• € 15,00

    NEGLI OCCHI E NEL CUORE

    Storia

    I Gentilli, ebrei friulani testimoni della Shoah

    Documentatissimo e appassionante questo viaggio che Valerio Marchi compie nelle memorie di una famiglia ebraica friulana, i Gentilli, frugando fin dentro le pieghe delle loro tasche, come recita un modo di dire della tradizione Yiddish. Si delinea così la polimorfa e ricca storia di donne e uomini la cui vita si è intersecata con i luoghi in cui sono vissuti e con i tempi che li hanno segnati, nel bene e nel male, fino a confondersi con i profili dei paesaggi e delle case in cui hanno dimorato.

    (Angelo Floramo)

  • € 14,00

    L’ECCIDIO DELLE CARCERI DI UDINE DEL 9 APRILE 1945

    Storia

    Le fonti inedite dell’inchiesta per crimini di guerra della 69th Special Investigation Section

    L’eccidio avvenuto il 9 aprile 1945 nelle Carceri giudiziarie di Udine nel quale trovarono la morte ventinove partigiani ed un agente della questura è una pagina nota e dolorosa della storia della lotta di Liberazione in Friuli, la cui memoria è coltivata sin dall’immediato dopoguerra. L’originalità di questa ricerca trae origine dal rinvenimento della consistente documentazione archivistica inerente al sistema repressivo ed alle rappresaglie naziste avvenute ad Udine conservata dal National Archives of United Kingdom, da cui sono emersi elementi nuovi per ricostruire le dinamiche e le cause dell’eccidio.

  • € 23,00

    CONTRO IL FASCISMO OLTRE OGNI FRONTIERA

    Storia

    I FONTANOT NELLA GUERRA ANTIFASCISTA EUROPEA

    Questo libro racconta l’avventura umana e politica della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla fine della seconda guerra mondiale. I Fontanot sono operai ai cantieri navali di Monfalcone, socialisti ed anarchici, poi comunisti, un ramo della famiglia combatte nella Resistenza sul confine orientale d’Italia, a contatto con la Resistenza slovena. Un altro ramo si sposta in Francia, e dopo l’invasione tedesca combatte nella Resistenza francese. Tutti pagano prezzi altissimi.

  • € 20,00

    DA MAIASO AL GOLICO, DALLA RESISTENZA A SAVONA una vita in viaggio nel ’900 italiano

    Storia

    a cura di Laura Matelda Puppini

    Questo libro ripercorre la vita di ROMANO MARCHETTI, carnico come egli si è sempre sentito, dottore in agraria, specializzato in agricoltura tropicale, mazziniano, repubblicano e socialista, partigiano osovano, esperto in zootecnia, sostenitore assiduo del circondario montano, nato nel lontano 1913. Questa è la storia di un bimbo che da un mondo fatto di giochi infantili, ramarri, cingallegre, ghiri, parenti e padrini precipita in un mondo fatto di prevaricazione e soprusi, di ordini, ingiustizie, sogni infranti. La storia di Romano Marchetti inizia nel piccolo paese di Maiaso, in Carnia, e continua, attraverso la metamorfosi giovanile, fino alla crescita, in lui, di una coscienza antifascista ed allo sviluppo di un pensiero libero.

  • € 18,00

    Ante Pavelić IL DUCE CROATO

    Resistenza storica

    Ante Pavelić, capo degli ustascia e dittatore, nel 1941, dello Stato Indipendente Croato. Una tragica meteora geopolitica destinata a concludere la sua parabola con la sconfitta dell’Asse nella seconda guerra mondiale. Attenzione particolare è dedicata ai rapporti fra Pavelić, Mussolini ed il Vaticano, la sua permanenza in Italia, i campi di addestramento degli ustascia in diverse regioni italiane, la politica di aggressione fascista verso la Jugoslavia, i crimini contro i serbi ortodossi ed il ruolo della chiesa cattolica nella fuga dei criminali di guerra dell’Asse.

  • € 14,00

    ANCHE LE CICALE PIANGONO

    Storia

    “Sono passati 60 anni da quando Felice è partito
    ragazzo, con pochi soldi in tasca, per affrontare
    il mondo. Nonostante gli studi, le letture, le
    epoche, gli sconvolgimenti sociali e le diverse
    condizioni di partenza che ci dividono, rivedo
    negli occhi di quel ragazzo la mia generazione,
    fatta di valige in mano e titoli di studio nel
    cassetto. È la “fuga dei cervelli” che non fa
    rumore, ancora una volta per le strade del
    mondo, ancora una volta per dare un’occasione
    alla speranza. A noi Felice, con le sue parole,
    può forse insegnare quello che nessun libro ha
    fatto fino adesso, ossia come farcela, nonostante
    tutto.”

  • € 25,00 € 15,00

    1919 L’ANNO DELLA PACE E DELLA RICOSTRUZIONE

    Storia

    Non solo catalogo per la mostra tenuta ad Udine nel Novembre 2009, il libro descrive per immagini una Udine appena uscita da un disastroso conflitto mondiale che l’ha vista al centro di alcuni dei momenti più drammatici e devastanti. Nel ’19, tornata italiana, Udine getta le basi per tutto quella che sarà la “visione della città nel Novecento”. Un processo lungo ed articolato che vede concretizzarsi, non solo nell’architettura, ma anche nella cultura e nella visione della realtà, il laborioso processo di passaggio dalla guerra alla pace. È in questo periodo che va formandosi quella identità urbana che costituisce la memoria storica di una città. Saggi storici di Enrico Folisi e Massimo Bortolotti.

  • € 18,00

    «UNA DEGNA FIGLIA DI ISRAELE»

    Storia

    Lina Gentilli, ebrea di San Daniele del Friuli, morì diciottenne. Prenderla come perno attorno cui fare ruotare le diverse anime di questo libro ci porta ad abbozzarne l’interiorità, descrivendo altresì aspetti del piccolo mondo in cui era immersa, alla soglia di quel secolo che corse verso destinazioni anche inaudite e atroci, e il fascio di temi e di problemi suscitati anche da una figura come la sua può essere osservato attraverso il prisma di ciò che anche in lei e attraverso di lei si sperava, si auspicava, prima che il fiume della Storia pronunciasse i suoi responsi. L’assenza di Lina dal proprio futuro, inoltre, ci rimanda a idee, aspirazioni e progetti sui quali è tuttora possibile riflettere.

  • € 20,00

    «Procreava senza l’autorizzazione dei suoi superiori»

    Storia

    Il “Movimento dei Finanzieri Democratici” nasce nell’aprile del 1976 dall’iniziativa di Vincenzo Montenegro che si oppone all’insofferenza, manifestata dalle gerarchie, nei confronti dei finanzieri studenti, ai quali non viene concessa la fruizione delle 150 ore e spesso subiscono il trasferimento d’autorità. Nel 1994 è stata fondata l’Associazione “Progetto Democrazia in Divisa” per porre le premesse della costituzione di un sindacato a cui segue, nel 1998, la nascita dell’Associazione “Movimento dei Finanzieri Democratici”. Obiettivi sono: una maggiore trasparenza degli atti amministrativi, detenuti dai comandi del Corpo, mediante una corretta applicazione della Legge nr. 241/1990; una maggiore democratizzazione della struttura; la sindacalizzazione e la smilitarizzazione della Guardia di Finanza, attualmente una struttura amministrativa organizzata su modello militare, unica al mondo. Ad essa sono demandati anche compiti che esulano da quelli economico-fiscali: ordine pubblico, controllo del territorio, pattugliamento marino ed aereo delle coste, vigilanza e soccorso in montagna, vigilanza e difesa militare delle frontiere, scorte e compiti di polizia giudiziaria, lotta al crimine organizzato anche con reparti speciali di intervento. Troppi compiti, che in gran parte sono già competenza di altre forze di polizia o di forze armate. Ciò determina la formazione di un apparato elefantiaco e fortemente militarizzato.

  • € 18,00

    “PANTERA” IL RIBELLE

    Storia

    Vita di Giuseppe Del Mei (1924 – 1944) Medaglia d’oro della Resistenza

    Giuseppe Del Mei, grazie alle condizioni economiche avvantaggiate e alla possibilità di studiare e di accedere a uno status sociale privilegiato, avrebbe potuto essere più facilmente conquistato dal regime. Ma il suo carattere socievole e generoso, il suo inserimento naturale tra i coetanei e nella vita del borgo, la sua insofferenza per le ingiustizie, le ipocrisie e le artificiosità lo tenevano legato istintualmente ai valori più schietti e immediati, lontano da affettazioni, tronfiaggini, ambizioni di grandezza e spinte alla prevaricazione. Soprattutto, l’avversione all’autoritarismo lo portava inevitabilmente a scontrarsi, e poi a ribellarsi, verso ogni imposizione e sopruso. Dopo l’8 settembre ’43 la scelta sarebbe sfociata, come conseguenza naturale, nel movimento partigiano, con le motivazioni ideali del riscatto e della liberazione della propria gente e della propria terra e con un impeto irrefrenabile.
    dalla prefazione alla prima edizione di Giuseppe Mariuz – 1991

  • € 20,00

    «L’ORRIBILE CALUNNIA»

    Storia

    Polemiche goriziane sull’omicidio
    rituale ebraico (1896,1913)

    L’accusa dell’omicidio rituale, che generalmente si pensa sia relegata agli “anni bui” del Medioevo, gira come uno spettro in Europa ancora nel 1913, e dalla Russia rimbalza, impinguandosi, nei vari territori occidentali; così, ripreso anche a Gorizia, riverbera l’oscurantismo, di cui gronda, con attacchi verbali che passano dall’ideologia religiosa generalizzata che colpisce il gruppo ebraico nel suo insieme, alla singola persona, individuata come membro affluente, visibile e caratterizzato della Comunità ebraica, nello specifico Benedetto Morpurgo.
    All’invito di Valerio Marchi a confrontarsi con la lettura critica della messe di articoli prodotti dalla stampa cattolica goriziana, raccolti in un florilegio ragionato e proposti come “pesante” documentazione, si associa anche la mia personale, gentile ma pressante richiesta, convinta come sono che il lettore comune può trarne illuminazioni e scoperte impensate. Del resto come storica mi preme sottolineare l’importanza dell’operazione culturale dell’autore, e cioè la evidenziazione della ricezione, della costruzione, della permanenza e della cristallizzazione degli stereotipi antisemiti nella storia contemporanea italiana. (Dalla Prefazione di Silva Bon)

  • € 22,00

    «Il serpente biblico»

    Storia

    L’on. Riccardo Luzzatto in Friuli
    fra culto della patria, antisemitismo e politica – (1892-1913)

    Una monografia attorno al mondo politico e sociale del Friuli fra Otto e Novecento e dei suoi rapporti con la politica nazionale, fortemente condizionata dalla “questione romana”. Valerio Marchi, ricostruendo con una ricerca documentatissima e ben strutturata la vita pubblica e privata dell’on. Riccardo Luzzatto, fa riemergere un mondo in cui si intrecciano fede politica, culto della patria, problematiche sociali e sanguigne lotte politiche, affetti famigliari, mentalità religiosa e mentalità bigotta.

  • € 12,00

    QUEL MAGGIO SUL CORMOR

    Storia

    Lotte nonviolente per il pane, il lavoro, la dignità

    Splendido esempio di protesta popolare nonviolenta, quelle del Cormor furono lotte per bisogni umani fondamentali – il pane, il lavoro, il territorio, la dignità. Restano purtroppo sconosciute rispetto alle ben più celebri lotte contadine guidate da Danilo Dolci nella Sicilia del dopoguerra, pur precedendole di qualche anno e ricalcando per molti aspetti quelli che erano stati i metodi d’azione che permisero all’India di Gandhi di liberarsi dal giogo del colonialismo britannico.

