Canzone_del_disordine

CANZONE DEL DISORDINE

AuthorDI Rocco Burtone

€ 15,00 € 10,00

30 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Una Udine inedita, una Udine “altra”, ribelle e visionaria, quella che emerge da questo racconto, eppure vera, perché l’invenzione narrativa si inserisce in un contesto reale, che nel libro è rappresentato dalle bellissime foto di Piermario Ciani. Una Udine che non immaginano quelli che: “qui non succede mai niente”. In quegli anni Settanta ad Udine c’era un circolo anarchico, un centro sociale (marginale? emarginato dai mass media, piuttosto) ma anche orgogliosamente autoemarginantesi rispetto alla cultura ufficiale, in cui musica, cultura e storia locale si intrecciavano con il mondo.

Descrizione

 

I personaggi e la storia di questo libro sono del tutto inventati. Per alcuni ho usato nomi di amici per simpatia e comodità di memoria. Ho voluto ricordare l’amico Ugo Vat perché devo cercare di placare il senso di colpa che mi accompagna da anni per averlo abbandonato. Ugo è morto in solitudine fra il 97 e il 98 (non ricordo bene) e gli devo perlomeno il ricordo della sua capacità folle di essere poeta. Certi luoghi e certe situazioni sono veramente esistiti: Librera e il Centro Sociale per esempio.

Rocco Burtone

 

Si comincia.
“Come l’inutilità delle cose. Un sapone, che importanza ha una saponetta? Mi lavo, non mi lavo, odoro, puzzo, piaccio, non piaccio. L’odore sgradevole di un corpo sudato, la vicinanza di una donna, l’imbarazzo. E il maiale? Il cane? Non solo non si curano di tutto ciò, tutt’altro…”

 

CODICE INTERNO 026
ANNO 2005
PAGINE 192 + CD
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “CANZONE DEL DISORDINE”

Ti potrebbe interessare…

  • € 13,00 € 10,00

    GLI ANNI DIFFICILI

    Narrativa

    Amori, solitudini, amicizia, utopia, delusioni, nascite e rinascite nella storia di cinque giovani donne alla ricerca di sé.
    Sono gli anni Settanta, in un Friuli tradizionalista e bigotto dove il delinearsi di una nuova soggettività femminile e la “rivoluzione” dei costumi hanno terremotato le esistenze più del concreto sisma del ’76.

  • € 13,00 € 10,00

    NIENTE COME PRIMA

    Narrativa

    Il passaggio del ’68 tra storia e memoria

    Risuonano voci di donne, ciascuna nella propria singolare e differenziata unicità, a riprova che la differenza di genere incrocia molteplici differenze: appartenenze generazionali e sociali, luoghi e percorsi di elaborazione. Comune a tutte è invece la ricerca di quella libertà che significa possibilità di raccontare un romanzo di formazione femminile non più a senso unico ma articolato nelle più varie direzioni pensabili.

  • € 14,50 € 12,00

    MA NON VEDETE NEL CIELO… Storia del ’68 friulano

    Narrativa

    STORIA DEL ’68 FRIULANO

    Il sessantotto friulano nella su fase iniziale, ancora (forse) ingenuo ma certamente forte di quella spinta e di quella capacità di penetrazione che solo l’aggregazione spontanea attorno a temi comuni, al disagio di una generazione e alle sue speranze potevano dare.
    Un anno vissuto intensamente e riportato fedelmente da uno dei protagonisti.

  • € 11,00 € 8,00

    GENTE DI FERRIERA

    Saggistica

    Classe Operaia friulana e dintorni: altre storie

    Storie di operai, passioni, gioie, dolori grandi e piccoli, battaglie sindacali, racconti partigiani.
    In una parola, la vita vera, di coloro che hanno capito che i problemi non derivano dalle speranze mancate, bensì dalla mancanza di speranze.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram