berlusconiane

BERLUSCONIANE

€ 8,00

10 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

L’elemento più problematico di questa poesia è che essa presuppone, marxianamente, la necessità di perdere quell’insensata aura di totale esclusione dai rapporti fra gli uomini che una ritualità piccolo borghese le ha sempre, a torto, attribuito, e di rientrare nella corrente, assumendosi, nel bene e nel male, tutte le caratteristiche della merce, il cui arcano consiste semplicemente nel fatto che tale forma rimanda agli uomini come uno specchio i caratteri del proprio lavoro.

(dall’introduzione di Tito Maniacco)

 

Con cinque disegni di Tonino Cragnolini

Descrizione

 

Può accadere che stando fuori dal coro la voce risulti stonata. È sempre così in momenti di smarrimento. Dall’altro lato c’è il brusio indistinto del misticismo, che nei settori più raffinati e colti diventa misticismo tecnologico al cui centro fraseggia e lampeggia il computer. O estetismo o disimpegno. Nella sua totale inutilità come non merce per eccellenza, la poesia, probabilmente, fuori dal coro per forza di gravità sociale, acquista una sua stridente atonalità e una sua particolare forza di gravità la cui a-socialità è disperata lotta per rientrare in un equilibrio di compensazione con la dialettica del mondo moderno.

Le schegge che Morandini esplode fanno parte della lotta della letteratura, di certa letteratura, di poca letteratura, di una nuova idea della letteratura che poco contiene (anche se pur contiene) del vecchio e così rabbiosamente contrastato engagement.

L’elemento più problematico di questa poesia è che essa presuppone, marxianamente, la necessità di perdere quell’insensata aura di totale esclusione dai rapporti fra gli uomini che una ritualità piccolo borghese le ha sempre, a torto, attribuito, e di rientrare nella corrente, assumendosi, nel bene e nel male, tutte le caratteristiche della merce, il cui arcano consiste semplicemente nel fatto che tale forma rimanda agli uomini come uno specchio i caratteri del proprio lavoro.

Ed è proprio guardandosi in queste poesie e seguendo le spirali dei disegni di Cragnolini che il passivo lettore può iniziare il suo attivo cammino di attivo attore.

Allora è possibile, ché di una possibilità si tratta, rientrare nel coro, così come succede, appunto, alla vox organalis, al discanto insomma, la cui natura è quella di dar origine, nella musica alla polifonia, e nella società ad un nuovo ed intonato coro alternativo.

È interessante notare che un sinonimo di alternare è cambiare e che un sinonimo di cambiare è rivoluzionare.

(dall’introduzione di Tito Maniacco)

 

ISBN
ANNO 1995
PAGINE 48
FORMATO (cm)
11,5 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “BERLUSCONIANE”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    L’IDEOLOGIA FRIULANA critica dell’immaginario collettivo

    Discanto

    Forse questi occhi crudeli sono il solo modo intelligente che possa avere uno scrittore per amare il proprio paese.

    Tito Maniacco

     

    con otto articoli dell’autore pubblicati su stampa dal 2000 al 2007
    e sette immagini di Danilo De Marco

  • € 15,00 € 7,50

    TRA ELEGIA E SATIRA

    Discanto

    collana discanto – numero 10

    “Se dopo Auschwitz si è continuato a far versi, pare che anche dopo le minime catastrofi dei viventi, dei sopravvissuti, si tenti la ripetizione di una parola sconfitta dalla sua stessa insignificanza, e tuttavia nutrita da questa stessa insignificanza…”

    Silvio Cumpeta

  • € 8,00 € 6,00

    LEMMI IN FILA

    Discanto

    collana Discanto – numero 8

    La nuova raccolta di poesie civili di uno dei maggiori poeti del Friuli Venezia Giulia. “Le pagine di Morandini poeta non si risolvono in una denuncia (sì, ci sono anche invettive, parole crude di accusa), vogliono essere – come l’occhio del cittadino «che guarda sgomento / vede si oppone» – anche un atto di carica etica contro il disfacimento, contro la perdita di coscienza, la corrosione del «bel Paese».” Elvio Guagnini

  • € 13,00 € 10,00

    LE FAVOLE DEL CORVO

    Discanto

     

     collana DISCANTO – numero 6

     

    “… Il mondo della foresta è il mondo moderno e il corvo non è ben visto né dai benpensanti di destra né da quelli di sinistra, né la sua interpretazione-trasformazione della morale delle favole piace alla civetta che le ritiene abnormi, irriverenti verso l’autorità dei vecchi favolisti, e irridenti verso lo status quo…”

    Tito Maniacco

  • € 8,00 € 6,00

    IL KOSOVARO

    Discanto

    La storia vera di un profugo Kosovaro ospitato in Friuli dall’autrice.

    “… A Pancevo, ricordo, / la piazza era affollata / per la grande Fiera dell’anno. / Sfilavano i cavalli / sul dorso le belle coperte / rosse o multicolori / tessute a disegni. / Pesa, il ricordo del passato. / Oggi Pancevo distrutta / è una fornace di veleni chimici…”.

    Bruna Sibilla-Sizia

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram