Bruna Sibille-Sizia

UNA VOCE CARPITA E SOMMERSA. Bruna Sibille-Sizia

€ 22,00

100 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

LA STORIA PERSONALE E ARTISTICA DI UNA GRANDE SCRITTRICE FRIULANA

«Bruna Sibille-Sizia, la nostra prima e miglior narratrice in prosa degli anni Cinquanta, nonché, in assoluto la più rimossa della letteratura friulana in lingua italiana – e ci sarà ben da farci sopra un piccolo pensiero -.»

Tito Maniacco

 

Descrizione

 

Dalla prefazione:

«Ho avuto il piacere di seguire fin dal suo nascere questo libro, una tesi di laurea che è cresciuta fino ad uscire dai confini di una semplice dissertazione accademica, per diventare un punto di riferimento culturale prezioso per parecchi motivi. Grazie alla cura appassionata di Martina Delpiccolo, oggi diventa molto più scontato ricollocare Bruna Sibille-Sizia in una posizione centrale della letteratura, anzi della storia formativa “della donna” e “del territorio”. Martina Delpiccolo si è posta nei confronti del testo e del contesto in una posizione di dialogo: è entrata infatti nella casa, negli archivi, nella vita, nella memoria della figlia e di chi l’ha conosciuta e, ovviamente, nell’opera completa della sua Bruna Sibille Sizia, con la cui vicenda esistenziale e poetica si è confrontata in continuazione.»     Cristina Benussi

 

Dalla postfazione:

«Ho avuto il privilegio di leggere il pregevole lavoro di Martina Delpiccolo quando ancora si lasciava esplorare nelle vesti di una tesi di laurea importante sia per la mole dei documenti esaminati che per le intuizioni con cui l’autrice ha innervato le sue inedite e originalissime architetture. Una voce carpita e sommersa. Fino ad oggi almeno, perché grazie all’impegno di questa talentuosa ricercatrice friulana, ora rivisto e riorganizzato sotto veste di saggio, potrà raggiungere mani avide di sfogliarlo e occhi curiosi di poterlo finalmente compulsare. Ci mancano, oggi, figure di intellettuali come Sibille. Questo e molto altro ancora emerge dalla ricerca meticolosa, appassionata, compiuta da Martina Delpiccolo. Consapevole che il suo lavoro abbia il profilo di una ricerca donna, in quanto: «l’insieme delle sue parti tende a delinearsi al femminile, assumendo le sembianze, il carattere, l’intelletto di una donna». Appunto. Sibille come Martina. Un bell’incontro. Un’intersezione che lascia ben sperare.»     Angelo Floramo

 

MARTINA DELPICCOLO, originaria di Cervignano del Friuli. Laureata in Lettere presso l’università di Trieste con una tesi in Storia della letteratura italiana moderna e contemporanea, dal titolo Una voce carpita e sommersa: Bruna Sibille-Sizia (relatrice Cristina Benussi, correlatrice Tiziana Piras). Sulla scrittrice tarcentina ha pubblicato il saggio Bruna Sibille-Sizia, la “scrittrice ispiratrice” di Carlo Sgorlon e Claudio Magris nella rivista di critica e storia letteraria «Otto/Novecento», Milano, anno XLII, n. 1/2, gennaio/agosto 2018. Collabora con la rivista «Gorizia News & Views».

 
 

ISBN 9788832153125
ANNO 2019
PAGINE 392
FORMATO (cm)
17 x 24
LINGUA Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “UNA VOCE CARPITA E SOMMERSA. Bruna Sibille-Sizia”

Facebook Icon