NEWS

Udine – 3 marzo 2018

Online il nuovo sito Kappa Vu


Storia, didattica per il friulano, letteratura in italiano e friulano: da più di 20 anni questi sono i principali campi di impegno della nostra casa editrice. Siamo conosciuti soprattutto per l’accurata ed approfondita documentazione con cui trattiamo temi riguardanti la storia del confine orientale, della Resistenza, delle foibe e dei campi di concentramento fascisti non solo nella nostra Regione. Parallelamente alle pubblicazioni promuoviamo anche iniziative culturali, incontri e conferenze ma poniamo anche attenzione alla poesia e alla narrativa.

 

 

Libri Recenti

Ultimi libri prodotti dalla casa editrice

  • € 10,00

    RIME LICEALI

    Poesia

    Dalle riflessioni più profonde al testo di tono polemizzante, dai sogni carichi di aspettative al dato biografico concreto, dagli sprazzi gioiosi al cupo vittimismo: questa raccolta di liriche varia tanto per forma quanto per contenuti, spaziando da un topos all’altro della letteratura e del pensiero. E ne emerge un adolescente angosciato e problematico, eppure al tempo stesso sottile e lucido nel giudicare l’indole umana.

  • € 16,00

    GARIBALDINI IN SPAGNA

    Storia

    Storia della XII Brigata Internazionale nella guerra di Spagna

    La guerra di Spagna scoppiò nel luglio 1936 dopo un fallito tentativo di colpo di stato militare contro il governo democratico della Repubblica spagnola. In seguito all’intervento dell’Italia fascista e della Germania nazista in appoggio ai militari, si trasformò in una guerra internazionale, militare e politica, che vedeva coinvolte tutte le maggiori potenze dell’epoca.

  • € 15,00

    GNO VON BEPOPALON

    Didattica

    Lussia di Uanis, scritore e artiste, cu la storie dal farc Bepopalon e dal farcut so nevôt nus ufrìs une conte dulà che âfs, mariutinis, jespis e scussons, magnis e lisiertis, parussulis e cisilis, chechis e çoris, sghirats, surîs e parfin pantianis (e une schirie di altris besteutis) a àn la fuarce di reagjî e di difindi il lôr habitat menaçât dai umans.

    Ilustrazions di Guido Carrara

    Fotografiis di Marco Cuoco

  • € 15,00

    FALISCJIS / FAVILLE. Storiis di fûc e di fum / Storie di fuoco e di fumo

    Narrativa

    Lizeris, ferbintis, dramatichis, zentîls. Lis conte la vôs dal fûc, cun chel so bas businâ, che se al robe anime al aiar al devente ancje un paurôs burlâ. Chest al è di fat la vite, e somee sugjerî la nestre fade: il sflandôr efimar e svelt di une lusigne che si jeve sù di tiere, e devente lûs e po e sparìs inte cinise. Ma no cence vê lassât alc daûrsi. La sô storie. (de prefazion di Angelo Floramo)

    Leggere, ferventi, drammatiche, gentili. Le racconta la voce del fuoco, con quel suo sommesso businâ, che se ruba anima al vento diventa anche un pauroso burlâ. Questo è infatti la vita, sembra suggerire la nostra incantatrice: lo splendore effimero e veloce di una scintilla che si alza da terra, si fa luce e poi scompare nella cenere. Ma non senza aver lasciato dietro di sé qualcosa. La sua storia. (dalla prefazione di Angelo Floramo)

    Testo bilingue friulano e italiano

  • € 12,00

    FAMEIS 1 – Mê mari e fâs il marangon

    Didattica

    5 di 5

    Loreta e à une famee che e pararès un pôc strambe. Ma ce isal di stramp tal vê une mari che e see, e inclaude, e incole e un pari che di sabide si met a sopressâ? E metìn dongje ancje un fradi di trê metris e une sûr inmagadore. Par Loreta cheste e je la famee, la uniche, la sô. Nol à impuartance par jê cui che al fâs ce, culì jê e cjate comprension, amôr e rispiet.

    Loretta ha una famiglia che sembra un po’ strana. Ma cosa c’è di strano nell’avere una mamma che sega, inchioda, incolla e un papà che di sabato si mette a stirare? E aggiungiamoci anche un fratello di tre metri e una sorella streghetta. Per Loretta questa è la famiglia, l’unica, la sua. Non ha importanza per lei chi fa che cosa, qui trova comprensione, amore e rispetto.

  • € 12,00

    FAMEIS 2 – Cjapâsi a bracecuel

    Didattica

    Dino al à doi fradis e une sûr, un nono e une none, dodis gjats e une cjice. Ma al à ancje doi pais e dôs maris. Cemût puedial jessi? Ce raze di famee ise? Dino nol è bon di rispuindi. Lui al sa dome che cheste e je la sô fameone, la sô amade fameone, di cjapâ a bracecuel.

    Dino ha due fratelli e una sorella, un nonno e una nonna, dodici gatti e una cagnetta. Ma ha anche due papà e due mamme. Come può essere? Che specie di famiglia? Dino non è capace di rispondere. Lui sa solo che questa è la sua famigliona, la sua amata famigliona, da prendere in un grande abbraccio.

  • € 12,00

    FAMEIS 3 – Vanilie e soreli

    Didattica

    Une famee dome di feminis, cuntune none bisse che e vîf te dispense, une none che e cusine di continui. Po dopo, Agne – che nissun si vise plui cemût che si clame – e sô sûr, la mame, che par lavôr e vuide un camion grandon e ros. Par ultime ancje une vecje gjate tant dispetose. Une famee dulà che une dì e rive une frutine colôr di lat e cjocolate, di non Jasmine e che e nûl di vanilie e di soreli.

    Una famiglia di sole donne, con una bisnonna che vive nella dispensa, una nonna che cucina di continuo. E poi, Agne – che nessuno ricorda come si chiama – e sua sorella, la mamma, che di lavoro guida un enorme camion rosso. Per ultima anche una vecchia gatta molto dispettosa. Una famiglia dove un giorno arriva una bimba color latte e cioccolato, di nome Jasmine, che profuma di vaniglia e sole.

  • € 12,00

    FAMEIS 4 – Doi nonos scompagnâts

    Didattica

    Isal pussibil meti dongje une famee di int che no je nassude des stessis bandis, che no fevele la stesse lenghe e che no pree te stesse maniere? Chê dal piçul Vigji e je propit cussì, e cuant che e je ore di fâ di cene cheste famee e fâs sintî la sô lenghe, uniche e particolâr. Alore al vâl propit la pene di preparâ une biele… torte. Torte?

    È possibile tenere insieme una famiglia di gente che non è nata dalle stesse parti, che non parla la stessa lingua e che non prega nella stessa maniera? Quella del piccolo Vigji è proprio così, e quando è ora di preparare la cena questa famiglia fa sentire la propria lingua, unica e particolare. Allora vale proprio la pena di preparare una bella… torta. Torta?

  • € 12,00

    FAMEIS 5 – Regâl pal complean

    Didattica

    Crodêso che une frute cui zenoi scussâts parcè che i plâs zuiâ no dome cu lis pipinis e sedi une frute di justâ? Chest al è ce che e pense une agne grandonone cuant che e va a cjatâ Luzie, la frute che nus conte la storie di une altre famee cun doi gjenitôrs che a fasin un l’avocat e chel altri il grafic. Cuissà cumût che e va indenant.

    Credete che una bambina con le ginocchia sbucciate perché le piace giocare non solo con le bambole sia una bambina da “aggiustare”? Questo è ciò che pensa una zia corpulenta quando va a trovare Lucia, la bimba che ci racconta la storia di un’altra famiglia con due genitori che fanno una l’avvocato e l’altro il grafico. Chissà come andrà a finire.

  • € 12,00

    FAMEIS 6 – Il truc segret

    Didattica

    Un avocat e un grafic che a lavorin te stesse cjase, là che a vivin cuntun nono avilît e che nol è bon di fâ nuie. Mancul mâl che i trê a tirin su une frute avonde sgaie che e dopre un biel truc par fâ tornâ il nono content di fâ il nono.

    Un avvocato e un grafico lavorano nella stessa casa, dove vivono con un nonno avvilito che non è capace di fare niente. Per fortuna che i tre crescono una bambina piuttosto sveglia che usa un bel trucco per far tornare il nonno contento di fare il nonno.

  • € 24,00

    PRIMA CHE LE TROMBE SQUILLINO LA PRIMA NOTA DI PACE. Bivio Paradiso, 1918-2018

    Storia

    Trascorso un secolo dalla fine della Grande Guerra, il Comune di Castions di Strada, depositario della memoria dell’ultimo cruento episodio che ha posto fine all’immane conflitto in Italia, ha inteso cogliere l’occasione per affidare ai Curatori di questo volume un’approfondita ricerca sulle vicende locali di tutto il periodo bellico, concentrando l’attenzione sulla pietra della memoria di Bivio Paradiso, rappresentata dal Monumento realizzato nell’immediato dopoguerra a ricordo della Carica del 4 novembre 1918.

  • € 14,00

    A NORDEST DI NORDEST

    Narrativa

    Una fuga d’amore, un’apostasia politica, un attentato al duce, una bellissima impiccata… Singolare indagine, quella del giudice Gallo, che dalla Calabria sale in Friuli per far luce su un segreto di famiglia, una rimossa vergogna che invece… Un giallo sui generis, singolare sia per come viene condotta sia per come si conclude la muta detection di Gallo: indagine del tutto virtuale, deposizioni immaginarie, interrogatori onirici, approdo a una verità catartica sul piano personale e storico (il racconto è ambientato nel 1994). La scansione degli eventi determinanti è al tempo stesso sintesi e giudizio della storia d’Italia – dalla prima guerra mondiale al fascismo al sessantotto agli anni di piombo all’avvento del berlusconismo – e tema del tutto attuale (leghismo meridionale) è l’agitarsi dei miti identitari, a nordest di nordest come a sud.

  • € 14,00

    FRAMMENTI DI UNA CADUTA

    Saggistica

    Frammenti di una caduta è un’autobiografia filosofica, una serie di riflessioni sul tempo, sulla precarietà del vivere, ma anche dello scrivere.
    Un percorso di vita intellettuale sviluppato per anni in un intimo dialogo dell’Autore con i pensatori classici e contemporanei sul senso dell’esistenza personale e sui destini dell’umanità.
    Una scrittura che rispecchia la complessità e il dramma della “caduta”, ma attraversata dalla leggera autoironia che consente di guardare in sé stessi con materialistico distacco.

  • € 12,00

    DOVE CI PORTATE? WOHIN BRINGT IHR UNS? KAM NAS PELJETE?

    Storia

    Gli autori e le autrici dei saggi:

    Kirsten Maria Düsberg  sociologa

    Paolo Ferrari  storico

    Gian Paolo Gri  antropologo

    Stefan Lechner  storico

    Lara Magri  conservatrice

    Gli autori e le autrici degli interventi:

    Maria Angela Bertoni medico psichiatra

    Renzo Bonn medico psichiatra

    Raimondo Domenig  ricercatore storico

    Luciano Lister  giornalista

    Mario Novello medico psichiatra

    Michela Vogrig cooperatrice sociale

    Anna Wedam  operatrice culturale

     

    Questo libro affronta la storia inedita di un piccolo gruppo di persone – tre donne e cinque uomini internati nell’Ospedale psichiatrico di Udine – che nel maggio del 1940 vennero deportati in istituti del Terzo Reich. Le loro comunità di origine – quelle di lingua slovena e tedesca della Val Canale – nel 1939 erano state chiamate a scegliere fra il trasferimento in Germania e la permanenza in Italia, ma rinunciando a ogni tutela della propria lingua e cultura, avevano cioè dovuto “optare” al pari della popolazione di lingua tedesca dell’Alto Adige/Südtirol.

  • € 13,00

    IL MEMORY DI GJAT UT

    Didattica

    Il Memory al è fat di doi macs di 19 tessaris (o cjartis), compagnis a dôs a dôs. Prin di tacâ a zuiâ, si messedin i doi macs e po si metin suntun plan dutis lis tessaris in mût che la musute di GjatUt e sei par sù. Il prin che al zuie, al sielç dôs cjartis e lis zire: se al cjate il stes amì di GjatUt su dutis dôs lis cjartis, al pues tignîlis e zirâ altris dôs. Se lis besteutis a son difarentis, bisugne tornâ a meti lis cjartis ziradis al puest di prin. Al tocje cumò al secont zirâ dôs cjartis e viodi se a son compagnis. Al vinç cui che ae fin al à plui cjartis. Si pues zuiâ in doi o ancje in plui. A puedin zuiâ ducj: dai fruts ai nonos.

     

    Il Memory è composto di due mazzi da 19 tessere (o carte), uguali a due a due. Prima di iniziare a giocare, si mescolano i due mazzi e si dispongono su un piano tutte le tessere in modo che il musetto di GjatUt sia rivolto verso l’alto. Chi comincia a giocare, sceglie due carte e le gira: se trova lo stesso amico di GjatUt su entrambe le carte, può tenerle e girare altre due carte. Se gli animaletti sono differenti, si devono rigirare le carte mettendole al posto di prima. Tocca ora al secondo girare due carte e vedere se sono uguali. Vince chi alla fine ha più carte. Si può giocare in due o anche in più. Possono giocare tutti: dai bambini ai nonni.

     

    Dissens di / Disegni di Doriana Alessio

    Tescj di / Testi di Deborah Crapiz

    Consulence linguistiche di / Consulenza linguistica di Dot.e Raffaella Picco

  • € 18,00

    “OPERAZIONE PLUTONE”. Le inchieste sulle foibe triestine

    Resistenza storica

    Nella prima parte di questa ricerca, dopo lʼanalisi dellʼattività di recupero delle salme e delle indagini condotte quasi tutte dall’ispettore Umberto De Giorgi, vengono approfonditi gli iter processuali relativi alle esecuzioni sommarie avvenute presso le foibe di Gropada e di Padriciano e la foiba di Rupinpiccolo, evidenziando come non sempre le risultanze giudiziarie siano coerenti con quanto appare in altra documentazione.
    La seconda parte è invece dedicata allo studio dei fatti che culminarono negli “infoibamenti” dellʼabisso Plutone, presso Basovizza: lʼAutrice ha analizzato assieme ad uno dei protagonisti, Nerino Gobbo, i documenti giudiziari e le varie testimonianze, contestualizzandoli nel periodo storico in cui si svolsero, in modo da dare una descrizione ancora inedita di quanto accadde nel periodo cosiddetto dei “40 giorni” di amministrazione jugoslava di Trieste.

  • € 13,00

    IL MEMORY DAI MOSTRIÇS E MOSTRIS

    Didattica

    23 mostris intîrs e tocs di mostris par un Memory dut di zuiâ ancje cuntune ponte di pôre e cualchi sgrisul, sore dut cuant che si trate di ve a ce fâ cul mostri sot dal jet o cun chel dai armârs e chel des scarpis puçonis… (chei no perdonin!). Intun librut dentri te scjatule, ognidun di lôr al à une sô storie di lei: cui che al è trist, cui carogne, cui avilît ma ancje cualchidun zentîl o timit. Zuie a meti doi a doi i mostris e i mostriçs e lei par discuvierzi lis lôr storiis. Ilustrazions di Maddalena Bathish. Tescj di Francesca Gregoricchio.

    23 mostri e mostriciattoli per un Memory tutto da giocare anche con una punta di paura e qualche brivido, soprattutto quando si ha a che fare col mostro sotto il letto o con quello degli armadi o delle scarpe puzzolenti… (quelli lì non perdonano!). In un libretto dentro la scatola ognuno di loro ha una sua storia da leggere: c’è quello cattivo, c’è il furbastro, l’avvilito, ma anche il gentile o timido. Gioca a mettere due a due i mostri e i mostriciattoli e leggi per scoprire le loro storie. Illustrazioni di Maddalena Bathish. Testi di Francesca Gregoricchio.

  • € 15,00

    L’ALTRA METÀ DEL JAZZ

    Narrativa

    Voci di donne nella musica jazz

    Co-edito con l’associazione culturale EURITMICA di Udine, organizzatrice del festival internazionale Udin&Jazz

    Prefazione di Claudia Fayenz

    Dopo la raccolta di interviste “Gente di Jazz” (2017) in cui Gerlando Gatto ci ha fatto scoprire aspetti artistici ed umani di una nutrita schiera di musicisti tutti protagonisti in varie edizioni del festival Udin&Jazz, casualmente tutti maschi, questa nuova pubblicazione racchiude una serie di interviste raccolte nel ricchissimo panorama del jazz al femminile.

  • € 15,00

    ROSA E NOIR SUL GRANDE FIUME

    Narrativa

    Un borgo storico friulano, situato presso le rive del “Grande Fiume”, il Tagliamento. Diverse le storie che s’intersecano e diversi gli uomini che si avvicendano lungo le sue rive e nel suo vasto letto di ghiaie millenarie. Matteo, un ex emigrante ormai in pensione e Ringhio, il suo piccolo cane, ne sono i protagonisti, insieme a Teresa, vecchio amore appena ritrovato. La storia del loro nuovo rapporto, dolce, coinvolgente, vivificante, si intreccia con un dramma che si svolge tra le barene, i cespugli, i pioppi e la corrente del vasto Fiume.

  • € 12,00

    DISVUEDANT IL SCANSEL

    Friulano

    Sul cjast al jere un vecjo scrin cuntune specjere, un plan di marmul e cuatri scansei. I prins trê si podevin vierzi cu la rispetive clâf. A vevin dentri dome vecjos vistidats roseâts des tarmis e dai catans cuasi cence valôr: un orloi fer, ocjâi di soreli e di viste, rivistis di sport. Max al veve cjapat in man martiel e scarpel par scantinâ la clavarie dal unic scansel cence clâf, il plui in bas… Al capì daurman che al jere di front a la memorie di so barbe. Il barbe al jere muart za di tancj agns ma Max si visave ancjemò de sô vôs. Al tacà a lei cun passion chel materiâl dut scrit par furlan: alore i pareve che il barbe i stes fevelant…

Libri in Offerta

  • € 15,00 € 10,00

    CANZONE DEL DISORDINE

    Narrativa

    Una Udine inedita, una Udine “altra”, ribelle e visionaria, quella che emerge da questo racconto, eppure vera, perché l’invenzione narrativa si inserisce in un contesto reale, che nel libro è rappresentato dalle bellissime foto di Piermario Ciani. Una Udine che non immaginano quelli che: “qui non succede mai niente”. In quegli anni Settanta ad Udine c’era un circolo anarchico, un centro sociale (marginale? emarginato dai mass media, piuttosto) ma anche orgogliosamente autoemarginantesi rispetto alla cultura ufficiale, in cui musica, cultura e storia locale si intrecciavano con il mondo.

  • € 11,00 € 8,00

    CRIMINALITÀ E RICICLAGGIO – L’Europa sotto assedio

    Quaderni del Picchio

    L’europa sotto assedio

    prefazione di Giorgio Caruso procuratore
    della Repubblica di Udine
    I QUADERNI DEL PICCHIO n. 12

  • € 9,00 € 5,00

    CONFERENZA NAZIONALE SULL’AMIANTO

    Saggistica

    Atti del Convegno Nazionale sull’Amianto, Monfalcone 12/13 novembre 2004

    a cura del Comitato Promotore A.E.A.
    Associazione Esposti Amianto
    ALSOLE
    Associazione Lavoro Società & Legislazione
    CGIL, CISL, UIL e INTESA SNALD SNOP

  • € 16,00 € 8,00

    COME SCORRE IL FIUME

    Saggistica

    KAKO JE REKA TEKLA

    a cura del Centro Studi Nediža
    Uredil Študijski center Nediža
    Progetto: Alvaro Petricig
    Projekt: Alvaro Petricig

    libro fotografico

  • € 12,00 € 8,00

    COBRA 13

    Narrativa

    Dedicato…

    a don Chiquote, l’Invincibile Umano,
    ai labirinti della sconfinata immaginazione
    di chi rinasce continuamente

    ai Bambini, incolpevoli: noi Sancho,
    che, affamati di natura, agiamo
    in prospettive temporali diverse

    agli Artisti, eroi in senso antico:
    sanno che l’Arte è amare
    e che essere riamati è solo
    uno speculare risarcimento

    a Totò e Nietzsche, che riassumendo tutto,
    fissano il nostro destino
    in traiettorie temporali simultanee

  • € 18,00 € 14,00

    CASANOVA GOURMET

    Saggistica

    Dalle memorie casanoviane l’Autore ricava una vasta mappatura geografico-culturale della culinaria europea, ma d’ogni cibo, d’ogni ricetta, d’ogni gusto (per non dir dei cuochi) ricostruisce la storia in chiave alimentare, farmaceutica, simbolica, filosofica, religiosa, da savant attento e puntiglioso.
    Il lettore volentieri assapora, perché squisita è anche la scrittura: l’Autore usa forme, stili e registri che ben s’addicono ai Lumi del secolo di cui racconta: nitide atmosfere, rapidissime sentenze, psicologismi, echi letterari.
    È l’innesto della microstoria nella Storia grande che soprattutto dà respiro al saggio: nelle cucine delle diverse epoche e dei diversi paesi si riflettono, e ci viene suggerito come, civiltà e culture (bizantina, ebraica, araba, latina, anglosassone ecc.) nel loro evolversi e nel loro compenetrarsi.
    Non mancano, né potevano mancare, i riferimenti all’eros: mai lontano in Casanova il talamo dalla tavola, sempre afrodisiaco il cibo, per sua virtù o quale preliminare all’altro godimento.
    Insomma, Casanova gourmet si spinge assai al di là dell’ambito circoscritto dal titolo, e offre alla casanovistica spunti meritevoli di approfondimento. Non per nulla, e avendone l’autorità, Bartolini ha proclamato Visintin casanovista emerito.
    dalla prefazione di Mario Turello

  • € 8,00 € 4,00

    BREVIARIO IRACHENO

    Discanto

    “Guerra è guerra – dicono –
    ed essenziale è vincere,
    distinguere
    vincitori e vinti.
    Io vedo solo sconfitti.”
    Silvio Cumpeta

  • € 12,00 € 10,00

    BIONDA SALAMANDRA e altre poesie

    Discanto

    Poesia della vita, della quotidianità, dei ricordi e degli affetti. Schietta e disarmante nella sua purezza, la poetica di Benedetti traghetta in un mondo visto con occhi innocenti ma, non per questo, ingenui.

  • € 16,00 € 10,00

    AD ALTA VELOCITÀ

    Narrativa

    Il treno ad alta velocità potrebbe arrivare da un momento all’altro. Il corridoio cinque sta per passare nei cortili di case faticosamente acquistate; sta per stravolgere il paesaggio, perforare il Carso. Il panico si abbatte sulla Bisiacaria ma potremmo essere in una qualsiasi cittadina della provincia italiana alle prese con l’immigrazione e con la globalizzazione. Nel bene o nel male l’avvenimento scuote le coscienze, stravolge le vite, portando alla luce la vera natura di chiunque vi entri in contatto.

  • € 25,00 € 15,00

    1919 L’ANNO DELLA PACE E DELLA RICOSTRUZIONE

    Storia

    Non solo catalogo per la mostra tenuta ad Udine nel Novembre 2009, il libro descrive per immagini una Udine appena uscita da un disastroso conflitto mondiale che l’ha vista al centro di alcuni dei momenti più drammatici e devastanti. Nel ’19, tornata italiana, Udine getta le basi per tutto quella che sarà la “visione della città nel Novecento”. Un processo lungo ed articolato che vede concretizzarsi, non solo nell’architettura, ma anche nella cultura e nella visione della realtà, il laborioso processo di passaggio dalla guerra alla pace. È in questo periodo che va formandosi quella identità urbana che costituisce la memoria storica di una città. Saggi storici di Enrico Folisi e Massimo Bortolotti.

