aulo magrini e la carnia

AULO MAGRINI E LA CARNIA

€ 8,00

20 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Vita, luoghi, ragioni di un Partigiano

 

«HO CREDUTO E CREDO FERMAMENTE IN UNA SOCIETÀ MIGLIORE E IN UN MIGLIORE PROSSIMO AVVENIRE DI QUESTA UMANITÀ. NON CREDO POSSIBILE, NE POSSO IN QUESTO MOMENTO, RIFUGGIRE DALLA RESPONSABILITÀ E DAI DOVERI CHE ME NE DERIVANO. NON È QUESTA CHE LA FERMA E CALMA DECISIONE CHE CHIUNQUE, NELLE SUE MODESTE CONDIZIONI, VOGLIA CONSIDERARSI DEGNO DEL NOME DI UOMO, DEVE PRENDERE PER SÉ E SOPRATTUTTO PER I PROPRI FIGLI.»

Aulo Magrini, lettera alla moglie Margherita

Descrizione

 

Lo scorso anno il 15 luglio ricorreva il 72° anniversario della morte del Comandante “Arturo” Aulo Magrini avvenuta in località ponte di Noiaris; quel giorno caddero insieme a lui Ermes Solari e Vito Riolino. Abbiamo voluto ricordare questo triste e drammatico avvenimento, ma nello stesso tempo altamente significativo come atto di lotta, ribellione e resistenza al nazifascismo, onorando il suo sacrificio con l’intitolazione della sezione a suo nome: ANPI AULO MAGRINI “ARTURO” SEZIONE VAL BUT. L’occasione ci ha permesso di organizzare un convegno sulla figura leggendaria di questo Uomo, Padre e Partigiano: “Aulo Magrini e la Carnia – vita luoghi ragioni di un Partigiano”.

Ci eravamo ripromessi di raccogliere, in un libricino, tutti i contributi degli storici intervenuti nel convegno con lo scopo di divulgarlo durante le iniziative che la nostra sezione intende organizzare nelle scuole e negli eventi pubblici. In questi ultimi decenni il negazionismo storico e la diffamazione nei valori della Resistenza, della Lotta di liberazione e dei suoi Uomini ha avuto una impennata molto preoccupante; è l’ennesimo tentativo di rimuovere con la manipolazione storica, con l’inganno, con le falsità, il periodo più fulgido e tragico di riscatto dell’Italia dal fascismo.

Più che mai al giorno d’oggi è necessario combattere contro l’indifferenza, il qualunquismo, l’apatia, l’ignoranza storica, la pigrizia intellettuale… il limbo culturale in cui le persone sono state o hanno accettato di essere confinate. È nostro compito far sapere che cade sulle spalle di ognuno di noi la responsabilità di un impegno verso il bene comune. Ed è fondamentale, per fare questo, acquisire consapevolezza sia delle vicende storiche sia delle ragioni individuali di coloro che hanno perduto la vita, o hanno solo sofferto, per l’affermazione dei diritti ineludibili delle persone. La nostra libertà, i nostri diritti.

Noi vorremmo che questo nostro piccolo ma, riteniamo, significativo contributo abbia la forza di far conoscere ancora di più i valori che la Resistenza e la Lotta di liberazione portano con sé e che questa conoscenza possa tramutarsi in lotta e speranza nel futuro.

Boris Maieron – Presidente ANPI Aulo Magrini “Arturo” sezione Val But, giugno 2017

 

ISBN 9788897705307
ANNO 2017
PAGINE 56
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “AULO MAGRINI E LA CARNIA”

Ti potrebbe interessare…

  • € 20,00 € 16,00

    DA MAIASO AL GOLICO, DALLA RESISTENZA A SAVONA una vita in viaggio nel ’900 italiano

    Storia

    a cura di Laura Matelda Puppini

    Questo libro ripercorre la vita di ROMANO MARCHETTI, carnico come egli si è sempre sentito, dottore in agraria, specializzato in agricoltura tropicale, mazziniano, repubblicano e socialista, partigiano osovano, esperto in zootecnia, sostenitore assiduo del circondario montano, nato nel lontano 1913. Questa è la storia di un bimbo che da un mondo fatto di giochi infantili, ramarri, cingallegre, ghiri, parenti e padrini precipita in un mondo fatto di prevaricazione e soprusi, di ordini, ingiustizie, sogni infranti. La storia di Romano Marchetti inizia nel piccolo paese di Maiaso, in Carnia, e continua, attraverso la metamorfosi giovanile, fino alla crescita, in lui, di una coscienza antifascista ed allo sviluppo di un pensiero libero.

  • € 12,00

    POESIIS letis dal autôr + CD

    Friulano

    Cheste regjistrazion e je stade fate intal 1980, lì dai studis de AVF di Nimis. Le proponìn di gnûf, dopo di plui di trente agns, come testemoneance leterarie e storiche, intal stes timp, sei pe epoche cuant che je stade realizade, che no jerin ancjemò lêçs di tutele e il furlan al jere ancjemò considerât, de bande di une buine part dal mont politic e culturâl, tant che une lenghe buine pal folclôr; sei parcè che de vôs di Leo Zanier o podìn sintî une selezion de sôs primis racueltis di poesiis, che al è ancje un sugjeriment come “percors di leture” di cheste sô produzion, che e va dai agns prime e chei dopo dal taramot, duncje intun passaç fondamentâl de vite dal Friûl.

    Sul sfont Claudio Cojaniz cul so piano jazz, a testemoneance di colaborazions e amiciziis “antighis” che a durin intal timp e che a àn inricjît un Friûl che però no simpri si ‘nd à inacuart.

  • € 13,00 € 10,00

    NOME DI BATTAGLIA “CARNERA”

    Resistenza storica

    Storia del partigiano dei G.A.P. Arturo Nassig

    Figlio di una famiglia contadina molto povera nel Friuli del ventennio fascista, soldato nella guerra di aggressione in Jugoslavia, partigiano gappista dopo l’8 Settembre, perseguitato nel dopoguerra dalla Repubblica nata dalla Resistenza e costretto all’esilio in Jugoslavia, la vita di Arturo Nassig, come tanti della sua generazione, è fortemente intrecciata con i grandi avvenimenti del XX secolo. Leggere la sua storia ci può aiutare a comprendere meglio le vicende di queste terre e del confine orientale di cui tanto si parla in questi anni in Italia, molto spesso senza cognizione di causa.

  • € 13,00

    LICÔF – POESIE 1991-1995

    Discanto

    collana Discanto –  numero 9

    Poesiis par furlan cun traduzion par talian. Une poesie che fevele, di animâi, di plantis, di cunfins, di ints, di amôr, intun miscliç potent di liriche e di ironie, un lengaç dulà che i riferiments aes robis de vite cuotidiane a son imagjins speculârs, no dome leterariis, de condizion umane.

    Poesie in friulano con traduzione in italiano. Una poesia che parla di animali, di piante, di confini, di genti, di amore, in una mescolanza potente di lirica e di ironia. Un linguaggio dove i riferimenti alle cose della vita quotidiana sono immagini speculari, non solo letterarie, della condizione umana.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram