1866 liberi tutti

1866 “Un, due, tre… liberi tutti!”

€ 15,00 € 10,00

99 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Un gioco di sguardi tra due giovani, tra due mondi che si scontrano e contemporaneamente s’intersecano. Due destini che si sviluppano seguendo le accelerazioni ondulatorie della Storia. È il 1865. La coinvolgente vicenda d’amore tra Gerard e Rebecca si inserisce nel contesto concitato della lotta per l’annessione del Friuli all’Italia, un periodo caratterizzato dal desiderio di libertà e di autodeterminazione politica. Una storia di confine che, nel Centocinquantenario dell’Unità d’Italia, ci ricorda la complessità del reale processo di formazione del nostro Stato e lo proietta in una dimensione europea.

Descrizione

 

Un gioco di sguardi tra due giovani, tra due mondi che si scontrano e contemporaneamente s’intersecano. Due destini che si sviluppano seguendo le accelerazioni ondulatorie della Storia.

È il 1865. La coinvolgente vicenda d’amore tra Gerard e Rebecca si inserisce nel contesto concitato della lotta per l’annessione del Friuli all’Italia, un periodo caratterizzato dal desiderio di libertà e di autodeterminazione politica. Il giovane libraio udinese, figlio di un garibaldino, non può sottrarsi al fascino della determinata ragazza viennese, anche se figlia del comandante della guarnigione austriaca. Le loro convinzioni e le loro sensibilità complementari confluiranno negli avvenimenti della città friulana fino all’ingresso dell’esercito italiano del luglio del 1866.

Una storia di confine che, nel Centocinquantenario dell’Unità d’Italia, ci ricorda la complessità del reale processo di formazione del nostro Stato e lo proietta in una dimensione europea.

 

ISBN 9788897705024
ANNO 2011
PAGINE 200
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “1866 “Un, due, tre… liberi tutti!””

Ti potrebbe interessare…

  • € 17,00

    LE VITE DI PRIMA

    Narrativa

    La vita di Giovanna la Turca è la storia vera di una bambina che a sei anni è catturata sulla nave del padre durante un combattimento corsaro. Da quel momento diventa per tutti la turca Avagadun dell’harem del gran visir. Nel racconto che la protagonista fa della sua vita compare il continuo peregrinare da Istanbul a Cefalonia, a Corfù, a Zante, a Venezia e infine a Roma. E compaiono anche le storie parallele di tante persone, storie che dipingono un affresco realistico della vita nella seconda metà del Seicento.

  • € 15,00

    L’ABIURA

    Narrativa

    5 di 5

    Henrick Maler, fin da bambino, ha conosciuto il dramma di vivere sospeso tra due fedi, quella cattolica della madre e quella calvinista del padre. Lacerazioni, dubbi, inquietudini diventano così suoi compagni di vita e ne fanno un personaggio emblematico del disincantato Seicento e nello stesso tempo un precursore di nuovi tempi e del disagio di vivere dell’uomo contemporaneo.

    “Una storia avvincente, sorprendentemente attuale. Un intenso affresco storico.”
    Moni Ovadia

  • € 10,00 € 6,00

    I SOLDATINI DI PIOMBO DEL SIGNOR LAZZARO FERRARI

    Narrativa

    … Ma quando Rino andava con la madre “giù là in fondo”, quasi al confine con il Regno dei Serbi Croati Sloveni, non si pronunciava alcun nome. Si diceva solamente: «Andemo da la Bela Ebrea» e bastava, perché era come dire: «Andiamo a Roma» che tutti sanno dov’è…

  • € 16,00

    IL RITRATTO DI MARIA

    Narrativa

    Rimasta vedova di Cristoforo Mussinano, cramar come lo furono il padre e il nonno e come lo saranno i figli maschi, Maria Straulino Mussinano si vede costretta a reggere da sola le sorti, i beni ed i commerci della propria famiglia. È la seconda metà del ‘700 e non sono molte le donne della Carnia, anche di famiglia illustre e benestante, che sanno leggere e far di conto. Maria è così orgogliosa di questa sua prerogativa che la fa immortalare in un ritratto ad olio. Una decisione che prende dopo un travagliato dialogo con se stessa, ma che difende con forza, come tutte le decisioni che sarà costretta a prendere, in solitudine, guidando la propria famiglia attraverso gioie e dolori, pace e guerra, fino oltre gli ottant’anni. Un delicato e vivido affresco di una Carnia orgogliosa dei propri intraprendenti mercanti, i cramars, della sua indipendenza amministrativa e della tenace lotta contro una natura ostile quanto straordinaria.

Facebook IconYouTube IconVisita la nostra pagina Instagram