• Didattica

    Didattica (22)

  • la Comugne

    la Comugne (10)

  • Parole tradotte

    Parole tradotte (4)

  • € 12,00

    FAMEIS 4 – Doi nonos scompagnâts

    Didattica

    Isal pussibil meti dongje une famee di int che no je nassude des stessis bandis, che no fevele la stesse lenghe e che no pree te stesse maniere? Chê dal piçul Vigji e je propit cussì, e cuant che e je ore di fâ di cene cheste famee e fâs sintî la sô lenghe, uniche e particolâr. Alore al vâl propit la pene di preparâ une biele… torte. Torte?

    È possibile tenere insieme una famiglia di gente che non è nata dalle stesse parti, che non parla la stessa lingua e che non prega nella stessa maniera? Quella del piccolo Vigji è proprio così, e quando è ora di preparare la cena questa famiglia fa sentire la propria lingua, unica e particolare. Allora vale proprio la pena di preparare una bella… torta. Torta?

  • € 12,00

    FAMEIS 3 – Vanilie e soreli

    Didattica

    Une famee dome di feminis, cuntune none bisse che e vîf te dispense, une none che e cusine di continui. Po dopo, Agne – che nissun si vise plui cemût che si clame – e sô sûr, la mame, che par lavôr e vuide un camion grandon e ros. Par ultime ancje une vecje gjate tant dispetose. Une famee dulà che une dì e rive une frutine colôr di lat e cjocolate, di non Jasmine e che e nûl di vanilie e di soreli.

    Una famiglia di sole donne, con una bisnonna che vive nella dispensa, una nonna che cucina di continuo. E poi, Agne – che nessuno ricorda come si chiama – e sua sorella, la mamma, che di lavoro guida un enorme camion rosso. Per ultima anche una vecchia gatta molto dispettosa. Una famiglia dove un giorno arriva una bimba color latte e cioccolato, di nome Jasmine, che profuma di vaniglia e sole.

  • € 12,00

    FAMEIS 2 – Cjapâsi a bracecuel

    Didattica

    Dino al à doi fradis e une sûr, un nono e une none, dodis gjats e une cjice. Ma al à ancje doi pais e dôs maris. Cemût puedial jessi? Ce raze di famee ise? Dino nol è bon di rispuindi. Lui al sa dome che cheste e je la sô fameone, la sô amade fameone, di cjapâ a bracecuel.

    Dino ha due fratelli e una sorella, un nonno e una nonna, dodici gatti e una cagnetta. Ma ha anche due papà e due mamme. Come può essere? Che specie di famiglia? Dino non è capace di rispondere. Lui sa solo che questa è la sua famigliona, la sua amata famigliona, da prendere in un grande abbraccio.

  • € 12,00

    FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon

    Didattica

    5 di 5

    Loreta e à une famee che e pararès un pôc strambe. Ma ce isal di stramp tal vê une mari che e see, e inclaude, e incole e un pari che di sabide si met a sopressâ? E metìn dongje ancje un fradi di trê metris e une sûr inmagadore. Par Loreta cheste e je la famee, la uniche, la sô. Nol à impuartance par jê cui che al fâs ce, culì jê e cjate comprension, amôr e rispiet.

    Loretta ha una famiglia che sembra un po’ strana. Ma cosa c’è di strano nell’avere una mamma che sega, inchioda, incolla e un papà che di sabato si mette a stirare? E aggiungiamoci anche un fratello di tre metri e una sorella streghetta. Per Loretta questa è la famiglia, l’unica, la sua. Non ha importanza per lei chi fa che cosa, qui trova comprensione, amore e rispetto.

  • € 13,00

    SFUEIS D’AMÔR – FOGLI D’AMORE

    Friulano

    Un viaggio fatto di parole, fotografie e disegni attraverso la figura-guida di un albero, alla scoperta di un paesaggio fisico e interiore. Un percorso attraverso le origini, le aspirazioni, le speranze e le disillusioni di un’emigrante friulana. Un invito anche a riflettere, per non dimenticare da dove veniamo, per sapere sempre dove andiamo.

    Un invît ancje a pensâ, par no dismenteâ di dulà che o vignìn, par savê simpri là che o lin.

  • € 12,00

    KEBAR KROSSÈ

    Friulano

    Al è sucedût alc di brut a Udin e tal Friûl dal avignî. Une vore brut. No dal gjenar di chel dal violentissim “The Road” di Cormack Mc Carthy, li che il mont si à crevât in pôc timp, fracassant cuasi ogni forme di relazion sociâl. Pluitost la ruvine, in chest romanç di Stiefin Morat, e je lade indenant par plui timp, laint, secjant e fruçant ce che al jere e lassant in pîts une fantasime di societât che e sorevîf framieç dal lâ in sflics dai edificis e des sôs fondis esistenziâls, intal desert. La narazion di Morat e je plene di variazions linguistichis di ogni gjenar: di classe sociâl, di regjistri, di forme espressive e e je travanade di citazions che a tirin a ciment lis cognossincis leterariis dal letôr, començant dal non dal protagonist, Montàg che al è chel istès di “Fahrenheit 451” di Bradbury, passant pal huxleyan Soma e pal gibsonian Dexe e cuissà ce altri. Une distopie leterarie, intun mont in transizion viers no si sa ben ce, che e mostre i dams di dinamichis, ideologjiis, fats che a son za in vore orepresint.

    Al è sucedût alc di brut a Udin e tal Friûl dal avignî. Une vore brut. O isal daûr a sucedi?

    Donato Toffoli

  • € 45,00

    LA DIVINE COMEDIE – Traduzion di Aurelio Venuti

    Friulano

    Le tre Cantiche della Divina Commedia, tradotte in friulano. Aurelio Venuti, appassionato cultore di Dante, in un lavoro durato anni, è riuscito a rendere le finezze e le sfumature della poesia, senza intaccare la struttura metrica che è tutt’uno con la sostanza spirituale dell’Opera dantesca. Il testo originale a fronte, per apprezzare nello stesso tempo la lingua di Dante e le possibilità espressive del friulano. Allegato un CD con la lettura da parte del traduttore di alcuni canti, arricchita dalle musiche di Alessio Velliscig, con il violoncello di Antonio Merici.

    Lis trê Cantichis de Divine Comedie voltadis par furlan. Aurelio Venuti, apassionât cultôr di Dante, intun lavôr di agns, al è rivât a rindi lis finecis e lis sfumaduris de poesie, cence intacâ la struture metriche che e fâs dutun cu la sostance spirituâl de Opare dantesche. Il test origjinâl in bande par gjoldi intal stes timp la lenghe di Dante e lis pussibilitâts espressivis dal furlan. Alegât un CD, cu la leture de bande dal tradutôr di cualchi Cjant, insiorade des musichis di Alessio Velliscig, cul violoncel di Antonio Merici.

  • € 10,00

    CULTURA, TERRITORIO E PUBBLICO IN FRIULI – Dagli anni Cinquanta alla fine del Novecento

    Friulano

    La crisi de vite sociâl e politiche dal dì di vuê e domande una presince e une fuarce critiche che nus ven dome de culture. Cuintri de dispersion e de pierdite de memorie storiche e culturâl, l’Associazion ADASTRACULTURA si impegne a riproponi i temis fondatîfs dibatûts intal secul a pene passât, di sigûr no par nostalgjie, ma pe convinzion che tant di ce che al è stât elaborât des singulis personalitâts o dai grups o moviments che a operavin sul teritori par dut il periodi cjapât in considerazion, al puedi judâ a interpretâ il timp di vuê, sticâ riflessions e confronts, furnî documens e struments utii par rivâ a elaborâ robis gnovis. L’Associazion ADASTRACULTURA si propon di davuelzi in particolâr cheste ultime funzion, come tipiche dal metodi di lavôr dal scritôr e artist Tito Maniacco, che a lui la asociazion e je intitulade. La sô vision poliprospetiche, la ricercje costante dal confront cun altris culturis, il so refudâ il conformisim e il banâl a son i tiermins di riferiment par ogni lavôr che al sei promovût intal so non.

  • € 10,00

    CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

    Friulano

    Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis.

    Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

  • € 12,00

    CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    Lis storiis di Raffaele Serafini a van indenant e indaûr intal timp dilunc di un troi che nus permet di butâ la voglade suntun pocjis des vicendis cressudis sul arbul gjenealogjic di une famee dal Friûl di mieç. Di conte in conte a cambiin duncje i protagoniscj, i timps, i stîi di vite, il paisaç che si pues viodi dulintor e, ae fin, a ’ndi ven fûr un Friûl che al è tal stes timp familiâr e fûr dai schemis.
    Dulà finissie la realtât e dulà tachie la invenzion? La veretât e je che nol è cussì impuartant savêlu parcè che, une volte tirâts dentri di une conte, si jentre intun mont che al è reâl ancje cuant che al è fantastic e che al è inventât ancje cuant che al è vêr.

    Le storie di Raffaele Serafini vanno avanti e indietro nel tempo lungo un sentiero che ci permette di gettare un occhio su alcune delle vicende cresciute sull’albero genealogico di una famiglia del Friuli di mezzo. Di racconto in racconto cambiano dunque i protagonisti, i tempi, gli stili di vita, il paesaggio che si può vedere tutto intorno e alla fine ne viene fuori un Friuli che è nello stesso tempo famigliare e fuori dagli schemi. Dove finisce la realtà e dove comincia l’invenzione? La verità è che non è così importante saperlo perché una volta coinvolti in un racconto, si entra in un mondo che è reale anche quando è fantastico e che è inventato anche quando è vero.

  • € 12,50

    CONTÂ DI NÔ

    Didattica

    Contadini, artigiani, donne e bambini vissuti nel Friuli di una volta popolano questo libro

  • € 16,00

    CJANTIS E RIMAROLIS PAI FRUTINS

    Didattica

    Peraulis di Alessandra Kersevan e Giancarlo Velliscig
    Musiche di G. Velliscig.
    Dissens di Francesco T. Altan, progjet grafic di Renato Calligaro.
    I tescj dai “Disleelenghis” a son gjavâts fûr di “Sacheburache” di Dino Virgili.
    Ideazion e notis didatichis di Silvana Schiavi Fachin

    prima edizione 1987
    II ed. 2003
    III ed. 2012

  • € 12,00

    SALUSTRI

    Discanto

    traduzione in italiano di Stefano Rizzardi / traduzion par talian di Stefano Rizzardi

    Si tratta della riedizione della prima raccolta di poesie di Umberto Valentinis, risalente al 1968 pubblicata al tempo dalla S.F.F.

  • € 12,00

    MORÂR D’AMÔR – ALBERO D’AMORE

    Friulano

    Dalla presentazione di Francesco Zambon: “Questo luminoso libro poetico d’esordio di Cristina Noacco – di cui la rivista “L’immaginazione” ha anticipato in uno dei suoi ultimi numeri una decina di liriche – ruota dichiaratamente intorno a un perno tanto realistico quanto simbolico: quello dell’albero. Più precisamente intorno alla figura dell’albero d’amore, che in alcune celebri opere medievali sacre o profane, dall’Arbre de filosofia de amor di Raimondo Lullo alle laude di Iacopone dedicate agli alberi d’amore o di contemplazione, funge da schema o da diagramma per la trattazione dei vari aspetti della fenomenologia amorosa. Lo annuncia la paronomasia a specchio del titolo friulano, Morâr d’amôr, che vuole suggerire una sorta di metamorfosi di amore in albero o dell’albero in amore. Lo confermano i pregevoli disegni che illustrano il libro: più che illustrazioni, vere chiavi di lettura. E le varie parti dell’albero, proprio come nella trattatistica e nella poesia medioevale, strutturano l’intera raccolta dando il titolo alle sezioni che la compongono e che delineano un percorso, un cammino, quello della vita; se non è né potrebbe essere un itinerarium in Deum, almeno esso aspira a una ascensione e a un compimento: “Radici”, “Rami”, “Germogli”, “Foglie”.”

  • € 30,00

    MEMORIIS DI POLITICHE LINGUISTICHE

    Friulano

    … Al è un memoreâ e un cusî sbrendui di scrituris sepulidis sot des tantis cjartis che, come tes stratificazions gjeologjichis dai crets des nestris monts, mi contin di etis passadis de mê vite. In chestis Memoriis o ripuarti bocons di diari e di riflessions che tai agns o vevi metudis jù, massime in ocasion di events che o sintivi impuartants e che o fasevi in forme discontinue, no sistematiche. Cumò, la Memorie lis da dongje intune prospetive unitarie, compagn che lis fueis de Sierade, che a colin sì jù dai ramaçs sparniçadis, a câs, ma che il lunc viâl là che si poin ur da prospetive, strenzintsi viers il pont di fughe… … Che lis identitâts a comunichedin, e je une biele robe. Che al sedi une biele robe ancje che a sparedin la plui part, chês che no son funzionâls intun mont di funzionalitât marcantîl gjeneralizade, no je mai stade par me une biele robe. No si vuadagne nuie e si piert une vore. E si ofint la civiltât. A imparâ une altre lenghe si vuadagne, a capîndi la identitât culturâl storiche si vuadagne, ma a pierdi la proprie, chê che nus lee ae nestre identitât storiche, si piert e vonde. Chel che si vuadagne al è in gjenar la ignorance di se, des lidrîs propriis, e une disponibilitât acritiche a ogni conformisim culturâl di importazion. La civiltât umanistiche e da valôr aes espressions umanis, e met il lôr significât intune proiezion universâl, ma lis vûl te concretece storiche che a son nassudis, chê che e je identitât.

    Se a son autentichis, a àn di vignî di une identitât profonde, no de omologazion funzionâl. Cun chestis ideis o soi partît che a son cuasi cincuante agns prin, de fin dai agns 60, par une bataie umanistiche e dal dirit, pe mê Tiere, pe mê int, par dut ce che o ai amât, par mê fie, par me.

    Cumò, a mi, mi reste la memorie di ce che o ai fat.

  • € 8,00 € 6,00

    LA COMUGNE N. 25

    Friulano

    La Comugne n. 25 – tescj di Marco3tones / Marco Cuoco, Laurin Zuan Nardin, Santiago Zanier, Giacomo Trevisan, Gianfranco Pellegrini, Stefano Gasti, Raffaele Serafini, Italo Calvino (trad. Luca De Clara)

  • € 12,00

    POESIIS letis dal autôr

    Friulano

    Cheste regjistrazion e je stade fate intal 1980, lì dai studis de AVF di Nimis. Le proponìn di gnûf, dopo di plui di trente agns, come testemoneance leterarie e storiche, intal stes timp, sei pe epoche cuant che je stade realizade, che no jerin ancjemò lêçs di tutele e il furlan al jere ancjemò considerât, de bande di une buine part dal mont politic e culturâl, tant che une lenghe buine pal folclôr; sei parcè che de vôs di Leo Zanier o podìn sintî une selezion de sôs primis racueltis di poesiis, che al è ancje un sugjeriment come “percors di leture” di cheste sô produzion, che e va dai agns prime e chei dopo dal taramot, duncje intun passaç fondamentâl de vite dal Friûl.

    Sul sfont Claudio Cojaniz cul so piano jazz, a testemoneance di colaborazions e amiciziis “antighis” che a durin intal timp e che a àn inricjît un Friûl che però no simpri si ‘nd à inacuart.

  • € 12,00

    IL PROFUM DAL PAN

    Friulano

    Cheste e je la storie di trê gjenerazions di mulinârs dal Mulin di Muçane. Gjondis e dolôrs contâts des testemoneancis dai ultins dissendents e dai documents de famee che a àn conservât cun amôr. Un tornâ a un timp che nol è plui, intun afresc vivarôs di une part de Basse furlane contadine, leade a ritmis di une nature a voltis amighe, a voltis avare. Ma ancje une tessare inseride inte storie “grande”, chê che e à lassât feridis profondis intal tiessût sociâl intal timp de ocupazion nazi-fassiste; chê che e à viodût la riscosse de lote partigjane e dopo i dîs de ricostruzion cu la sperance intun doman plui just.
    E il Mulin di Muçane e la sô int a son simpri protagoniscj. Imagjins di un mont metudis adun ancje dai ricuarts di un frut che, vuê che al ècressût, al ten ancjemò dentri di se il profum dal pan che al nasseve de farine dal Mulin.

  • € 12,00

    DINDARINE DINDARONE

    Didattica

    Cheste racuelte di “Dindarine Dindarone” di Marisa Scuntaro e je nassude de sô passion pe ricercje su la musiche popolâr e dai nestris resonaments intor di cetant che i zove al cerviel dai frutins a pene nassûts il contat cu la lenghe dal ambient indulà che a nassin. Anzit o vin discutût a dilunc su lis discuviertis dai specialiscj che nus mostravin la impuartance di svilupâ la percezion auditive, vâl a dî la capacitât dal organisim che si svilupe tal grim de mari di scoltâ par jessi bon di inviâ pulît il procès di educazion in dôs o plui lenghis diferentis. Une capacitât che e je ereditarie ma che però si sfante besvelte. Lu disin simpri i ricercjadôrs, precisant che la abilitât distintive e scomence a calâ jenfri i sîs e i dîs-dodis mês di vite dal frut e che la mancjance di stimui che i vegnin dal ambient e prodûs une sorte di sclerosi des sinapsis cerebrâls. Cheste sorte di invecjament de potenzialitât dal nestri cerviel par mancjance o par scjarsetât di stimui sonôrs e rivuarde soredut la fonetiche, sei a dî la pronuncie. E va indenant planc a planc, in maniere graduâl e progressive fintremai che la persone e devente un fantacin o une fantacine. Dopo di chest moment, definît dai esperts “pont critic”, la persone e sarà in stât di imparâ pulît altris aspiets dal sisteme lenghistic come par esempli la gramatiche o il lessic ma e fasarà fadie a fâsi passâ par un natîf: un natîf furlan, talian, inglês o todesc. Si diseve dal lenghist Roman Jakobson che al jere un poliglot che al fevelave rus in dîs lenghis par vie che lis veve imparadis dutis di grant cence pierdi mai l’acent rus, la sô marilenghe!
    Su la fonde di chescj principis al è partît un progjet di ricercje che al à come obietîf chel di racuei une schirie di cjantis di scune, di nainis, di cjantarelis, di tiriteris e di filastrocjis tes varietâts di furlan, di todesc, di sloven e di venit dal teritori regjonâl dopradis soredut par cuietâ o indurmidî i piçui. La ricercje e à domandât une vore di timp pal fat che nol è stât facil cjatâ lis informadoris e convincilis a regjistrâ. Ben dispès, ancje parvie che al è di dopo mai che lis nonis e lis maris si son lassadis convinci a no doprâ plui la marilenghe in cjase specie cui piçui, chescj aspiets de tradizion popolâr a si son planc a planc sfantâts. In ogni mût Marisa Scuntaro e je rivade a fâ une “grande campagne di sgjâfs” come che si dîs tes ricercjis archeologjichis e e à metût adun une schirie di cjantis, par furlan; par venit (1 di Maran e 1 di Pordenon); 4 par sloven (2 di Rezja/Resie, 1 di Platišče/Platischis , 1 di Ofian/Pegliano), 3 par todesc (1 di Zahre/Sauras e 2 di Tischlbong/Tamau). La racuelte e à dentri ancje cualchi tiritere recitade, une par bisiac e une unevore cognossude che e siere la racuelte. E je dite sù di une frutine furlane e e ofrìs ai scuelârs un biel esempli par lâi daûr.
    Al covente rimarcâ che lis peraulis des nine-nanis, des filastrocjis e v.i. dispès no àn un significât precîs. Si trate difat di formulis convenzionâls: onomatopeis o creazions concepidis par fâ rime o par mantignî il ritmi. Nol è il sens che al impuarte ma il sunôr che al conte.
    Chestis filastrocjis e tiriteris a jerin compagnadis di moviments precîs (il sù e jù de gjambe de mame o dal pai, come se a fossin cjavai; segns cul dêt su la manute e v.i.) e chescj moviments a laressin conservâts cuant che si torne a proponilis ai fruts.
    A son stadis di fat armonizadis ancje cuntun voli ae didatiche de lenghe e presentadis intun CD. Mi somee di podê dî che la vôs di Marisa e rispuint ad implen ai criteris di fedeltât ae tradizion popolâr e tal stes timp a lis esigjencis di une didatiche atente a creâ chel ambient vîf e plen di stimui che si diseve tal imprin.

    de Introduzion di Silvana Schiavi Fachin / Silvana Spajota dai Sclâs

  • € 22,00

    QUI PER ME ORA BLU

    Friulano

    Gian Giacomo Menon: Una vita per la poesia (1910-2000)

    a cura di Cesare Sartori
    CD allegato con poesie musicate

     

    Trascurato, dimenticato o, nella migliore delle ipotesi, sottovalutato in vita. Anche, va detto, per effetto della sua scelta radicale, alla soglia dei 50 anni, di isolarsi dal mondo, e a maggior ragione dopo la morte avvenuta nel 2000: Gian Giacomo Menon stava rischiando di scivolare definitivamente nella dimenticanza.
    Un paio di anni fa il curatore del libro, per una fortunata quanto caparbia volontà di trovare e (in)seguire suoi segni e tracce, ha deciso di rompere il silenzio, che continuava a circondare il mitico professore del liceo Stellini e, soffiando sulla polvere che l’aveva già predestinato all’anonimato, ha promosso un progetto culturale ed editoriale con l’obiettivo di sottrarre all’oblio la figura di Menon, ma soprattutto di far conoscere e valorizzare la sua sterminata, imponente produzione poetica.

  • € 15,00

    Inge e Bach 2 – Gnovis Storiis

    Didattica

    Inge e Bach a stan cressint. Come ducj i piçui dal creât ancje lôr a scuvierzin un pôc a la volte che il mont nol finìs a Tarvis: che fûr di cjase e je tant int di cognossi, tancj puescj di visitâ e tantis robis ancjemò di imparâ. E vignarà a un ciert pont fintremai l’ore di cjapâ sù la cartele e lâ a scuele cun chei altris fruts. Ma a restaran simpri doi orsuts, Inge e Bach, ninins e simpatics: jê cul floc colôr di rose e lui cul floc celest.

  • € 12,00 € 10,00

    LA BANCIA DA LI’ PERAULIS PIARDUDIS

    Discanto

    La panchina delle parole perdute affiora e riaffiora: cornice ineludibile, anche quando la sua presenza è solo postulata, collante, garanzia per la raccolta di unità, poemetto con la galleria dei suoi destini dolenti, inventario di esistenze grame, che la bancia, con funzioni e inquadrature che non sempre collimano, rende tangibili.

  • € 12,00 € 10,00

    JONAS

    Discanto

    «[…] Perché mai ancor oggi Giona interroga, provoca, seduce e ispira, come anche Luca De Clara ci mostra in questa sua bella e intensa raccolta poetica? Tento qualche risposta, dal mio osservatorio teologico. Mi pare che in Giona venga proposto drammaticamente il binomio vicino-lontano. Ninive è il luogo lontano per eccellenza, geograficamente, culturalmente, religiosamente – «No soi jo chel just par Ninive / … o par New York» –, ma è soprattutto il luogo della missione, della chiamata, dell’incontro con l’altro-da-me. Anche Tarsis è lontano, ma in modo diverso: è il luogo della fuga dalla responsabilità, dell’illusione dell’invisibilità e forse anche della percezione di un Dio che implacabilmente ti scova, quando ha deciso di chiederti una mano. Un Dio implacabile nella debolezza: «Di bessôl jo no pues nuje»! Ma se Ninive e Tarsis sono lontani, dov’è il vicino? Chi è? Sembra che il vicino e il lontano dipendano marginalmente dalla posizione che l’uomo di volta in volta assume. La lontananza e la vicinanza le fa Dio. Ninive è lontana dagli orizzonti di Giona – lontana prima, e proprio per questo non ci vuole andare, ancor più lontana dopo, a causa del livore per una pietà inaspettata e scandalosa –, e sembrerebbe lontana anche da Dio, ma Dio le si fa vicino: non può abbandonare una città «nella quale vi sono più di centoventimila persone, che non sanno distinguere fra la mano destra e la sinistra, e una grande quantità di animali». Perfino degli animali Dio si occupa! Inoltre sembra che, se ha poco senso parlare di lontananza, perché Dio è vicino a tutti, sia ancora più insensato credersi vicini in modo esclusivo come Giona – «tu vais, tu lu preis, / tu ti fasis plen di borie / e tu contis ch’al è to chel Signôr» –! A Dio e non a Giona, spettano il giudizio e l’azione! Giona, il vicino, è lontanissimo. Ninive e Tarsis, terre lontane, sono vicine perché Dio le tiene d’occhio. E Giona, lontano nella sua vicinanza, è vicino nella sua lontananza, quando scappa e Dio lo ritrova o quando, sotto il ricino rinsecchito e le vampe del sole, Dio gli si fa incontro per farlo ragionare. Chissà se si convince di fronte all’appassionata autodifesa del Signore? Come nella parabola del padre buono (Lc 15,11-32), anche nel libro di Giona la conclusione rimane sapientemente in sospeso. La scena si dissolve e solo risuonano nella penombra parole di costernata bontà – «non dovevo avere pietà…»; «bisognava far festa…» – davanti alle quali occorre prendere posizione. Chi è veramente dalla parte di Dio? E chi è contro? E io dove sono? Mi pare sia questo il caso serio sollevato dal libro di Giona, che riecheggia anche nelle poesie di Luca».

    Dalla Postfazione a cura di don Federico Grosso

  • € 10,00

    GJAT UT E NADÂL

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 10,00

    GJAT UT E LA PLOIE

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 10,00

    GJAT UT AL À FAM

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 12,00

    LIS STORIIS DI PIÇUL – La lune e l’aiaron

    Didattica

    Piçul al è nassût tal 1980 e tal 2001 al è stât il protagonist di cuatri venturis: al à nadât, al è stât dentri t’un orloi, al à svolât, si è insumiât di besteutis zentilis.

