FAMEIS 4 - Doi nonos scompagnâts

FAMEIS 4 – Doi nonos scompagnâts

€ 12,00

199 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Isal pussibil meti dongje une famee di int che no je nassude des stessis bandis, che no fevele la stesse lenghe e che no pree te stesse maniere? Chê dal piçul Vigji e je propit cussì, e cuant che e je ore di fâ di cene cheste famee e fâs sintî la sô lenghe, uniche e particolâr. Alore al vâl propit la pene di preparâ une biele… torte. Torte?

È possibile tenere insieme una famiglia di gente che non è nata dalle stesse parti, che non parla la stessa lingua e che non prega nella stessa maniera? Quella del piccolo Vigji è proprio così, e quando è ora di preparare la cena questa famiglia fa sentire la propria lingua, unica e particolare. Allora vale proprio la pena di preparare una bella… torta. Torta?

Descrizione

Isal pussibil meti dongje une famee di int che no je nassude des stessis bandis, che no fevele la stesse lenghe e che no pree te stesse maniere? Chê dal piçul Vigji e je propit cussì, e cuant che e je ore di fâ di cene cheste famee e fâs sintî la sô lenghe, uniche e particolâr. Alore al vâl propit la pene di preparâ une biele… torte. Torte?

È possibile tenere insieme una famiglia di gente che non è nata dalle stesse parti, che non parla la stessa lingua e che non prega nella stessa maniera? Quella del piccolo Vigji è proprio così, e quando è ora di preparare la cena questa famiglia fa sentire la propria lingua, unica e particolare. Allora vale proprio la pena di preparare una bella… torta. Torta?

Il progjet editoriâl de Kappa Vu “Fameis”, che al previôt la realizazion di sîs libruts scrits e ilustrâts de brave Francesca Gregoricchio par contâ i diviers mûts di jessi famee inte societât contemporanie, al è stât tra chei plui preseâts dal Comitât Tecnic Sientific de ARLeF. Al è fûr di dubi che i cambiaments sociâi e culturâi di chescj agns – il mudât rûl de femine, lis trasformazions intal cjamp dal lavôr, l’inurbament, lis migrazions – a àn influît in maniere fuarte ancje sul concet di famee. Lis situazions che si son creadis cun sveltece e ancjetante spontaneitât a son aromai tant svariadis e cuasi impussibilis di codificâ cui criteris tradizionâi. Ancje i educadôrs e i insegnants za dal nît e de scuele de infanzie a àn di frontâ ogni dì la sfide dal rapuart educatîf cun fruts che a vegnin des situazions familiârs plui svariadis, risultât ancje dal messedament di lenghis, etniis, culturis. Cheste situazion e pues creâ malstâ e emargjinazion o un ricognossiment seren de diversitât e/o complessitât e fintremai une ricjece culturâl. La autore contant lis storiis des sôs “Fameis” cui voi delicâts dal plui piçul dai siei components, e sielç dal sigûr la seconde opzion e e met al centri ce che – ancje intun mont simpri plui complès – al è impuartant pardabon, cence tignî cont dal ricognossiment istituzionâl, cuant che o fevelìn di famee, o sedi sigurece, afiet, fiducie mutuâl e serenitât. Al è ancje une vore significatîf che un progjet inovatîf tant che chest al sedi stât pensât e fat in lenghe furlane, zontant ancje l’audio, confermant che cu la stesse si rive a esprimi intal mût plui adat la contemporaneitât, la societât di cumò e lis sôs componentis in trasformazion continue.

Lorenzo Fabbro

President de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane

ISBN 9788897705888
ANNO 2017
PAGINE 24
FORMATO (cm)
16,5 x 16,5
LINGUA Friulano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “FAMEIS 4 – Doi nonos scompagnâts”

Ti potrebbe interessare…

  • € 12,00

    FAMEIS 2 – Cjapâsi a bracecuel

    Didattica

    Dino al à doi fradis e une sûr, un nono e une none, dodis gjats e une cjice. Ma al à ancje doi pais e dôs maris. Cemût puedial jessi? Ce raze di famee ise? Dino nol è bon di rispuindi. Lui al sa dome che cheste e je la sô fameone, la sô amade fameone, di cjapâ a bracecuel.

    Dino ha due fratelli e una sorella, un nonno e una nonna, dodici gatti e una cagnetta. Ma ha anche due papà e due mamme. Come può essere? Che specie di famiglia? Dino non è capace di rispondere. Lui sa solo che questa è la sua famigliona, la sua amata famigliona, da prendere in un grande abbraccio.

  • € 12,00

    FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon

    Didattica

    5 di 5

    Loreta e à une famee che e pararès un pôc strambe. Ma ce isal di stramp tal vê une mari che e see, e inclaude, e incole e un pari che di sabide si met a sopressâ? E metìn dongje ancje un fradi di trê metris e une sûr inmagadore. Par Loreta cheste e je la famee, la uniche, la sô. Nol à impuartance par jê cui che al fâs ce, culì jê e cjate comprension, amôr e rispiet.

    Loretta ha una famiglia che sembra un po’ strana. Ma cosa c’è di strano nell’avere una mamma che sega, inchioda, incolla e un papà che di sabato si mette a stirare? E aggiungiamoci anche un fratello di tre metri e una sorella streghetta. Per Loretta questa è la famiglia, l’unica, la sua. Non ha importanza per lei chi fa che cosa, qui trova comprensione, amore e rispetto.

  • € 12,00

    FAMEIS 3 – Vanilie e soreli

    Didattica

    Une famee dome di feminis, cuntune none bisse che e vîf te dispense, une none che e cusine di continui. Po dopo, Agne – che nissun si vise plui cemût che si clame – e sô sûr, la mame, che par lavôr e vuide un camion grandon e ros. Par ultime ancje une vecje gjate tant dispetose. Une famee dulà che une dì e rive une frutine colôr di lat e cjocolate, di non Jasmine e che e nûl di vanilie e di soreli.

    Una famiglia di sole donne, con una bisnonna che vive nella dispensa, una nonna che cucina di continuo. E poi, Agne – che nessuno ricorda come si chiama – e sua sorella, la mamma, che di lavoro guida un enorme camion rosso. Per ultima anche una vecchia gatta molto dispettosa. Una famiglia dove un giorno arriva una bimba color latte e cioccolato, di nome Jasmine, che profuma di vaniglia e sole.

Facebook Icon