  • € 8,00 € 6,00

    LA COMUGNE N. 25

    Friulano

    La Comugne n. 25 – tescj di Marco3tones / Marco Cuoco, Laurin Zuan Nardin, Santiago Zanier, Giacomo Trevisan, Gianfranco Pellegrini, Stefano Gasti, Raffaele Serafini, Italo Calvino (trad. Luca De Clara)

  • € 12,00 € 8,00

    IL “34”

    Discanto

    «Sono 24 poesie di impianto drammatico-narrativo, capaci di ridare corpo a figure e a modalità di esistenza di un tempo che potrebbe sembrare lontanissimo, per il genere dei lavori oggi scomparsi, per la qualità tramontata delle quotidiane incombenze femminili, soprattutto per quella rete di relazioni che si creava tra le persone chiuse in qualche modo entro le stesse pareti, di cui s’è persa traccia al giorno d’oggi.
    24 poesie che sono altrettanti ‘quadri’ di un’unica ‘commedia umana’, composta con grande serietà e con il desiderio di rendere testimonianza dei suoi protagonisti, persone osservate con sorpresa e lieve malizia dalla bambina d’allora, con rispetto e consapevolezza dalla donna colta e impegnata che Sandra era.
    Proprio nella capacità di tenere insieme i due registri d’osservazione sta l’originalità di questa parola poetica: mai ingenua, mai scontata, mai svenevole, mai cinica.»

  • € 10,00 € 7,00

    LA CITTÀ DELLE MATRIOSKE

    Poesia

    La città delle matrioske è lo spazio in cui viviamo, in cui seminiamo, giorno dopo giorno, la nostra esistenza ed è anche il palcoscenico sul quale sperimentiamo gli altri, forgiamo i nostri sensi, narcotizziamo o eccitiamo i sentimenti fino alle estreme conseguenze.

  • € 12,00 € 10,00

    LA BANCIA DA LI’ PERAULIS PIARDUDIS

    Discanto

    La panchina delle parole perdute affiora e riaffiora: cornice ineludibile, anche quando la sua presenza è solo postulata, collante, garanzia per la raccolta di unità, poemetto con la galleria dei suoi destini dolenti, inventario di esistenze grame, che la bancia, con funzioni e inquadrature che non sempre collimano, rende tangibili.

  • € 12,00 € 10,00

    JONAS

    Discanto

    «[…] Perché mai ancor oggi Giona interroga, provoca, seduce e ispira, come anche Luca De Clara ci mostra in questa sua bella e intensa raccolta poetica? Tento qualche risposta, dal mio osservatorio teologico. Mi pare che in Giona venga proposto drammaticamente il binomio vicino-lontano. Ninive è il luogo lontano per eccellenza, geograficamente, culturalmente, religiosamente – «No soi jo chel just par Ninive / … o par New York» –, ma è soprattutto il luogo della missione, della chiamata, dell’incontro con l’altro-da-me. Anche Tarsis è lontano, ma in modo diverso: è il luogo della fuga dalla responsabilità, dell’illusione dell’invisibilità e forse anche della percezione di un Dio che implacabilmente ti scova, quando ha deciso di chiederti una mano. Un Dio implacabile nella debolezza: «Di bessôl jo no pues nuje»! Ma se Ninive e Tarsis sono lontani, dov’è il vicino? Chi è? Sembra che il vicino e il lontano dipendano marginalmente dalla posizione che l’uomo di volta in volta assume. La lontananza e la vicinanza le fa Dio. Ninive è lontana dagli orizzonti di Giona – lontana prima, e proprio per questo non ci vuole andare, ancor più lontana dopo, a causa del livore per una pietà inaspettata e scandalosa –, e sembrerebbe lontana anche da Dio, ma Dio le si fa vicino: non può abbandonare una città «nella quale vi sono più di centoventimila persone, che non sanno distinguere fra la mano destra e la sinistra, e una grande quantità di animali». Perfino degli animali Dio si occupa! Inoltre sembra che, se ha poco senso parlare di lontananza, perché Dio è vicino a tutti, sia ancora più insensato credersi vicini in modo esclusivo come Giona – «tu vais, tu lu preis, / tu ti fasis plen di borie / e tu contis ch’al è to chel Signôr» –! A Dio e non a Giona, spettano il giudizio e l’azione! Giona, il vicino, è lontanissimo. Ninive e Tarsis, terre lontane, sono vicine perché Dio le tiene d’occhio. E Giona, lontano nella sua vicinanza, è vicino nella sua lontananza, quando scappa e Dio lo ritrova o quando, sotto il ricino rinsecchito e le vampe del sole, