniscj, voie o no, di ce che al è daûr a sucedi o ben che al sucedarà. Nuie nol è mai fer, dut al è dentri chel sutîl divignî che al diven carulant fissitâts, sigurecis e progjets. Un continui scombati par cambiâ o resisti. Pagjinis che a puartin dentri dal labirint di une tiere intorteade in sutilis dicotomiis, cu lis sôs feminis e i soi oms. La lenghe furlane plasmade su lis ambientazions e diven piel di ogni figure. Un scrivi, chel di Gianfranco Pellegrini, che al intizìe pe forme, pes sieltis stilistichis, pes induvinadis licencis; spieli di ricercje lessicâl e leterarie coltade instreçade cu la sclagne tradizion popolâr orâl.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram