• € 12,00

    DISVUEDANT IL SCANSEL

    Friulano

    Sul cjast al jere un vecjo scrin cuntune specjere, un plan di marmul e cuatri scansei. I prins trê si podevin vierzi cu la rispetive clâf. A vevin dentri dome vecjos vistidats roseâts des tarmis e dai catans cuasi cence valôr: un orloi fer, ocjâi di soreli e di viste, rivistis di sport. Max al veve cjapat in man martiel e scarpel par scantinâ la clavarie dal unic scansel cence clâf, il plui in bas… Al capì daurman che al jere di front a la memorie di so barbe. Il barbe al jere muart za di tancj agns ma Max si visave ancjemò de sô vôs. Al tacà a lei cun passion chel materiâl dut scrit par furlan: alore i pareve che il barbe i stes fevelant…

  • € 12,00

    CUN ALTRIS VOI

    Friulano

    Gianfranco Pellegrini nus fâs jentrâ in events che a àn marcât popui e tieris dal Friûl o ben che a son o che a stan par plombâ. Etis diferentis, personaçs e situazions pinelâts cun netisie di particolârs, evocatîfs di mûts di vivi la vite e di sei protagoniscj, voie o no, di ce che al è daûr a sucedi o ben che al sucedarà. Nuie nol è mai fer, dut al è dentri chel sutîl divignî che al diven carulant fissitâts, sigurecis e progjets. Un continui scombati par cambiâ o resisti. Pagjinis che a puartin dentri dal labirint di une tiere intorteade in sutilis dicotomiis, cu lis sôs feminis e i soi oms. La lenghe furlane plasmade su lis ambientazions e diven piel di ogni figure. Un scrivi, chel di Gianfranco Pellegrini, che al intizìe pe forme, pes sieltis stilistichis, pes induvinadis licencis; spieli di ricercje lessicâl e leterarie coltade instreçade cu la sclagne tradizion popolâr orâl.

  • € 12,00

    ALTRIS CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    … une serie di storiis origjinâls e che si lein intun flât! A son storiis che a someis fatis par jessi recitadis tal mieç de int cun grande gjonde e che ti lassin simpri alc par rifleti. A àn colôrs intens, odôrs e savôrs. A rivochin un mont che nol è plui ma che, tal stes timp, in gracie a lis descrizions, al somee plui vîf che mai: ti pâr propit di jessi li…

  • € 10,00

    CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

    Friulano

    Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis.

    Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

  • € 12,00

    CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    Lis storiis di Raffaele Serafini a van indenant e indaûr intal timp dilunc di un troi che nus permet di butâ la voglade suntun pocjis des vicendis cressudis sul arbul gjenealogjic di une famee dal Friûl di mieç. Di conte in conte a cambiin duncje i protagoniscj, i timps, i stîi di vite, il paisaç che si pues viodi dulintor e, ae fin, a ’ndi ven fûr un Friûl che al è tal stes timp familiâr e fûr dai schemis.
    Dulà finissie la realtât e dulà tachie la invenzion? La veretât e je che nol è cussì impuartant savêlu parcè che, une volte tirâts dentri di une conte, si jentre intun mont che al è reâl ancje cuant che al è fantastic e che al è inventât ancje cuant che al è vêr.

    Le storie di Raffaele Serafini vanno avanti e indietro nel tempo lungo un sentiero che ci permette di gettare un occhio su alcune delle vicende cresciute sull’albero genealogico di una famiglia del Friuli di mezzo. Di racconto in racconto cambiano dunque i protagonisti, i tempi, gli stili di vita, il paesaggio che si può vedere tutto intorno e alla fine ne viene fuori un Friuli che è nello stesso tempo famigliare e fuori dagli schemi. Dove finisce la realtà e dove comincia l’invenzione? La verità è che non è così importante saperlo perché una volta coinvolti in un racconto, si entra in un mondo che è reale anche quando è fantastico e che è inventato anche quando è vero.

  • € 15,00

    Inge e Bach 2 – Gnovis Storiis

    Didattica

    Inge e Bach a stan cressint. Come ducj i piçui dal creât ancje lôr a scuvierzin un pôc a la volte che il mont nol finìs a Tarvis: che fûr di cjase e je tant int di cognossi, tancj puescj di visitâ e tantis robis ancjemò di imparâ. E vignarà a un ciert pont fintremai l’ore di cjapâ sù la cartele e lâ a scuele cun chei altris fruts. Ma a restaran simpri doi orsuts, Inge e Bach, ninins e simpatics: jê cul floc colôr di rose e lui cul floc celest.

  • € 10,00 € 7,00

    LA STAGIONE DELLA MUTA / MORE PULP TALES

    Friulano

    Jê a vevo poiât uno man sul finestrin.
    Fôr al ero miesdì e il paîs al ero desert.

    “Ma dove sono tutti?”
    “Tutti chi?”
    “Ah, ecco” a vevo det jê sconsolado
    “Bella risposta”.

  • € 12,00 € 8,00

    SES & BARETE contis curtis

    Friulano

    Vincj contis golosis, dulà che il ses al è il protagonist, miscliçât al plasê ma ancje aes pôris, frustrazions e, soredut, a chel tant di stupiditât che al gjenar uman no i mancje mai. Il dut insavorît cun ironie, juste par no butâ dret in muse che o sin ducj part di une umanitât avonde fûr di gamele.

  • € 15,00

    S. PIERI E IL SIGNÔR e altris contis dal bon acet

    Didattica

    L’antologia è nata come materiale di lettura in friulano per ragazzi/e della scuola media, ma va bene anche per gli adulti. Quello dello straniero, del viandante che cerca ospitalità o lavoro è forse il tema più diffuso nella letteratura mondiale. La raccolta comprende testi della tradizione friulana e di autori friulani quali Leonardo Zanier, con classici come Omero, Ovidio, fiabe arabe, brani dalla Bibbia e dai Vangeli, in cui si possono trovare quei valori universali che ci aiutano ad affrontare, l’incontro con gente di altri parti e di altre culture del mondo.

    La racuelte e je nassude come materiâl di leture in furlan par fantats/fantatis de scuele medie. Ma e je buine ancje pai grancj. Chel dal forest, il viandant, che al cîr ospitalitât o lavôr al è forsi il teme plui pandût inte leterature di dut il mont. Cheste racuelte e met adun tescj de tradizion furlane, e autôrs furlans tant che Leonardo Zanier, con classic come Omêr, Ovidi, flabis arabis, tocs de Bibie e dai Vanzei, dulà che o podìn cjatâ chei valôrs universâi che nus judin a frontâ inte maniere plui juste l’incuintri cun int di altris bandis e di altris culturis dal mont.

  • € 10,00 € 5,00

    SCÛR DI LUNE

    Friulano

    I racconti di Checo Tam, che possono parlare di concerti di musica dark anni ottanta, come di alieni secondo la moda della fantascienza anni cinquanta, ma anche della “Sagra delle Pere” di Pavia di Udine, mostrano una rara capacità di portare in scena personaggi e storie, che saltano fuori da un immaginario assai complesso, ma allo stesso tempo coerente, legato alle esperienze vissute in prima persona dal narratore-protagonista sullo sfondo di un Friuli ormai semi-rurale. O semi-industriale e globalizzato – dipende dal punto di vista.

    Lis contis di Checo Tam a puedin fevelâ di concierts di musiche dark dai agns otante, come ancje di aliens ae mode de fantasience dai agns cincuante, ma ancje de “Sagre dai Pirùs” di Pavie di Udin. A mostrin une rare capacitât di puartâ in sene personaçs e storiis, che a saltin fûr di un imagjinâri une vore complès e imagjinific, ma al stes timp coerent e peât aes esperiencis vivudis in prime persone dal naradôr-protagonist sul sfont di un Friûl aromai semi-rurâl. O semi-industriâl e globalizât – dipent di cemût che si vûl cjalâlu.

  • € 10,00 € 5,00

    NIARI – TWO PULP TALES

    Friulano

    Chi racconta una storia definisce la sua cifra del mondo.

    Quanto più l’autore si muove su coordinate eccentriche rispetto a connessioni prestabilite, capoluoghi culturali o norme surrettizie, tanto più potente sarà la visione prodotta. Nei due racconti qui presentati la Carnia – anzi, una piccola porzione di essa, linguisticamente delimitata – e una semiperiferia notturna – ma sì, è Udine – ancorano l’immaginario a un vissuto contemporaneo, che tuttavia – un po’ più a lato, un po’ più in là – diventa altro, al centro del global business o nelle pieghe del mito ancestrale.
    Gli estimatori del genio multitasking di Fulvio Romanin, a.k.a. Reddkaa, autore, cantante, produttore, web designer, videomaker, non si sorprenderanno della pubblicazione di questa prova squisitamente letteraria: Geologicamente impossibile e Cornetto e caffè sono due racconti diversi, a partire dalla scelta del medium linguistico, ma sostanzialmente frutto della stessa penna e di riconoscibili modalità creative: dialoghi serrati, gergo “gggiovanile”, visualizzazione concitata di scene spezzate come in un videoclip, collegate da un montaggio frenetico.
    Geologicamente impossibile sfida il lettore, e sfida una certa deriva normalizzatrice proponendosi ostentatamente nella variante del carnico di Forni Avoltri, quella che termina in “o”, irriducibile alla koinè friulana. Ma questa è la sola lingua che il protagonista, tornato al paese dopo anni di Università a Bologna, sente di poter usare in quel luogo, la lingua che dà il nome alle cose, agli affetti, alle amicizie, della quale si riappropria a mano a mano che procede a fare i conti con un improbabile presente e fantasmi fin troppo concreti del recente passato.
    Cornetto e caffè scorre facile, con l’andamento melodico di quelle canzoni così semplicemente perfette che entrano da subito nella personale hit list – notare i titoli dei capitoli, please. E poi, progressivamente, il ritmo accelera, scarta, il tono cresce, devia in ambiti obliqui, nella lunga notte di una coppia di amici che si erano incontrati al solito posto, nella solita estate afosa di Udine.
    A volte si trovano ancora scrittori che sanno raccontarle, le storie.
    E questo è solo l’inizio.

    Stefania Nonino

Facebook Icon