    Cjalant la so date di nassite cumò al varès di jessi un om, ma lui al è cressût dome un pôc parcè che al è simpri une vore curiôs, un don di ducj i frutins e che Piçul nol vûl pierdi pe strade.

    Cui no si è mai insumiât di fermâ il timp, podê svolâ su la Lune o rivâ a cjatâ di dulà che
    al ven fûr l’aiaron?
    E cuant che Piçul si met intalcjâf une idee…

    Alore, fuarce, lin cun Piçul a vivi chestis dôs gnovis venturis!

    La Autôre

     

    Dissens di Francesca Gregoricchio

  • € 10,00 € 7,00

    LA STAGIONE DELLA MUTA / MORE PULP TALES

    Friulano

    Jê a vevo poiât uno man sul finestrin.
    Fôr al ero miesdì e il paîs al ero desert.

    “Ma dove sono tutti?”
    “Tutti chi?”
    “Ah, ecco” a vevo det jê sconsolado
    “Bella risposta”.

  • € 10,00 € 6,00

    DON CHISCIOTTE

    Friulano

    Il Teatro Incerto nus propon il so Don Chisciotte stralunât e in marilenghe, zuiant dentri e fûr dal test, domandantsi cui che al sei, vuê, il nobil cavalîr. Il grup, dopo vê presentât il Don Chisciotte ai fantats che a frecuentin lis scuelis mediis, al torne sul test di Cervantes intune esilarante riscriture par adults che, intal stîl des comediis de compagnie, al met adun une comicitât fulminante e moments di riflession.

  • € 12,00 € 8,00

    SES & BARETE contis curtis

    Friulano

    Vincj contis golosis, dulà che il ses al è il protagonist, miscliçât al plasê ma ancje aes pôris, frustrazions e, soredut, a chel tant di stupiditât che al gjenar uman no i mancje mai. Il dut insavorît cun ironie, juste par no butâ dret in muse che o sin ducj part di une umanitât avonde fûr di gamele.

  • € 20,00 € 14,00

    INFIER di Dante Alighieri

    Friulano

    « La Divina Commedia di Dante Alighieri è certamente uno dei testi più impegnativi che un traduttore letterario possa pensare di affrontare».«…in una prospettiva di politica linguistica, come già aveva segnalato Pasolini all’inizio degli anni quaranta, per arricchire la lingua friulana e par far uscire la sua letteratura da una dimensione dialettale, sarebbe stato necessario favorire le traduzioni dai classici antichi o da altre lingue che non fossero l’italiano».«In Italia troviamo anche una grande diffusione di traduzioni dialettali. Spesso queste traduzioni hanno un carattere prettamente “dialettale”, vale a dire che rendono popolare e colloquiale la forma e, qualche volta, anche il contenuto, con cambi di registro che possono anche avere effetti grotteschi o divertenti, ma che fanno classificare queste versioni in una particolare categoria delle traduzioni od, addirittura, nella categoria del camuffamento». «… l’importanza della Divina Commedia, non tanto come opera italiana, quanto come opera universale, fa sì che la pubblicazione di questa traduzione in friulano, sia realmente una operazione importante per il Friuli e per il mondo letterario in generale». (Dalle “Note dal curadôr” di Alessandro Carrozzo)

    disegno di copertina: Renato Calligaro

  • € 8,00

    GJAT UT E LA RUIE

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 8,00

    GJAT UT E LA PAVEE

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 8,00

    GJAT UT E IL PESSUT

    Didattica

    Aventuris di Gjat Ut scritis e ilustradis di dôs mestris pai frutins de scuele primarie, ma ancje par chei gjenitôrs che a àn voie di lêi ai lôr fruts in furlan.
    Le avventure di Gjat Ut scritte e illustrate da due maestre per i bambini delle scuole primarie, ma anche per quei genitori che hanno voglia di leggere in friulano ai loro figli.

  • € 8,00 € 6,00

    MARI AGHE

    Didattica

    Ho letto il testo esile, tenero, fantasioso, attuale di Franca Mainardis. Ho seguito con apprensione, da lontano, il paziente lavoro di messa in scena guidato da Daniela Zorzini. E ho assistito con commozione allo straordinario risultato presentato al teatro Giovanni da Udine il 7 marzo 2010, dove la lingua friulana ha trionfato in uno spettacolo per bambini bellissimo, riuscito sotto ogni aspetto.
    Un grande palco trasformato, con pochi tocchi, in un cortile del Friuli contadino, invaso da folletti/gocce figli di Mari Aghe che li vigila dall’alto della sua nube mentre dicono il testo, ballano, ritmano le filastrocche di DJ Tubet, accanto a buffi fiori assetati; ai quali solo dopo molti errori, uniti, riescono a portare aiuto. Una regia ricca di idee, una squadra affiatata, una lingua viva per un intrattenimento di alta qualità. E una grande soddisfazione, per me, per aver creduto in un lavoro che ha riunito tante forze, portandole ad un prezioso successo, ora compendiato in questo libro. Tarcisio Mizzau (Presidente Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine)

  • € 15,00

    S. PIERI E IL SIGNÔR e altris contis dal bon acet

    Didattica

    L’antologia è nata come materiale di lettura in friulano per ragazzi/e della scuola media, ma va bene anche per gli adulti. Quello dello straniero, del viandante che cerca ospitalità o lavoro è forse il tema più diffuso nella letteratura mondiale. La raccolta comprende testi della tradizione friulana e di autori friulani quali Leonardo Zanier, con classici come Omero, Ovidio, fiabe arabe, brani dalla Bibbia e dai Vangeli, in cui si possono trovare quei valori universali che ci aiutano ad affrontare, l’incontro con gente di altri parti e di altre culture del mondo.

    La racuelte e je nassude come materiâl di leture in furlan par fantats/fantatis de scuele medie. Ma e je buine ancje pai grancj. Chel dal forest, il viandant, che al cîr ospitalitât o lavôr al è forsi il teme plui pandût inte leterature di dut il mont. Cheste racuelte e met adun tescj de tradizion furlane, e autôrs furlans tant che Leonardo Zanier, con classic come Omêr, Ovidi, flabis arabis, tocs de Bibie e dai Vanzei, dulà che o podìn cjatâ chei valôrs universâi che nus judin a frontâ inte maniere plui juste l’incuintri cun int di altris bandis e di altris culturis dal mont.

  • € 10,00

    REVÒCS DI TIARA / Echi di terra

    Discanto

    Collana Discanto – numero 11

    Singolare raccolta, questa di Francesco Indrigo; singolare dittico asimmetrico o ritmico, come sistole e diastole. Diciassette le liriche dei Rèvocs, sedici quelle di Tiara, ma brevi le prime, d’intensità centripeta, gravitanti verso il silenzio, più distese, più espanse le altre: sotto il segno del desiderio quelle, della dedizione queste. Due forme d’amore, pericolanti entrambe, diversamente.

  • € 6,00

    PERAULIS CROSADIS 3

    Didattica

    Imparare giocando. Il primo numero è dedicato alle scuole elementari, il secondo ai ragazzi delle medie. Entrambi sono piacevoli e divertenti anche per i grandi. Il terzo numero è per tutti.
    Un imprest didatic par imparà zuiant. Il prin numar al è pai fruts, il secont pai frutats de scuole medie, ma ancje gjoldibii e plasevui pai grants. Il tierç numar par ducj.

  • € 6,00

    PERAULIS CROSADIS 2

    Didattica

    Imparare giocando. Il primo numero è dedicato alle scuole elementari, il secondo ai ragazzi delle medie. Entrambi sono piacevoli e divertenti anche per i grandi. Il terzo numero è per tutti.

    Un imprest didatic par imparà zuiant. Il prin numar al è pai fruts, il secont pai frutats de scuole medie, ma ancje gjoldibii e plasevui pai grants. Il tierç numar par ducj.

  • € 12,00 € 8,00

    ISULIS – isole

    Discanto

    Arcipelaghi
    L’isola è un topos simbolico e letterario tra i più antichi e resistenti.
    L’isola è mondo a sé, chiuso, lontano, sempre altrove rispetto alla norma, al dato, alle cose. In essa si può trovare il locus amoenus o l’incubo, la trappola mortale o la salvezza.
    Sempre si trova o si spera di trovare la differenza: nessuna isola sarebbe più deludente da trovare se non un’isola che non ha nulla di differente dalla terra ferma, che non abbia sviluppato forme, presenze, assenze che la rendono narrabile.
    Per tratteggiare un’isola bastano pochi elementi: il mare, spazio inquieto che per i greci sottostava all’imperio di un altro dio, rispetto alla terraferma, il cielo con i suoi presagi d’aria ed un pugno di terra circondata, sola, impotente.
    L’isola non è terra e non è neppure mare. Da questo vive assediata e di questo sopporta la frusta salata di onde e maree. Luogo in cui essere e divenire riescono a manifestarsi in modo trasparente.
    Così, è stato abbastanza facile anche per me rifugiarmi in questa metafora. Questa raccolta dice del separarsi dal mondo e dal suo fluire, dell’essere “isola” costretta ed assediata, pietrificata nelle possibilità.
    “Mârs” è l’assenza di terra che ogni isola mostra, ma allo stesso tempo anche l’assenza di mare laddove mare ci dovrebbe essere. E’ anche l’impossibilità dell’essere: non c’è nessuna sospensione temporale che salvi dall’erosione della costa ad opera delle maree.
    Tutto continua a divenire e ciò lo scopre chi dall’isola riesce ad uscire: non gli viene restituito lo stesso sé né lo stesso mondo, ma una geografia altra, fatta di altre forme e altri movimenti.
    Seconda sezione del libro è “San Pauli”, che isola lo è stata davvero, per tutto il ‘600, quando il Tagliamento l’aveva chiusa fra due rami e che ha sviluppato nei secoli seguenti una propria originalità rispetto al territorio circostante.
    A San Paolo ho lavorato per vari anni entrando in tutte le case ed imparandone le parole. Ogni giorno percorrevo un cerchio di chilometri ed ogni giorno incontravo gli stessi campi, le stesse case, le stesse persone. Per me il privilegio di assistere al tralucere di essere e divenire.
    Circolo ermeneutico nel mio girare quotidiano, la com-
    prensione di un testo che restava e si rinnovava insieme al mio stare e rinnovare.
    A legare assieme queste parti circondate e agitate dall’acqua, ci sono “I pomodoros da la Nives”, le opere da fare giorno per giorno, un elemento di terra, un legno salvifico.
    I pomodori che Nives, mia madre e Tin, mio padre, ogni anno coltivano. A loro modo un’altra isola, un altro
    modo di essere isola, dove fatica e gioia si offrono, come possibilità cosmica di condivisione, ad ogni passante.

    Infine dei saluti. A tre donne: Alba, Sabrina e Francesca che attorno all’isola stavano. A quelli di San Paolo, a quelli che, ora più che mai, non hanno morte. A Rita Ferro, a don Gigi Zadro e alle nostre eucarestie di tabacco. A Marco e Anna. A Ennio, che arriva in grava alle sei di sera con la chesterfield in bocca, lo shampoo e la musica a manetta. A Marco, in attesa di un altro aperitivo. A Raff BB, Guido, Lussia, Bianca, Alfredo, Fabian, Maurizi, Pauli, Vera, e tutti gli altri garps e trastolons, perchè è una consolazione pensare di avere a che fare con loro, comunque sia, fino alla fine. A quelli di Mortegliano, di Andreis, del Disquisito e di Acque di Acqua. A Giacomo Sandron, perché è meglio che se ne stia alla larga. Ai soliti goriziani.
    A Alessandra per tutto quello che ha fatto e che fa.
    Per tutti quelli che, ovunque, esercitano il sacrosanto diritto di camminare, muoversi, migrare.

  • € 5,00

    UN QUARTIERE NELLA MEMORIA vol. 2

    Friulano

    La storie dal cuartîr di Sant Sualt intal Nûfcent, cemût che e ven fûr des memoriis dai siei abitants. In cheste periferie, fate ancjemò inte prime metât dal Nûfcent di contadins e operaris, il furlan al jere e al è ancjemò un segn di distinzion culturâl, sociâl e linguistiche.

    La storia del quartiere di S. Osvaldo nel Novecento, ricostruita dalle memorie storiche degli abitanti. Ne emerge un quadro sociale, culturale e linguistico radicalmente diverso dalla società commerciante e piccolo borghese venetizzata del centro cittadino. L’uso generalizzato del friulano emerge come segno di distinzione culturale, sociale e linguistica.

  • € 10,00 € 5,00

    SCÛR DI LUNE

    Friulano

    I racconti di Checo Tam, che possono parlare di concerti di musica dark anni ottanta, come di alieni secondo la moda della fantascienza anni cinquanta, ma anche della “Sagra delle Pere” di Pavia di Udine, mostrano una rara capacità di portare in scena personaggi e storie, che saltano fuori da un immaginario assai complesso, ma allo stesso tempo coerente, legato alle esperienze vissute in prima persona dal narratore-protagonista sullo sfondo di un Friuli ormai semi-rurale. O semi-industriale e globalizzato – dipende dal punto di vista.

    Lis contis di Checo Tam a puedin fevelâ di concierts di musiche dark dai agns otante, come ancje di aliens ae mode de fantasience dai agns cincuante, ma ancje de “Sagre dai Pirùs” di Pavie di Udin. A mostrin une rare capacitât di puartâ in sene personaçs e storiis, che a saltin fûr di un imagjinâri une vore complès e imagjinific, ma al stes timp coerent e peât aes esperiencis vivudis in prime persone dal naradôr-protagonist sul sfont di un Friûl aromai semi-rurâl. O semi-industriâl e globalizât – dipent di cemût che si vûl cjalâlu.

  • € 13,00 € 8,00

    IL SORELI TE VALÎS

    Didattica

    Alla vigilia di ogni partenza, quando soli ci troviamo davanti al letto su cui poggia la valigia, ci accorgiamo di dover fare una scelta. Da una parte sappiamo che siamo noi il vero contenuto di quella valigia, dall’altra siamo spaventati dall’idea che in quel piccolo spazio non ci staranno mai tutte le cose che vorremmo portarci dietro.
    Tra le mani passano maglioni, camicie, calzini… il tempo sembra fermo ma in realtà il viaggio è già iniziato. Si affacciano le attese, le speranze e mille domande cercano una risposta: chi incontrerò lungo la strada? farà freddo? quando potrò ritornare?
    Leggere le fiabe di “Il soreli te valîs” è come vivere quel momento. Affrontare i suoni opachi e brillanti di una lingua lontana ma familiare ci conduce in un’altra realtà fatta di storie quotidiane in cui personaggi semplici compiono azioni straordinarie e la natura prende forma umana: il sole conosce il perdono, la nuvola pazzerella diventa responsabile e due delfini imparano ad essere coraggiosi.
    Sospesi tra la nostra realtà e questo mondo ci sentiamo a casa e al sicuro.
    L’incontro tra la penna di Gianni e i pastelli dei bambini ha dato vita a questa raccolta di fiabe: un ponte fra due generazioni che seppur così distanti avranno ora modo di conoscersi meglio.

    Paolo Nikli

    … Il Soreli nol podè fâ di mancul di riduçâ. Ma lu fasè ae sô maniere, ven a stâi sflandorant dulintor. E il Cramar al scugnì parâsi i voi cul cjapiel par no restâ inceât.
    «Va ben», al disè il Soreli in fin. «Che cussì al sei. Vierç la tô valîs.»
    E cussì disint, si sbassà su la piche de mont, che e deventà rosse tant che un fier su la fusine dal fari. E ancje il Cramar dai Fruts al fo cjapât dentri di chel bambâ e no i restà nuie altri ce fâ che di slungjâ la valîs e, daurman, sierâle plene di rais…

    Il lavôr par chestis flabis no à conossût une gjenesi dome leade ae publicazion di un gnûf libri, ma al è nassût di un autôr, di un grop teatrâl e de volontât di puartâ la esperience dal contâ plui dongje dai letôrs dal futûr.
    Cussì, cun Gianni, o vin decidût di inmaneâ un progjet indreçât aes scuelis primariis de zone culinâr, dulà che lis flabis a son deventadis materie vive di lavôr e di discussion sul test e su lis tematichis.
    Ce che al à caraterizât cheste esperience al è stât il moment dedicât ai zûcs teatrâi coletîfs, che al precedeve la leture: une creazion di un lengaç comun che al faseve sintî ogni frut come part di un grup, che al cjatave sens propit in chest so operâ insieme.
    Cui fruts si fevelave su lis leturis e di volte in volte a vignivin fûr riflessions e pinsîrs che dopo si son concretizâts intai disens che a ilustrin i tescj.
    L’incuintri dai fruts cun Gianni Gregoricchio al è stât il moment plui biel dal percors, pe pussibilitât che al à ufiert di viodi trope imagjinazion che a àn, e ce domandis che i fruts a volaressin plui dispès podê fâ ai nonos, sui lôr ricuarts, su lis diferencis inte vite di cuant che lôr a jerin zovins, ma salacor no lu fasin par scrupul o parcè che no àn la ocasion.
    Pal animatôr o pal gjenitôr-letôr chest lavôr al pues jessi plen di sodisfazions, parcè che al permet di jentrâ in contat cuntun mont interiôr dal frut, stiçât de leture su temis che dispès a rapresentin une esperience disconossude o gnove pai piçui letôrs, che a cjatin intune flabe ricuarts di altris che dopo a deventaran ancje lôr.

    Manuela Malisano e Paolo Nikli
    Servi di Scena

  • € 6,00

    PERAULIS CROSADIS 1

    Didattica

    Imparare giocando. Il primo numero è dedicato alle scuole elementari, il secondo ai ragazzi delle medie. Entrambi sono piacevoli e divertenti anche per i grandi. Il terzo numero è per tutti.
    Un imprest didatic par imparà zuiant. Il prin numar al è pai fruts, il secont pai frutats de scuole medie, ma ancje gjoldibii e plasevui pai grants. Il tierç numar par ducj.

  • € 10,00 € 5,00

    NIARI – TWO PULP TALES

    Friulano

    Chi racconta una storia definisce la sua cifra del mondo.

    Quanto più l’autore si muove su coordinate eccentriche rispetto a connessioni prestabilite, capoluoghi culturali o norme surrettizie, tanto più potente sarà la visione prodotta. Nei due racconti qui presentati la Carnia – anzi, una piccola porzione di essa, linguisticamente delimitata – e una semiperiferia notturna – ma sì, è Udine – ancorano l’immaginario a un vissuto contemporaneo, che tuttavia – un po’ più a lato, un po’ più in là – diventa altro, al centro del global business o nelle pieghe del mito ancestrale.
    Gli estimatori del genio multitasking di Fulvio Romanin, a.k.a. Reddkaa, autore, cantante, produttore, web designer, videomaker, non si sorprenderanno della pubblicazione di questa prova squisitamente letteraria: Geologicamente impossibile e Cornetto e caffè sono due racconti diversi, a partire dalla scelta del medium linguistico, ma sostanzialmente frutto della stessa penna e di riconoscibili modalità creative: dialoghi serrati, gergo “gggiovanile”, visualizzazione concitata di scene spezzate come in un videoclip, collegate da un montaggio frenetico.
    Geologicamente impossibile sfida il lettore, e sfida una certa deriva normalizzatrice proponendosi ostentatamente nella variante del carnico di Forni Avoltri, quella che termina in “o”, irriducibile alla koinè friulana. Ma questa è la sola lingua che il protagonista, tornato al paese dopo anni di Università a Bologna, sente di poter usare in quel luogo, la lingua che dà il nome alle cose, agli affetti, alle amicizie, della quale si riappropria a mano a mano che procede a fare i conti con un improbabile presente e fantasmi fin troppo concreti del recente passato.
    Cornetto e caffè scorre facile, con l’andamento melodico di quelle canzoni così semplicemente perfette che entrano da subito nella personale hit list – notare i titoli dei capitoli, please. E poi, progressivamente, il ritmo accelera, scarta, il tono cresce, devia in ambiti obliqui, nella lunga notte di una coppia di amici che si erano incontrati al solito posto, nella solita estate afosa di Udine.
    A volte si trovano ancora scrittori che sanno raccontarle, le storie.
    E questo è solo l’inizio.

    Stefania Nonino

  • € 16,00 € 12,00

    LI’ CASTELANIS

    Friulano

    le bocche aperte di Castello
    ridere, cantare, gridare, ufufâ…
    (dicono che le castellane più anziane si dimenticassero anche del fidanzato se incominciavano a cantare, proprio così, ragazza mia, e dopo cena sul prato accanto al cimitero
    cantare come viole
    cantare come vivere)

    e Montereale: il luogo
    dove è cominciato il gioco

  • € 23,00 € 18,00

    ODISSEE di Omêr

    Friulano

    voltât par furlan di Sandri Carrozzo e Pierluigi Visintin

    Un lavôr di traduzion integrâl dal grêc al furlan, lât indevant par plui di 8 agns. Un dai classics de leterature di ducj i timps, une metafore de condizion umane stesse. Test grêc inte pagjine dongje.

    Un lavoro di traduzione integrale dal greco al friulano durato oltre 8 anni. Uno dei classici della letteratura mondiale, una metafora della stessa condizione umana. Testo greco a fronte.

  • € 10,00 € 5,00

    GARAGE 77

    Friulano

    «Claudio – il festival di Stoccarda al è un festival gros… cjape Folkest chi in Friûl… si fâs a Spilimberc, ma tu tu podis benissim lâ a sintî yb conciert… ancje a Lubiane.

    Elvio – Alore, il festival di Stoccarda al è cussì gros, ma cussì gros che nû i podin ancje in place a Grediscje!… Cjale, mi sta vegnint un nervôs…»
    Il Teatro Incerto (Fabiano Fantini, Claudio Moretti e Elvio Scruzzi) al è il plui popolâr grup teatrâl furlan. Nassût tal 1985 in 30 agns di ativitât al â realizât tancj spetacui e miârs di replichis in ducj i cjantons e situazions dentri e fûr dal Friûl. Fra chescj Le scarpe prendono piede, la trilogjie Four, Dentri, Laris, Maratona di New York, I mosaiciscj, Muradôrs. Cence dismenteâsi des publicitâts e des trasmissions radiofonichis e televisivis, deventadis dai mîts de culture furlane popolâr dal dì di vuê.

  • € 6,00 € 4,00

    LA FORTUNA

    Friulano

    Une storie a fumuts jenfri Argjentine e Friûl, dulà che dut al è miscliçât, lis esistencis, lis culturis, lis lenghis. Une aventure jenfri bandoneons, armis e diamants, su lis olmis di un personaç leiendari e incuintrant manigolts, poetis rivoluzionaris e feminis fatâls. Un zâl che al tache tai prins dal secul passât, cu la emigrazion di Tojo in Argjentine e al va indenant fin ai nestris dîs cul nevôt Quisco che al cîr lis usmis di so nono e de proprie identitât.
    Una storia a fumetti fra Argentina e Friuli, dove tutto è mescolato, le esistenze, le culture, le lingue. Un’avventura fra bandoneons, armi e diamanti, sulle tracce di un personaggio leggendario e incontrando manigoldi, poeti rivoluzionari e donne fatali. Un giallo che inizia dai primi anni del secolo scorso, con l’emigrazione di Tojo in Argentina e prosegue fino ai giorni nostri con il nipote Quisco che cerca le orme di suo nonno e della propria identità.

  • € 15,00

    IL CJÂF DAI FURLANS

    Friulano

    Il cjâf dai furlans di Franc Fari
    al è stât il prin vêr libri sientific scrit par furlan ma al sarès un libri fondamentâl in cualsisei lenghe. Chest parcè che al presente, intun lengaç precîs ma comprensibil, i principâi risultâts di une sience zovine, la neurolinguistiche, che e sta deventant simpri plui fondamentâl par capî l’umanitât.

    AL MOMENTO NON DISPONIBILE!
    RISTAMPA IN PROGRAMMA.

  • € 13,00

    DIZIONARI ILUSTRÂT

    Didattica

    Chest dizionari al è nassût tant che materiâl didatic in cors di furlan di nivel base: al è stât fat par cui che si svicine al furlan e che al cîr di slargjâ il sô vocabolari doprant ilustrazions semplicis, fintremai di fate diletantistiche, ma imediadis. In cheste maniere si è volût meti adun un imprest che al judi a imparâ lis peraulis leantlis dretis ai concets e cence passâ par mieç di une altre lenghe, duncje l’aprendiment al rive plui insot e, tal moment di capî o di fevelâ, la paronance su lis peraulis e je plui svelte e naturâl.

  • € 5,00

    UN QUARTIERE NELLA MEMORIA vol.1

    Friulano

    La storia del quartiere di S. Osvaldo nel Novecento, ricostruita dalle memorie storiche degli abitanti. Ne emerge un quadro sociale, culturale e linguistico radicalmente diverso dalla società commerciante e piccolo borghese venetizzata del centro cittadino. L’uso generalizzato del friulano emerge come segno di distinzione culturale, sociale e linguistica.

  • € 10,00 € 5,00

    LIRICS GRÊCS

    Friulano

    Anacreont, Alcmen, Archiloc, Tirteu, Mimnerm, Ipponat, Saff, Alce… A son fruçons dai poetis plui famôs de liriche greche arcaiche, par une riflession jentri culture classiche e lenghe furlane. Anacreonte, Alcmene, Archiloco, Tirteo, Mimnermo, Ipponate, Saffo, Alceo… tradotti in friulano da Alessandro Carrozzo. Sono frammenti fra i più famosi della lirica greca arcaica, per una riflessione fra cultura classica e lingua friulana.

    Chest libri è copagnât di un CD cu lis leturis des lirichis in tantis variantis furlanis.

Facebook Icon