• € 16,00

    CJANTIS E RIMAROLIS PAI FRUTINS

    Didattica

    Peraulis di Alessandra Kersevan e Giancarlo Velliscig
    Musiche di G. Velliscig.
    Dissens di Francesco T. Altan, progjet grafic di Renato Calligaro.
    I tescj dai “Disleelenghis” a son gjavâts fûr di “Sacheburache” di Dino Virgili.
    Ideazion e notis didatichis di Silvana Schiavi Fachin

    prima edizione 1987
    II ed. 2003
    III ed. 2012

  • € 12,50

    CONTÂ DI NÔ

    Didattica

    Contadini, artigiani, donne e bambini vissuti nel Friuli di una volta popolano questo libro

  • € 12,00

    CONTIS DI FAMEE

    Friulano

    Lis storiis di Raffaele Serafini a van indenant e indaûr intal timp dilunc di un troi che nus permet di butâ la voglade suntun pocjis des vicendis cressudis sul arbul gjenealogjic di une famee dal Friûl di mieç. Di conte in conte a cambiin duncje i protagoniscj, i timps, i stîi di vite, il paisaç che si pues viodi dulintor e, ae fin, a ’ndi ven fûr un Friûl che al è tal stes timp familiâr e fûr dai schemis.
    Dulà finissie la realtât e dulà tachie la invenzion? La veretât e je che nol è cussì impuartant savêlu parcè che, une volte tirâts dentri di une conte, si jentre intun mont che al è reâl ancje cuant che al è fantastic e che al è inventât ancje cuant che al è vêr.

    Le storie di Raffaele Serafini vanno avanti e indietro nel tempo lungo un sentiero che ci permette di gettare un occhio su alcune delle vicende cresciute sull’albero genealogico di una famiglia del Friuli di mezzo. Di racconto in racconto cambiano dunque i protagonisti, i tempi, gli stili di vita, il paesaggio che si può vedere tutto intorno e alla fine ne viene fuori un Friuli che è nello stesso tempo famigliare e fuori dagli schemi. Dove finisce la realtà e dove comincia l’invenzione? La verità è che non è così importante saperlo perché una volta coinvolti in un racconto, si entra in un mondo che è reale anche quando è fantastico e che è inventato anche quando è vero.

  • € 10,00

    CUATRI STAGJONS DAL AN – Contis de disincressite

    Friulano

    Tal cuadri modest, magari cussì no, de leterature furlane in prose, la plui part dai autôrs e somee che si vebi fermade tal revoc dal passât, dispès cu la nostalgjie di une civiltât dulà che i valôrs fondamentâi e condividûts a son lâts pierdûts par simpri. Masse voltis la realtât storiche e ven sacrificade par dâi spazi a une mitologjie che e sglonfi la nestre braùre, cence contradizions, miseriis fisichis e mentâls, injustiziis.

    Tal stes timp, dut chest al à fluscât il voli viers il Friûl di vuê, viers lis sôs dinamichis economichis e sociâls, i moviments migratoris, lis inovazions tecnologjichis, i procès interculturâi. Cussì, no si rive a viodilu cuntune prospetive di incressite e di trasformazion dulà che la lenghe di chenti e cjati une sô colocazion che no vebi di murî parie cu la disparide dal mont contadin…

  • € 10,00

    CULTURA, TERRITORIO E PUBBLICO IN FRIULI – Dagli anni Cinquanta alla fine del Novecento

