• € 12,00

    DISVUEDANT IL SCANSEL

    Friulano

    Sul cjast al jere un vecjo scrin cuntune specjere, un plan di marmul e cuatri scansei. I prins trê si podevin vierzi cu la rispetive clâf. A vevin dentri dome vecjos vistidats roseâts des tarmis e dai catans cuasi cence valôr: un orloi fer, ocjâi di soreli e di viste, rivistis di sport. Max al veve cjapat in man martiel e scarpel par scantinâ la clavarie dal unic scansel cence clâf, il plui in bas… Al capì daurman che al jere di front a la memorie di so barbe. Il barbe al jere muart za di tancj agns ma Max si visave ancjemò de sô vôs. Al tacà a lei cun passion chel materiâl dut scrit par furlan: alore i pareve che il barbe i stes fevelant…

  • € 13,00 € 8,00

    IL SORELI TE VALÎS

    Didattica

    Alla vigilia di ogni partenza, quando soli ci troviamo davanti al letto su cui poggia la valigia, ci accorgiamo di dover fare una scelta. Da una parte sappiamo che siamo noi il vero contenuto di quella valigia, dall’altra siamo spaventati dall’idea che in quel piccolo spazio non ci staranno mai tutte le cose che vorremmo portarci dietro.
    Tra le mani passano maglioni, camicie, calzini… il tempo sembra fermo ma in realtà il viaggio è già iniziato. Si affacciano le attese, le speranze e mille domande cercano una risposta: chi incontrerò lungo la strada? farà freddo? quando potrò ritornare?
    Leggere le fiabe di “Il soreli te valîs” è come vivere quel momento. Affrontare i suoni opachi e brillanti di una lingua lontana ma familiare ci conduce in un’altra realtà fatta di storie quotidiane in cui personaggi semplici compiono azioni straordinarie e la natura prende forma umana: il sole conosce il perdono, la nuvola pazzerella diventa responsabile e due delfini imparano ad essere coraggiosi.
    Sospesi tra la nostra realtà e questo mondo ci sentiamo a casa e al sicuro.
    L’incontro tra la penna di Gianni e i pastelli dei bambini ha dato vita a questa raccolta di fiabe: un ponte fra due generazioni che seppur così distanti avranno ora modo di conoscersi meglio.

    Paolo Nikli

    … Il Soreli nol podè fâ di mancul di riduçâ. Ma lu fasè ae sô maniere, ven a stâi sflandorant dulintor. E il Cramar al scugnì parâsi i voi cul cjapiel par no restâ inceât.
    «Va ben», al disè il Soreli in fin. «Che cussì al sei. Vierç la tô valîs.»
    E cussì disint, si sbassà su la piche de mont, che e deventà rosse tant che un fier su la fusine dal fari. E ancje il Cramar dai Fruts al fo cjapât dentri di chel bambâ e no i restà nuie altri ce fâ che di slungjâ la valîs e, daurman, sierâle plene di rais…

    Il lavôr par chestis flabis no à conossût une gjenesi dome leade ae publicazion di un gnûf libri, ma al è nassût di un autôr, di un grop teatrâl e de volontât di puartâ la esperience dal contâ plui dongje dai letôrs dal futûr.
    Cussì, cun Gianni, o vin decidût di inmaneâ un progjet indreçât aes scuelis primariis de zone culinâr, dulà che lis flabis a son deventadis materie vive di lavôr e di discussion sul test e su lis tematichis.
    Ce che al à caraterizât cheste esperience al è stât il moment dedicât ai zûcs teatrâi coletîfs, che al precedeve la leture: une creazion di un lengaç comun che al faseve sintî ogni frut come part di un grup, che al cjatave sens propit in chest so operâ insieme.
    Cui fruts si fevelave su lis leturis e di volte in volte a vignivin fûr riflessions e pinsîrs che dopo si son concretizâts intai disens che a ilustrin i tescj.
    L’incuintri dai fruts cun Gianni Gregoricchio al è stât il moment plui biel dal percors, pe pussibilitât che al à ufiert di viodi trope imagjinazion che a àn, e ce domandis che i fruts a volaressin plui dispès podê fâ ai nonos, sui lôr ricuarts, su lis diferencis inte vite di cuant che lôr a jerin zovins, ma salacor no lu fasin par scrupul o parcè che no àn la ocasion.
    Pal animatôr o pal gjenitôr-letôr chest lavôr al pues jessi plen di sodisfazions, parcè che al permet di jentrâ in contat cuntun mont interiôr dal frut, stiçât de leture su temis che dispès a rapresentin une esperience disconossude o gnove pai piçui letôrs, che a cjatin intune flabe ricuarts di altris che dopo a deventaran ancje lôr.

    Manuela Malisano e Paolo Nikli
    Servi di Scena

Facebook Icon