Gianfranco Pellegrini

gianfranco_pellegriniAl è nassût a Cormons tal 1954. Al à vivût a Manzignel e a Tresesin; cumò al è a stâ a Val di Reane, intal Roiâl. Al à fat studis classics e al à cjapade la lauree in filosofie ae Universitât di Triest, cuntune tesi sui rapuarts fra lis tecnichis de logjiche formâl e lis riflessions filosofichis, cuntune atenzion particolâr al periodi che al va di Leibniz a Peirce. Passionât di algjebre a doi valôrs, di calcul des proposizions e dai predicjâts, al à metût un pît intal mont de informatiche e dai calcoladôrs eletronics, dulà che al à cjatât lavôr. Al à vût insegnât intai cors di furlan inmaneâts dai Comuns e dai Circui didatics ma tai ultins timps al sta daûr, par plasê, dome ae scriture. Al è di fat convint che dome la scriture e sedi in grât di completâ il lengaç di mût che al sedi considerât ad in plen “discors uman”. Contis des sôs a son stadis publicadis sul Strolic, su Sot la Nape, su La Comugne e su la antologjie dal premi leterari Vilegnovele dal Judri, indulà che l’autôr si è classificât al prin puest inte sezion de lenghe furlane tes edizions dal 2003, 2005 e 2007. Altris microcontis si puedin cjatâ publicadis sul web inte ostarie leterarie virtuâl di Contecurte. Tal 2013 al à vinçût il prin premi tal concors leterari “Renato Appi” di Cordenons cu la conte Stramude di vierte. Par Kappa Vu al à publicât Cuatri stagjons dal an – Contis de disincressite (2010), une racuelte di contis curtis sul teme de disincressite, e Cun altris voi (2017), une seconde schirie di contis, plui lungjis, che a àn dentri une critiche sponzinte tai confronts di rimpinadôrs, predadôrs, trasformiscj, çarlatans che, ancje in dì di vuê, in zonte a dutis lis grandis invasions e vueris dal passât, a doprin e a sfrutin, fintremai a fiscâle pal lôr tornecont, une tiere straordenarie par bielece, storie e culture. Intal 2020, a Otubar, si è classificât al prin puest intal concors “Vôs de Basse” cu la conte Torse Sand Creek. Simpri intal 2020, a Novembar, al à vût il secont premi ex aequo al concors “Caterina Percoto” cu la conte Diauladis.

 

Originario di Manzinello, da oltre vent’anni abita a Valle del Rojale. Dopo gli studi classici si è laureato in filosofia a Trieste, con una tesi sul passaggio dalle tecniche della logica formale alle conseguenti riflessioni filosofiche nel periodo fra Leibniz e Peirce. Ha lavorato in ambito informatico per la realizzazione e la gestione di sistemi a supporto dell’Amministrazione regionale, degli Enti Locali e della Sanità. Ha insegnato per alcuni anni nei corsi di lingua e cultura friulane organizzati dalla Società Filologica Friulana, dai Comuni e dai Circoli didattici. Ha pubblicato racconti in lingua friulana sulle riviste Sot la NapeLa Comugne e sullo Strolic. Altre sue storie brevi si possono leggere sul sito web Contecurte. Nel 2010 è uscito presso Kappa Vu, con introduzione di Giuseppe Mariuz, Cuatri stagjons dal an. Contis de disincressite, una raccolta di racconti che significativamente si allacciano alle stagioni dell’anno proprio per sottolineare quanto fossero un tempo fondamentali elementi di una vita che a esse doveva adattarsi, mentre ora il processo è come invertito dato che è l’uomo a soggiogarle attraverso tecnologie devastanti. Nel 2017 ha pubblicato, con Kappa Vu e postfazione di Laura Nicoloso, Cun altris voi, una seconda serie di racconti in cui l’autore incrocia storia e finzione viaggiando nel tempo e nello spazio friulano, con motivi sempre più pungentemente critici nei confronti di arrampicatori, predatori, trasformisti, imbonitori che usano e sfruttano, fino a sfinirla per i propri ristretti scopi, una terra straordinaria per bellezza, storia e cultura. È stato per tre volte vincitore nella sezione friulana del concorso Vilegnovele dal Judri (2003, 2005 e 2007). Nel 2009 si è classificato al secondo posto ex aequo al concorso “Italo Calvino” (Studiart, San Remo), con Sinestesicomica, un racconto fantastico sull’inquinamento elettromagnetico, l’unico scritto in italiano. Nel 2013 ha vinto il primo premio ex aequo al concorso “Renato Appi” con il racconto surreale Stramude di vierte, poi pubblicato in Cun altris voi. Nel 2020, a ottobre, si è classificato al primo posto nel concorso “Vôs de Basse” con il racconto Torse Sand Creek. Sempre nel 2020, a novembre, ha ricevuto il secondo premio ex aequo al concorso “Caterina Percoto” con il racconto Diauladis.

 

http://shop.kappavu.it/prodotto/cuatri-stagjons-dal-an-contis-de-disincressite/

http://shop.kappavu.it/prodotto/cun-altris-voi/