  • € 10,00

    LA GUERRA DEGLI ULTIMI

    Storia

    «Questo libro nasce dalle ultime parole che il nonno Luigi Bolzon ha lasciato al figlio Fiorenzo, mio padre, pochi giorni prima di morire. Vicino alla fine, dopo una vita passata ad eludere domande e a nascondere risposte, il racconto è riaffiorato, in tutta la sua drammaticità, come una confessione, minuziosamente trascritta da mio padre e da lui riportata con la massima fedeltà possibile. Queste pagine sono servite alla mia famiglia per colmare quei vuoti relazionali lasciati dalle differenze d’età e dalle incomprensioni plurime e sovrapposte di cui siamo tutti inconsciamente rimasti vittime e sono nate con un solo scopo: lasciare ai futuri Bolzon un ricordo di Luigi e di una guerra troppo brutta anche solo da raccontare perché si ripeta. Il senso di questa storia familiare e la diffusione che abbiamo deciso di darne stanno nel bisogno di fornire un piccolo mattone di memoria, una piccola “cellula”, di quella grande Storia che inevitabilmente finisce per investire ognuno di noi.»

    Dalla prefazione di Irene Bolzon

  • € 12,00

    IL RAZZISMO FASCISTA – Trieste, 18 settembre 1938

    Storia

    Lo scopo del presente libro è di far capire di più il fenomeno storico del razzismo fascista. In particolare ai giovani, ai quali poco o nulla è stato raccontato di tale problema che rivela l’essenza della dittatura di Mussolini. L’intento è quindi di tipo seriamente divulgativo.
    Queste pagine raccolgono quanto esposto da ricercatori di storia e altri intervenuti al convegno svolto a Trieste il 19 settembre 2013 (in parte ripresentati a Muggia il 17 novembre).
    Fu proprio la cosiddetta “adunata oceanica” del 18 settembre 1938 di Piazza Unità a costituire l’evento inaugurale dell’infausta politica di discriminazione e repressione. Alle masse inquadrate dal regime ed esaltate dalle frasi ad effetto del “duce” venne annunciata l’imminente emanazione delle leggi razziali.
    Le relazioni e le testimonianze qui riprodotte disegnano un quadro vivo e pulsante del pregiudizio razziale, antiebraico e non solo. I documenti prodotti dal regime fascista permettono di conoscere meglio le leggi e i decreti che regolamentavano l’oppressione degli ebrei e di molti altri soggetti diversi e, in quanto tali, sospetti.
    Il ricco inserto fotografico rende esplicito il grado di manipolazione di un capillare potere gerarchico, da lì a poco distrutto dalla guerra mondiale. Purtroppo la mentalità autoritaria e nostalgica, causa ed effetto del razzismo, si sta riproponendo con forza ovunque: Trieste, Italia, Europa e non solo.
    Si spera che questo lavoro, promosso dai Cittadini Liberi ed Eguali, possa contribuire, nei suoi limiti, alla presa di coscienza della necessaria solidarietà umana. E’ la condizione indispensabile per affrontare, e magari sconfiggere, la malapianta del razzismo.

  • € 15,00

    IL «SINDACO EBREO». ELIO MORPURGO IN FRIULI TRA OTTO E NOVECENTO

    Storia

    questa parabola quasi emblematica ci sono molte delle caratteristiche tipiche degli ebrei tra Ottocento e Novecento: il loro entusiasmo, l’inserimento riuscito nella società che li circondava, il loro successo, la loro colpevole adesione al fascismo, il tradimento, la morte… Temi forse più adatti ad una tragedia greca piuttosto che ad un ritratto di storia civile e sociale.
    Riccardo Calimani

  • € 7,50

    DA SANREMO ALLE FOIBE

    Resistenza storica

    interventi di:

