fbpx

CANILI. Storie di umani e animali – Racconti monfalconesi

AuthorDI Maria Aldrigo

€ 14,00

100 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Canili si compone di undici racconti che si svolgono quasi totalmente nell’Isontino. Attraverso gli occhi attenti ed impietosi di persone comuni, in toni a volte satirici, si espongono vicende ispirate da problematiche attuali. Idea unificante della raccolta è l’analisi dei rapporti tra le persone e tra queste, gli animali e la Natura nel periodo di crisi e contrapposizioni veementi che stiamo vivendo.
Nell’ultima parte, un’appendice narrativa in cui si riflette sul rapporto tra lingua e dialetto nei giovani.

Descrizione

 

Quando erano comparsi i tre gattini, con i musetti dai grandi occhi spalancati, in cerca di cibo, Marina si era votata al soccorso di quelle creaturine randagie e indifese. Ma sarebbe stato possibile aiutarle senza doverle rinchiudere dentro casa? I recenti avvelenamenti successi nei dintorni le facevano temere il peggio…

In dodici racconti emblematici la crisi dei rapporti tra le persone e tra Umanità e Natura in un difficile periodo di transizione in un angolo particolare d’Italia.

 

Nata a Monfalcone, laureata in Scienze storiche e filosofiche, Maria Aldrigo ha insegnato fino a pochi anni fa. Dedita alla scrittura già da giovanissima, ha ripreso questa attività da qualche anno con la collaborazione al mensile “Tam Tam delle passioni” di Udine con degli articoli dall’Isontino. Nel 2018 ha vinto il premio Giordano Vittori “Jambo”, indetto dal comune di Sagrado, con il racconto “Notte in trincea” che compare anche in questa raccolta.
Canili è il suo primo libro.

 

ISBN 9788832153132
ANNO 2019
PAGINE 136
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “CANILI. Storie di umani e animali – Racconti monfalconesi”

Ti potrebbe interessare…

  • € 15,00

    ÈCO s. femminile, plurale

    Narrativa

    Ventisei racconti in cui personaggi e ambienti sono indagati con i mezzi dell’introspezione e delle conoscenze storiche, in un quadro accattivante e per certi versi sorprendente
    dei destini dei protagonisti. Storie che non sono autobiografiche (se non per quanto di autobiografico chi scrive riversa sempre nella propria opera) ma che spaziano invece in tempi e ambiti molto diversi. Le unificano i luoghi, perché tutte hanno a che fare con gente del Friuli e della Venezia Giulia. E pur nella varietà di genere e di stile narrativo, hanno la stessa scrittura asciutta, la stessa capacità immaginativa, per finali spesso folgoranti.

  • € 16,00 € 12,00

    LA MIA CASA È DOVE SONO FELICE

    Saggistica

    Storie di emigrati ed immigrati

    Uliano è emigrato illegalmente in Jugoslavia nel 1947. Ahmed è entrato in Italia senza un permesso di lavoro nel 1989. Luigi ha creato una fabbrica in Canada, dove vive da cinquant’anni. Naiaga ha creato una fabbrica in Friuli, dove vive da quindici anni. Ana vuole diventare cittadina italiana per poter votare, perché se si vota ci si sente piu’ partecipi della vita sociale. Vittoria ha vissuto diciassette anni in Germania, ma si è sempre sentita un’immigrata. Bozidar ha dovuto lasciare la Bosnia per colpa della guerra e oggi suo figlio parla l’italiano meglio del serbo-croato. Il bambino di Ines ha imparato prima il tedesco dell’italiano, perché in Svizzera il figlio di uno stagionale era un clandestino e la famiglia che lo teneva in incognito era svizzera-tedesca. Storie di emigrazione di un’epoca lontana alcuni decenni e storie di emigrazione di tempi piu’ recenti. Storie che hanno per punto di incontro il Friuli, la regione piu’ segnata dall’emigrazione nella storia italiana dell’ultimo secolo e mezzo e una tra quelle dove piu’ marcata è la presenza di immigrati.

     

  • € 14,00 € 10,00

    PASSIONI DELLA CATTIVITÀ

    Narrativa

    Follia della normalità o normalità della follia?

    Sedici storie noir, ambientate nel più estremo Nord-Est, rispondono a un interrogativo quanto mai attuale in un’epoca segnata da percezioni deliranti del pericolo.

  • € 11,00

    VARECHINE

    Saggistica

    Storie di donne, di braccianti e partigiani

    Terzo “viaggio” di Gino Dorigo fra storie di donne. Il denominatore comune è sempre la memoria di un possibile cambiamento dello stato delle cose non solo a livello individuale ma anche collettivo. Qui si parla di ragazze che con un lavoro molto faticoso e con lotte generose hanno reso il mondo più pulito di come lo avevano trovato. Donne che fanno emergere un forte sentimento di appartenenza per i luoghi della loro vita. Queste “figlie del popolo“, lottando contro lo sfruttamento e contro la dittatura del fascismo, difesero la loro dignità personale e anche quella della collettività locale.

Facebook Icon