bepopalon

GNO VON BEPOPALON

€ 15,00

100 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Lussia di Uanis, scritore e artiste, cu la storie dal farc Bepopalon e dal farcut so nevôt nus ufrìs une conte dulà che âfs, mariutinis, jespis e scussons, magnis e lisiertis, parussulis e cisilis, chechis e çoris, sghirats, surîs e parfin pantianis (e une schirie di altris besteutis) a àn la fuarce di reagjî e di difindi il lôr habitat menaçât dai umans.

Ilustrazions di Guido Carrara

Fotografiis di Marco Cuoco

Descrizione

 

Lussia di Uanis, scritore e artiste, cu la storie dal farc Bepopalon e dal farcut so nevôt nus ufrìs une conte dulà che âfs, mariutinis, jespis e scussons, magnis e lisiertis, parussulis e cisilis, chechis e çoris, sghirats, surîs e parfin pantianis (e une schirie di altris besteutis) a àn la fuarce di reagjî e di difindi il lôr habitat menaçât dai umans. Come che e spieghe la Autore inte so introduzion, “in gracie de television e di internet o podìn viodi leons e elefants come se a fossin vicins di cjase, ma la besteute che o viodìn propit li, dal vêr, al è pericul che no savìn nancje come che si clame inte nestre marilenghe”. Cussì, dopo de conte, Lussia e à zontât des schedis che a descrîvin cun nozions minimis la vite e la riproduzion “di chescj amîs che a condividin cun noaltris il viaç su chest planet”, ven a stâi i animâi nomenâts e protagoniscj de conte.
Ilustrât in maniere divertente di Guido Carrara, inricjît cu lis imagjins dal fotograf naturalist Marco Cuoco e completât cui dissens in blanc e neri (di copiâ e colorâ) prontâts de stesse Autore, chest librut al devente un imprest didatic straordenari di educazion ambientaliste par furlan.

 

Lussia di Uanis, scrittrice e artista, con la storia della talpa Bepopalon e della “talpetta” suo nipote ci presenta una storia dove api, coccinelle, vespe e maggiolini, bisce e lucertole, cinciallegre e rondini, gazze e cornacchie, scoiattoli, topi e perfino ratti (e una schiera di altri animaletti) hanno la forze di reagire e di difendere il loro habitat minacciato dagli umani. Come ci spiega l’Autrice nella sua introduzione, “grazie alla televisione e a internet possiamo vedere leoni ed elefanti come se fossero vicini di casa, ma delle bestioline che vediamo proprio lì, dal vivo, rischiamo di non sapere neppure il nome nella nostra madrelingua”. Così, dopo la storia, Lussia ha aggiunto alcune schede che descrivono con nozioni minime la vita e la riproduzione “di questi amici che condividono con noi il viaggio su questo pianeta”, ovvero gli animali nominati e protagonisti della storia.
Illustrato in maniera divertente da Guido Carrara, arricchito dalle immagini del fotografo naturalista Marco Cuoco e completato con i disegni in bianco e nero (da copiare e colorare) preparati dalla stessa Autrice, questo libretto diventa uno strumento didattico straordinario di educazione ambientalista in friulano.

 

ISBN 9788832153002
ANNO 2019
PAGINE 116
FORMATO (cm)
21 x 29,7
LINGUA Friulano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “GNO VON BEPOPALON”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,50

    CONTÂ DI NÔ

    Didattica

    Contadini, artigiani, donne e bambini vissuti nel Friuli di una volta popolano questo libro

  • € 12,00

    DINDARINE DINDARONE

    Didattica

    Cheste racuelte di “Dindarine Dindarone” di Marisa Scuntaro e je nassude de sô passion pe ricercje su la musiche popolâr e dai nestris resonaments intor di cetant che i zove al cerviel dai frutins a pene nassûts il contat cu la lenghe dal ambient indulà che a nassin. Anzit o vin discutût a dilunc su lis discuviertis dai specialiscj che nus mostravin la impuartance di svilupâ la percezion auditive, vâl a dî la capacitât dal organisim che si svilupe tal grim de mari di scoltâ par jessi bon di inviâ pulît il procès di educazion in dôs o plui lenghis diferentis. Une capacitât che e je ereditarie ma che però si sfante besvelte. Lu disin simpri i ricercjadôrs, precisant che la abilitât distintive e scomence a calâ jenfri i sîs e i dîs-dodis mês di vite dal frut e che la mancjance di stimui che i vegnin dal ambient e prodûs une sorte di sclerosi des sinapsis cerebrâls. Cheste sorte di invecjament de potenzialitât dal nestri cerviel par mancjance o par scjarsetât di stimui sonôrs e rivuarde soredut la fonetiche, sei a dî la pronuncie. E va indenant planc a planc, in maniere graduâl e progressive fintremai che la persone e devente un fantacin o une fantacine. Dopo di chest moment, definît dai esperts “pont critic”, la persone e sarà in stât di imparâ pulît altris aspiets dal sisteme lenghistic come par esempli la gramatiche o il lessic ma e fasarà fadie a fâsi passâ par un natîf: un natîf furlan, talian, inglês o todesc. Si diseve dal lenghist Roman Jakobson che al jere un poliglot che al fevelave rus in dîs lenghis par vie che lis veve imparadis dutis di grant cence pierdi mai l’acent rus, la sô marilenghe!
    Su la fonde di chescj principis al è partît un progjet di ricercje che al à come obietîf chel di racuei une schirie di cjantis di scune, di nainis, di cjantarelis, di tiriteris e di filastrocjis tes varietâts di furlan, di todesc, di sloven e di venit dal teritori regjonâl dopradis soredut par cuietâ o indurmidî i piçui. La ricercje e à domandât une vore di timp pal fat che nol è stât facil cjatâ lis informadoris e convincilis a regjistrâ. Ben dispès, ancje parvie che al è di dopo mai che lis nonis e lis maris si son lassadis convinci a no doprâ plui la marilenghe in cjase specie cui piçui, chescj aspiets de tradizion popolâr a si son planc a planc sfantâts. In ogni mût Marisa Scuntaro e je rivade a fâ une “grande campagne di sgjâfs” come che si dîs tes ricercjis archeologjichis e e à metût adun une schirie di cjantis, par furlan; par venit (1 di Maran e 1 di Pordenon); 4 par sloven (2 di Rezja/Resie, 1 di Platišče/Platischis , 1 di Ofian/Pegliano), 3 par todesc (1 di Zahre/Sauras e 2 di Tischlbong/Tamau). La racuelte e à dentri ancje cualchi tiritere recitade, une par bisiac e une unevore cognossude che e siere la racuelte. E je dite sù di une frutine furlane e e ofrìs ai scuelârs un biel esempli par lâi daûr.
    Al covente rimarcâ che lis peraulis des nine-nanis, des filastrocjis e v.i. dispès no àn un significât precîs. Si trate difat di formulis convenzionâls: onomatopeis o creazions concepidis par fâ rime o par mantignî il ritmi. Nol è il sens che al impuarte ma il sunôr che al conte.
    Chestis filastrocjis e tiriteris a jerin compagnadis di moviments precîs (il sù e jù de gjambe de mame o dal pai, come se a fossin cjavai; segns cul dêt su la manute e v.i.) e chescj moviments a laressin conservâts cuant che si torne a proponilis ai fruts.
    A son stadis di fat armonizadis ancje cuntun voli ae didatiche de lenghe e presentadis intun CD. Mi somee di podê dî che la vôs di Marisa e rispuint ad implen ai criteris di fedeltât ae tradizion popolâr e tal stes timp a lis esigjencis di une didatiche atente a creâ chel ambient vîf e plen di stimui che si diseve tal imprin.

    de Introduzion di Silvana Schiavi Fachin / Silvana Spajota dai Sclâs

  • € 15,00

    Inge e Bach 2 – Gnovis Storiis

    Didattica

    Inge e Bach a stan cressint. Come ducj i piçui dal creât ancje lôr a scuvierzin un pôc a la volte che il mont nol finìs a Tarvis: che fûr di cjase e je tant int di cognossi, tancj puescj di visitâ e tantis robis ancjemò di imparâ. E vignarà a un ciert pont fintremai l’ore di cjapâ sù la cartele e lâ a scuele cun chei altris fruts. Ma a restaran simpri doi orsuts, Inge e Bach, ninins e simpatics: jê cul floc colôr di rose e lui cul floc celest.

  • € 13,00

    DIZIONARI ILUSTRÂT

    Didattica

    Chest dizionari al è nassût tant che materiâl didatic in cors di furlan di nivel base: al è stât fat par cui che si svicine al furlan e che al cîr di slargjâ il sô vocabolari doprant ilustrazions semplicis, fintremai di fate diletantistiche, ma imediadis. In cheste maniere si è volût meti adun un imprest che al judi a imparâ lis peraulis leantlis dretis ai concets e cence passâ par mieç di une altre lenghe, duncje l’aprendiment al rive plui insot e, tal moment di capî o di fevelâ, la paronance su lis peraulis e je plui svelte e naturâl.

Facebook Icon