    Andrea Martocchia e Tamara Bellone, Claudia Cernigoi, Sandi Volk, Piero Purini, Wu Ming, Francesco Cecchini, Paolo Consolaro, Gilberto Vlaic

  • € 16,00

    FENOMENOLOGIA DI UN MARTIROLOGIO MEDIATICO

    Resistenza storica

    «Nel periodo in cui ho cominciato a lavorare alla tesi, all’inizio del 2011, il concerto con i tre Presidenti a Trieste era avvenuto da pochi mesi e il progressivo ridefinirsi delle forze nell’agone politico lasciava indovinare che la “narrazione” delle foibe sarebbe andata incontro ad un periodo di relativa quiescenza, confgurando la situazione ideale per l’inizio di un momento di riflessione quale il mio lavoro voleva costituire.
    Questo libro rappresenta, attraverso una serie di correzioni, integrazioni e rielaborazioni rese possibili dalla disponibilità di alcuni esperti di storia dell’Alto Adriatico, un adattamento di quella tesi di laurea che ho discusso alla Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.»

  • € 22,00

    LA “BANDA COLLOTTI” – Storia di un corpo di repressione al confine orientale d’Italia

    Resistenza storica

    Storia di un corpo di repressione al confine orientale d’Italia

    Istituito da Mussolini nel 1942 espressamente come corpo di repressione antipartigiana nella Venezia Giulia, l’Ispettorato Speciale di Pubblica Sicurezza con sede a Trieste, fu l’unica struttura dedicata esclusivamente a tale scopo in Italia. Si distinse per l’efferatezza dei metodi, con l’uso sistematico della tortura negli interrogatori degli antifascisti italiani e slavi catturati, ma anche dei semplici sospetti, in una sequenza di orrori che percorre tutta la documentazione presentata.

  • € 16,00 € 12,00

    FRANC URŠIČ-JOŠKO – Un partigiano ­­­sloveno della Soška Dolina / Valle ­­­dell’Isonzo

    Resistenza storica

    Nell’ambito della lotta di liberazione del popolo sloveno dall’occupazione fascista e nazista, è qui descritta la vicenda personale e drammatica di Franc Uršič-Joško, comandante partigiano sloveno “di confine”, combattente su quella sua stessa terra attraverso la quale, successivamente, sorgerà la cosiddetta cortina di ferro, dal Muro di Berlino all’Adriatico, e spaccherà per decenni il mondo nei due blocchi contrapposti della guerra fredda. Il comandante Joško venne catturato dai nazifascisti, torturato ripetutamente e bruciato, il 7 aprile 1945, nella Risiera di Trieste/Trst, unico lager con forno crematorio in Italia. Di lui restano, a fondamentale testimonianza di lotta, amore per la libertà e giustizia fra i popoli, le lettere che clandestinamente fa avere, all’interno del carcere stesso, alle sue compagne di lotta e di prigionia.

  • € 23,00 € 16,00

    PIETRO ANTONIO ANTIVARI

    Storia

    Vescovo dei friulani a fine Ottocento

    A Milano, la corrispondenza giunta da Udine all’«Osservatore Cattolico» tesse le lodi di Antivari, si duole del «vuoto terribile» che la sua dipartita lascia nel cuore di tutti e aggiunge, accanto ad altri ricordi, il seguente: «Indimenticabile è stata l’accoglienza fatta a mons. Antivari dopo il suo ritorno da Roma: le primarie famiglie del Friuli gareggiavano nell’offrirgli magnifici doni, era il voto unanime di tutto il nostro paese che tributava sentiti ringraziamenti al Santo Padre per aver così onorato colui che per quarant’anni con fatiche indefesse aveva dato al Friuli tanti sacerdoti esemplari ». Ma lo stesso giornale non manca di dare spazio a una replica polemica nei confronti della stampa liberale: «Alcuni graffiacarte locali vorrebbero insultare la memoria dell’amato Vescovo, dipingendolo un po’ liberaleggiante e perciò contrariato dall’alto clero, ma tutti quelli che lo hanno conosciuto possono sicuramente asserire quanto forte fosse la sua affezione al papato e quanto vivace battesse nel suo petto l’amore alla causa cattolica, ch’esso avrebbe voluto fiorentissima ». Il corrispondente cattolico, dunque, esclude sia che l’Antivari possa avere mai condiviso tendenze non del tutto in linea con l’ortodossia più intransigente, sia che vi siano state opposizioni nei suoi confronti da parte di altri prelati di primo piano, perché ritiene tali eventualità incompatibili con l’indiscutibile fedeltà del vescovo friulano nei confronti del pontefice e, in generale, della causa cattolica: così facendo, però, scarta a priori la possibilità che gli aspetti citati possano coesistere e, forse, non coglie la profondità e l’originalità del modo di essere di Antivari.

  • € 23,00

    REPRESSIONE ANTIPARTIGIANA IN FRIULI – La Caserma “Piave” di Palmanova e i processi del dopoguerra

    Storia

    dalla prefazione di Paolo Ferrari – Università degli studi di Udine
    Dal settembre 1944 fino alla fine del conflitto la Caserma “Piave” di Palmanova fu uno dei principali centri della repressione antipartigiana in Friuli, in un’area nella quale la Resistenza era ben organizzata e in grado di precludere all’occupante il controllo pieno del territorio, con un’attività di guerriglia ramificata e articolata nelle sue modalità. Le formazioni della Resistenza, precocemente organizzate e attive nella regione e che giunsero nella Bassa friulana, superando rivalità e diffidenze tra forze garibaldine e osovane, alla costituzione di un Comando Unificato, seppero dimostrare una capacità combattiva che ostacolò i piani tedeschi per quell’area, sottratta di fatto alla sovranità italiana con la costituzione dell’Operationszone Adriatisches Küstenland, la Zona di Operazioni Litorale adriatico.

  • € 18,00 € 15,00

    LIBIA 1911-2011

    Storia

    Questo libro è il frutto di una lunga ed appassionata ricerca in documenti, ancora inediti, del Ministero dell’Africa Italiana. Essi ci parlano soprattutto dell’esodo degli italiani dalla Libia, già in periodo bellico e poi nel dopoguerra, con particolare riferimento ai campi profughi in Sicilia, la terra più vicina alla Libia. Si tratta di relazioni prefettizie, di circolari e disposizioni ministeriali, ma anche di lettere degli stessi sfollati e profughi, attraverso le quali in particolare emerge il lato umano dei disagi e delle difficoltà che dovettero affrontare, dopo essere stati illusi dalla propaganda fascista che l’emigrazione in Africa avrebbe risolto i loro problemi di vita e di lavoro. La storia, come si sa, è andata in direzione ben diversa, l’Italia fascista dopo aver aggredito mezzo mondo, in proprio o al seguito delle armate hitleriane, è stata sconfitta e ha perso le sue colonie.

  • € 22,00 € 15,00

    L’ATTIVITÀ CLANDESTINA DEL CLERO SLOVENO DURANTE IL FASCISMO

    Storia

    La difesa dell’identità slovena in un territorio multietnico, al confine tra Regno d’Italia e Regno di Jugoslavia, diventato teatro tra le due guerre mondiali dell’aggressiva politica fascista di snazionalizzazione, accomuna centinaia di clerici e laici sloveni di ispirazione cattolica, trasformatisi in “antifascisti pericolosi”, “astuti propagandisti”, “irredentisti slavi”, spie, informatori, doppiogiochisti. Con queste caratteristiche venivano registrati dall’Ovra numerosi esponenti del clero sloveno, parroci, spesso semplici sacerdoti di provincia, attivisti laici dell’organizzazione slovena cristiano-sociale operativa nelle regioni dell’ex Litorale austriaco (Primorska e Carniola).

