Leonardo Zanier

Leonardo Zanier (1935-2017) era originario della Carnia, di Maranzanas di Comeglians. È stato emigrante, sindacalista, dirigente di ECAP-CGIL (ente di formazione e ricerca del sindacato) e per l’Unione Europea promotore di progetti di sviluppo locale e contro le marginalità. In Carnia è stato uno dei fondatori della Cooperativa Albergo Diffuso. La sua produzione poetica e letteraria in friulano e in italiano dai primi anni Sessanta è vastissima. Ricordiamo le raccolte: Libers… di scugnî lâ / Liberi… di dover partire (1962), Risposte ai ragazzi di Fagagna (1973), Che Diaz… us al meriti / Che Diaz… vi renda merito (1976), Sboradura e sanc (1981), Il câli / Il caglio (1989), Usmas / Tracce (1991), Licôf / Festa (1993), Marcinelle/Vajont/Cernobyl (1996), Suspice caelum / Letture dell’universo (1999), Lôcs / Luoghi (2008), Il dolore e la grazia (2015), tutte pubblicate più volte in diverse edizioni e tradotte in tante lingue (tedesco, inglese, sloveno, croato, francese, svedese, arabo…). Ha scritto anche per il teatro e racconti, come Linea diritta: storiella carnica per addormentarsi e la raccolta Carnia/Kosakenland/Kazackaia Zemlja (1995). Fin dagli anni Settanta le sue poesie sono state musicate da molti gruppi musicali e da artisti, non solo friulani. Gli piaceva leggere le sue poesie, come nella registrazione fatta presso l’AVF di Nimis nel 1980 e contenuta all’interno di Poesiis letis dal Autôr.

https://shop.kappavu.it/prodotto/licof/

https://shop.kappavu.it/prodotto/il-cali-poesie-e-prose-1981-2012/

https://shop.kappavu.it/prodotto/poesiis-letis-dal-autor/