    Friulano

    La crisi de vite sociâl e politiche dal dì di vuê e domande una presince e une fuarce critiche che nus ven dome de culture. Cuintri de dispersion e de pierdite de memorie storiche e culturâl, l’Associazion ADASTRACULTURA si impegne a riproponi i temis fondatîfs dibatûts intal secul a pene passât, di sigûr no par nostalgjie, ma pe convinzion che tant di ce che al è stât elaborât des singulis personalitâts o dai grups o moviments che a operavin sul teritori par dut il periodi cjapât in considerazion, al puedi judâ a interpretâ il timp di vuê, sticâ riflessions e confronts, furnî documens e struments utii par rivâ a elaborâ robis gnovis.
    L’Associazion ADASTRACULTURA si propon di davuelzi in particolâr cheste ultime funzion, come tipiche dal metodi di lavôr dal scritôr e artist Tito Maniacco, che a lui la asociazion e je intitulade. La sô vision poliprospetiche, la ricercje costante dal confront cun altris culturis, il so refudâ il conformisim e il banâl a son i tiermins di riferiment par ogni lavôr che al sei promovût intal so non.

  • € 12,00

    DINDARINE DINDARONE

    Didattica

    Cheste racuelte di “Dindarine Dindarone” di Marisa Scuntaro e je nassude de sô passion pe ricercje su la musiche popolâr e dai nestris resonaments intor di cetant che i zove al cerviel dai frutins a pene nassûts il contat cu la lenghe dal ambient indulà che a nassin. Anzit o vin discutût a dilunc su lis discuviertis dai specialiscj che nus mostravin la impuartance di svilupâ la percezion auditive, vâl a dî la capacitât dal organisim che si svilupe tal grim de mari di scoltâ par jessi bon di inviâ pulît il procès di educazion in dôs o plui lenghis diferentis. Une capacitât che e je ereditarie ma che però si sfante besvelte. Lu disin simpri i ricercjadôrs, precisant che la abilitât distintive e scomence a calâ jenfri i sîs e i dîs-dodis mês di vite dal frut e che la mancjance di stimui che i vegnin dal ambient e prodûs une sorte di sclerosi des sinapsis cerebrâls. Cheste sorte di invecjament de potenzialitât dal nestri cerviel par mancjance o par scjarsetât di stimui sonôrs e rivuarde soredut la fonetiche, sei a dî la pronuncie. E va indenant planc a planc, in maniere graduâl e progressive fintremai che la persone e devente un fantacin o une fantacine. Dopo di chest moment, definît dai esperts “pont critic”, la persone e sarà in stât di imparâ pulît altris aspiets dal sisteme lenghistic come par esempli la gramatiche o il lessic ma e fasarà fadie a fâsi passâ par un natîf: un natîf furlan, talian, inglês o todesc. Si diseve dal lenghist Roman Jakobson che al jere un poliglot che al fevelave rus in dîs lenghis par vie che lis veve imparadis dutis di grant cence pierdi mai l’acent rus, la sô marilenghe!
    Su la fonde di chescj principis al è partît un progjet di ricercje che al à come obietîf chel di racuei une schirie di cjantis di scune, di nainis, di cjantarelis, di tiriteris e di filastrocjis tes varietâts di furlan, di todesc, di sloven e di venit dal teritori regjonâl dopradis soredut par cuietâ o indurmidî i piçui. La ricercje e à domandât une vore di timp pal fat che nol è stât facil cjatâ lis informadoris e convincilis a regjistrâ. Ben dispès, ancje parvie che al è di dopo mai che lis nonis e lis maris si son lassadis convinci a no doprâ plui la marilenghe in cjase specie cui piçui, chescj aspiets de tradizion popolâr a si son planc a planc sfantâts. In ogni mût Marisa Scuntaro e je rivade a fâ une “grande campagne di sgjâfs” come che si dîs tes ricercjis archeologjichis e e à metût adun une schirie di cjantis, par furlan; par venit (1 di Maran e 1 di Pordenon); 4 par sloven (2 di Rezja/Resie, 1 di Platišče/Platischis , 1 di Ofian/Pegliano), 3 par todesc (1 di Zahre/Sauras e 2 di Tischlbong/Tamau). La racuelte e à dentri ancje cualchi tiritere recitade, une par bisiac e une unevore cognossude che e siere la racuelte. E je dite sù di une frutine furlane e e ofrìs ai scuelârs un biel esempli par lâi daûr.
    Al covente rimarcâ che lis peraulis des nine-nanis, des filastrocjis e v.i. dispès no àn un significât precîs. Si trate difat di formulis convenzionâls: onomatopeis o creazions concepidis par fâ rime o par mantignî il ritmi. Nol è il sens che al impuarte ma il sunôr che al conte.
    Chestis filastrocjis e tiriteris a jerin compagnadis di moviments precîs (il sù e jù de gjambe de mame o dal pai, come se a fossin cjavai; segns cul dêt su la manute e v.i.) e chescj moviments a laressin conservâts cuant che si torne a proponilis ai fruts.
    A son stadis di fat armonizadis ancje cuntun voli ae didatiche de lenghe e presentadis intun CD. Mi somee di podê dî che la vôs di Marisa e rispuint ad implen ai criteris di fedeltât ae tradizion popolâr e tal stes timp a lis esigjencis di une didatiche atente a creâ chel ambient vîf e plen di stimui che si diseve tal imprin.

    de Introduzion di Silvana Schiavi Fachin / Silvana Spajota dai Sclâs

  • € 13,00

    DIZIONARI ILUSTRÂT

    Didattica

    Chest dizionari al è nassût tant che materiâl didatic in cors di furlan di nivel base: al è stât fat par cui che si svicine al furlan e che al cîr di slargjâ il sô vocabolari doprant ilustrazions semplicis, fintremai di fate diletantistiche, ma imediadis. In cheste maniere si è volût meti adun un imprest che al judi a imparâ lis peraulis leantlis dretis ai concets e cence passâ par mieç di une altre lenghe, duncje l’aprendiment al rive plui insot e, tal moment di capî o di fevelâ, la paronance su lis peraulis e je plui svelte e naturâl.

  • € 10,00 € 6,00

    DON CHISCIOTTE

    Friulano

    Il Teatro Incerto nus propon il so Don Chisciotte stralunât e in marilenghe, zuiant dentri e fûr dal test, domandantsi cui che al sei, vuê, il nobil cavalîr. Il grup, dopo vê presentât il Don Chisciotte ai fantats che a frecuentin lis scuelis mediis, al torne sul test di Cervantes intune esilarante riscriture par adults che, intal stîl des comediis de compagnie, al met adun une comicitât fulminante e moments di riflession.

  • € 12,00

    FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon

    Didattica

    5 di 5

    Loreta e à une famee che e pararès un pôc strambe. Ma ce isal di stramp tal vê une mari che e see, e inclaude, e incole e un pari che di sabide si met a sopressâ? E metìn dongje ancje un fradi di trê metris e une sûr inmagadore. Par Loreta cheste e je la famee, la uniche, la sô. Nol à impuartance par jê cui che al fâs ce, culì jê e cjate comprension, amôr e rispiet.

    Loretta ha una famiglia che sembra un po’ strana. Ma cosa c’è di strano nell’avere una mamma che sega, inchioda, incolla e un papà che di sabato si mette a stirare? E aggiungiamoci anche un fratello di tre metri e una sorella streghetta. Per Loretta questa è la famiglia, l’unica, la sua. Non ha importanza per lei chi fa che cosa, qui trova comprensione, amore e rispetto.

  • € 12,00

    FAMEIS 2 – Cjapâsi a bracecuel

    Didattica

    Dino al à doi fradis e une sûr, un nono e une none, dodis gjats e une cjice. Ma al à ancje doi pais e dôs maris. Cemût puedial jessi? Ce raze di famee ise? Dino nol è bon di rispuindi. Lui al sa dome che cheste e je la sô fameone, la sô amade fameone, di cjapâ a bracecuel.

    Dino ha due fratelli e una sorella, un nonno e una nonna, dodici gatti e una cagnetta. Ma ha anche due papà e due mamme. Come può essere? Che specie di famiglia? Dino non è capace di rispondere. Lui sa solo che questa è la sua famigliona, la sua amata famigliona, da prendere in un grande abbraccio.

Facebook Icon