  • € 18,00 € 14,00

    DALLE CATENE ALLA LIBERTÀ – La “Rabska brigada”

    Resistenza storica

    La “Rabska brigada”, una brigata partigiana nata in un campo di concentramento fascista

    Dalle catene alla libertà è la storia della brigata partigiana nata nel campo di concentramento fascista per “slavi”, istituito dall’esercito italiano sull’isola di Rab (Arbe) durante la seconda guerra mondiale.
    Mentre nel campo si compie la tragedia di migliaia di morti per fame, gli internati sloveni, croati ed ebrei organizzano clandestinamente la Resistenza e dopo l’8 settembre ‘43, nasce la Rabska brigada, simbolo della riscossa dei popoli contro l’oppressione nazifascista.

  • METAMORFOSI ETNICHE

    Resistenza storica

    Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato di Osimo.
    Il volume non si sofferma alla sola storia dei movimenti di popolazione italiana, ma sviscera cause e modalità anche di fenomeni migratori meno noti o addirittura sconosciuti che coinvolsero le altre componenti etniche della regione. Ne risulta una storia complessiva di questo territorio posto a cavallo tra mondo italiano, tedesco, sloveno e croato e dei cambiamenti di identità che queste componenti si trovarono di volta in volta a dover subire e/o scegliere.

    I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria. 1914-1975

    II edizione con Prefazione di Jože Pirjevec

  • € 20,00 € 10,00

    TRES FRENTES DE LUCHA

    Storia

    Società e cultura nella guerra civile spagnola (1936-1939)
    a cura di Marco Puppini e Claudio Venza con il contributo di esperti internazionali
    Atti del convegno di Monfalcone 2006

  • € 15,00

    ROMANO IL MANCINO e i Diavoli Rossi

    Resistenza storica

    prefazioni di Federico Vincenti e Giorgio Cojaniz
    all’interno “Cantata al Monco senza rima” di Luciano Morandini

    Un libro che è un omaggio a tutti i gappisti dimenticati e perseguitati, nel dopoguerra, da una Repubblica senza memoria. Uno strumento per lottare contro il revisionismo storico imperante.

  • € 13,00 € 10,00

    NOME DI BATTAGLIA “CARNERA”

    Resistenza storica

    Storia del partigiano dei G.A.P. Arturo Nassig

    Figlio di una famiglia contadina molto povera nel Friuli del ventennio fascista, soldato nella guerra di aggressione in Jugoslavia, partigiano gappista dopo l’8 Settembre, perseguitato nel dopoguerra dalla Repubblica nata dalla Resistenza e costretto all’esilio in Jugoslavia, la vita di Arturo Nassig, come tanti della sua generazione, è fortemente intrecciata con i grandi avvenimenti del XX secolo. Leggere la sua storia ci può aiutare a comprendere meglio le vicende di queste terre e del confine orientale di cui tanto si parla in questi anni in Italia, molto spesso senza cognizione di causa.

  • € 10,00

    DIARIO DI UN GAPPISTA di Duilio Fabbro “Premoli”

    Storia

  • € 23,00 € 18,00

    VENEZIA GIULIA la regione inventata

    Storia

    a cura di Roberta Michieli e Giuliano Zelco
    Saggi di Giorgio Banchig, Sandro Carrozzo, Adrian Cescje, Licio De Clara, Alessandra Kersevan, Roberta Michieli, Carli Pup, Piero Purini, Sandi Volk, Donato Toffoli, Giuliano Zelco

  • € 18,00 € 14,00

    LA FOIBA DEI MIRACOLI – Indagine sul mito dei “sopravvissuti”

    Resistenza storica

    Intorno alle vicende del confine orientale è in atto una propaganda forsennata, che prescinde da qualsiasi seria analisi storica e documentale e che ha come scopo la riabilitazione del fascismo. Il libro prende in considerazione una vicenda molto particolare, quella dei cosiddetti “sopravvissuti alla foiba”, come vengono identificati dalla vulgata foibologica e ricostruisce dal 1945 ad oggi la creazione della mistificazione, dimostrando come dall’immediato dopoguerra sia in atto un vero e proprio progetto di invenzione della storia.

