• € 13,00

    IL MEMORY DI GJAT UT

    Didattica

    Il Memory al è fat di doi macs di 19 tessaris (o cjartis), compagnis a dôs a dôs. Prin di tacâ a zuiâ, si messedin i doi macs e po si metin suntun plan dutis lis tessaris in mût che la musute di GjatUt e sei par sù. Il prin che al zuie, al sielç dôs cjartis e lis zire: se al cjate il stes amì di GjatUt su dutis dôs lis cjartis, al pues tignîlis e zirâ altris dôs. Se lis besteutis a son difarentis, bisugne tornâ a meti lis cjartis ziradis al puest di prin. Al tocje cumò al secont zirâ dôs cjartis e viodi se a son compagnis. Al vinç cui che ae fin al à plui cjartis. Si pues zuiâ in doi o ancje in plui. A puedin zuiâ ducj: dai fruts ai nonos.

     

    Il Memory è composto di due mazzi da 19 tessere (o carte), uguali a due a due. Prima di iniziare a giocare, si mescolano i due mazzi e si dispongono su un piano tutte le tessere in modo che il musetto di GjatUt sia rivolto verso l’alto. Chi comincia a giocare, sceglie due carte e le gira: se trova lo stesso amico di GjatUt su entrambe le carte, può tenerle e girare altre due carte. Se gli animaletti sono differenti, si devono rigirare le carte mettendole al posto di prima. Tocca ora al secondo girare due carte e vedere se sono uguali. Vince chi alla fine ha più carte. Si può giocare in due o anche in più. Possono giocare tutti: dai bambini ai nonni.

     

    Dissens di / Disegni di Doriana Alessio

    Tescj di / Testi di Deborah Crapiz

    Consulence linguistiche di / Consulenza linguistica di Dot.e Raffaella Picco

  • € 13,00

    IL MEMORY DAI MOSTRIÇS E MOSTRIS

    Didattica

    23 mostris intîrs e tocs di mostris par un Memory dut di zuiâ ancje cuntune ponte di pôre e cualchi sgrisul, sore dut cuant che si trate di ve a ce fâ cul mostri sot dal jet o cun chel dai armârs e chel des scarpis puçonis… (chei no perdonin!). Intun librut dentri te scjatule, ognidun di lôr al à une sô storie di lei: cui che al è trist, cui carogne, cui avilît ma ancje cualchidun zentîl o timit. Zuie a meti doi a doi i mostris e i mostriçs e lei par discuvierzi lis lôr storiis. Ilustrazions di Maddalena Bathish. Tescj di Francesca Gregoricchio.

    23 mostri e mostriciattoli per un Memory tutto da giocare anche con una punta di paura e qualche brivido, soprattutto quando si ha a che fare col mostro sotto il letto o con quello degli armadi o delle scarpe puzzolenti… (quelli lì non perdonano!). In un libretto dentro la scatola ognuno di loro ha una sua storia da leggere: c’è quello cattivo, c’è il furbastro, l’avvilito, ma anche il gentile o timido. Gioca a mettere due a due i mostri e i mostriciattoli e leggi per scoprire le loro storie. Illustrazioni di Maddalena Bathish. Testi di Francesca Gregoricchio.

  • € 12,00

    ALTRIS CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    … une serie di storiis origjinâls e che si lein intun flât! A son storiis che a someis fatis par jessi recitadis tal mieç de int cun grande gjonde e che ti lassin simpri alc par rifleti. A àn colôrs intens, odôrs e savôrs. A rivochin un mont che nol è plui ma che, tal stes timp, in gracie a lis descrizions, al somee plui vîf che mai: ti pâr propit di jessi li…

  • € 8,00 € 6,00

    MARI AGHE

    Didattica

    Ho letto il testo esile, tenero, fantasioso, attuale di Franca Mainardis. Ho seguito con apprensione, da lontano, il paziente lavoro di messa in scena guidato da Daniela Zorzini. E ho assistito con commozione allo straordinario risultato presentato al teatro Giovanni da Udine il 7 marzo 2010, dove la lingua friulana ha trionfato in uno spettacolo per bambini bellissimo, riuscito sotto ogni aspetto.
    Un grande palco trasformato, con pochi tocchi, in un cortile del Friuli contadino, invaso da folletti/gocce figli di Mari Aghe che li vigila dall’alto della sua nube mentre dicono il testo, ballano, ritmano le filastrocche di DJ Tubet, accanto a buffi fiori assetati; ai quali solo dopo molti errori, uniti, riescono a portare aiuto. Una regia ricca di idee, una squadra affiatata, una lingua viva per un intrattenimento di alta qualità. E una grande soddisfazione, per me, per aver creduto in un lavoro che ha riunito tante forze, portandole ad un prezioso successo, ora compendiato in questo libro. Tarcisio Mizzau (Presidente Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine)

Facebook Icon