COPERTINA_Faliscjis_1_rifatta

FALISCJIS / FAVILLE. Storiis di fûc e di fum / Storie di fuoco e di fumo

€ 15,00

100 disponibili

BREVE DESCRIZIONE

Lizeris, ferbintis, dramatichis, zentîls. Lis conte la vôs dal fûc, cun chel so bas businâ, che se al robe anime al aiar al devente ancje un paurôs burlâ. Chest al è di fat la vite, e somee sugjerî la nestre fade: il sflandôr efimar e svelt di une lusigne che si jeve sù di tiere, e devente lûs e po e sparìs inte cinise. Ma no cence vê lassât alc daûrsi. La sô storie. (de prefazion di Angelo Floramo)

Leggere, ferventi, drammatiche, gentili. Le racconta la voce del fuoco, con quel suo sommesso businâ, che se ruba anima al vento diventa anche un pauroso burlâ. Questo è infatti la vita, sembra suggerire la nostra incantatrice: lo splendore effimero e veloce di una scintilla che si alza da terra, si fa luce e poi scompare nella cenere. Ma non senza aver lasciato dietro di sé qualcosa. La sua storia. (dalla prefazione di Angelo Floramo)

Testo bilingue friulano e italiano

Descrizione

Lizeris, ferbintis, dramatichis, zentîls. Lis conte la vôs dal fûc, cun chel so bas businâ, che se al robe anime al aiar al devente ancje un paurôs burlâ. Chest al è di fat la vite, e somee sugjerî la nestre fade: il sflandôr efimar e svelt di une lusigne che si jeve sù di tiere, e devente lûs e po e sparìs inte cinise. Ma no cence vê lassât alc daûrsi. La sô storie.

 

Leggere, ferventi, drammatiche, gentili. Le racconta la voce del fuoco, con quel suo sommesso businâ, che se ruba anima al vento diventa anche un pauroso burlâ. Questo è infatti la vita, sembra suggerire la nostra incantatrice: lo splendore effimero e veloce di una scintilla che si alza da terra, si fa luce e poi scompare nella cenere. Ma non senza aver lasciato dietro di sé qualcosa. La sua storia.

 

 

La voce del fuoco, emersa dal falò che brucia nella notte dell’Epifania in un paese nel cuore del Friuli, invita ad ascoltare le storie delle faville che si innalzano ad accendere per un attimo la notte e che ricadono spente, cenere. Una dopo l’altra, le storie raccontano la vita del paese e le gioie e i drammi condivisi. Non compongono un’eco nostalgica del passato, ma, dialogando con la cultura di oggi, spiegano le fondamenta del presente. Diventano le gesta degli avi che, tramandate, trasmettono alla comunità il valore dello stare insieme.

 

Cristina Noacco, friulana, è docente di Letteratura francese del Medioevo all’Università di Tolosa. Ha composto una raccolta di poesie in italiano e friulano: Morâr d’amôr. Albero d’amore (Kappa Vu, 2015), seguita da una versione illustrata (Sfueis d’amôr. Fogli d’amore, Kappa Vu, 2016). Ha pubblicato un libro di testi e immagini ispirato alle tradizioni giapponesi del raku e dell’haiku (Corrispondenze. Frammenti di saggezza raku, Kappa Vu, 2017), una riflessione sul silenzio (La forza del silenzio, Ediciclo, 2017), un volume di ricordi sulla montagna (Lo zaino blu. Dalle cime dei monti alla montagna interiore, Orme, 2018) e un carnet di viaggio sul Marocco (Il gusto del tè alla menta, Duck edizioni, 2018).

 

ISBN 9788832153057
ANNO 2019
PAGINE 232
FORMATO (cm)
14 x 21
LINGUA Friulano / Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “FALISCJIS / FAVILLE. Storiis di fûc e di fum / Storie di fuoco e di fumo”

Ti potrebbe interessare…

  • € 15,00

    ROSA E NOIR SUL GRANDE FIUME

    Narrativa

    Un borgo storico friulano, situato presso le rive del “Grande Fiume”, il Tagliamento. Diverse le storie che s’intersecano e diversi gli uomini che si avvicendano lungo le sue rive e nel suo vasto letto di ghiaie millenarie. Matteo, un ex emigrante ormai in pensione e Ringhio, il suo piccolo cane, ne sono i protagonisti, insieme a Teresa, vecchio amore appena ritrovato. La storia del loro nuovo rapporto, dolce, coinvolgente, vivificante, si intreccia con un dramma che si svolge tra le barene, i cespugli, i pioppi e la corrente del vasto Fiume.

  • € 10,00

    CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

    Friulano

    Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis.

    Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

Facebook Icon