  • € 20,00 € 14,00

    IL DOTTOR SACHS

    Storia

    La “piccola e comune” storia del medico condotto ebreo di Gonars e San Daniele e della sua famiglia, benvoluto dalla popolazione ma osteggiato, in quanto ebreo, da alcuni benpensanti e dai mezzi di informazione loro rappresentanti. Una storia che consente di addentrarci nelle ragioni e nella forma con cui si esprimeva l’antisemitismo del tempo. Un lavoro accurato di ricerca storica, fra stampa dell’epoca, documenti ufficiali, testimonianze, che ha permesso di ricostruire la storia dei Sachs e dei Gentilli, due delle famiglie della comunità ebraica friulana del tempo e di tracciare, al contempo, un quadro, su tre temi fondamentali e di grande rilevanza: l’antigiudaismo storico, i rapporti fra ebraismo e medicina, la questione ebraica nei suoi riflessi attuali. Temi che, ancora oggi, interessano e condizionano il nostro presente.

  • € 10,00

    FOIBE

    Resistenza storica

    REVISIONISMO DI STATO
    E AMNESIE DELLA REPUBBLICA
    Atti del Convegno:
    Foibe: La verità.
    Contro il revisionismo storico
    Sesto San Giovanni (MI), 9 febbraio 2008

  • € 13,00

    REVISIONISMO STORICO e terre di confine

    Resistenza storica

    Atti del Corso di aggiornamento. Trieste, 13-14 marzo 2006

    Interventi di: Gino Candreva, Vanni D’Alessio, Anna Di Gianantonio, Costantino Di Sante, Boris Gombac, Alessandra Kersevan, Dario Mattiussi, Piero Purini, Renato Sarti, Giacomo Scotti, Marta Verginella, Sandi Volk.

  • € 15,00

    LA DISSOLUZIONE DEL POTERE

    Resistenza storica

    Il partito comunista sloveno e il processo di democratizzazione della repubblica
  • € 14,00 € 10,00

    GLI SCOLARI DEL REGIME

    Storia

    Uno studio che, attraverso registri scolastici, pagelle, libri di testo e stampa dell’epoca, analizza come anche la scuola divenne strumento di propaganda volto a plagiare le giovani coscienze di un’intera generazione.

  • € 13,00

    TRE STORIE PARTIGIANE

    Resistenza storica

    Dalla Macedonia alle Alpi, dappertutto italiani

    Prefazione di Elio Bartolini:

    “Con l’8 settembre e la capitolazione dell’esercito, centinaia di migliaia di soldati italiani si ritrovarono senza direttive, senza possibilità di difendersi, in Paesi che avevano aggredito e invaso per ordine del regime fascista. In Grecia, in Albania, in Jugoslavia, quei soldati furono aiutati, sfamati, accompagnati attraverso zone impervie perché potessero raggiungere l’Italia; a tutti fu offerto di rimanere a combattere nella lotta partigiana. Giacomo Scotti, uno dei maggiori scrittori della Resistenza, ha raccolto le storie di tre di questi soldati: due ufficiali medici e un marinaio. Dalle inenarrabili sofferenze patite e condivise con i partigiani jugoslavi, emerge il desiderio di riscatto di tutta una generazione di italiani dalla follia delle aggressioni fasciste.”

  • € 18,00

    OPERAZIONE FOIBE tra storia e mito

    Resistenza storica

    Un’unica lezione bisogna trarre da questi fatti: mai più nazionalismi, mai più violenze, mai più guerre; ed impari finalmente l’uomo, come diceva Brecht, ad essere un “aiuto all’uomo”.

  • € 16,00

    UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO FASCISTA. Gonars 1942-1943

    Resistenza storica

    Una storia che non può essere minimizzata, e che richiede una presa di coscienza collettiva degli Italiani e un suo inserimento anche nel patrimonio conoscitivo delle nuove generazioni.

    IV RISTAMPA

Facebook Icon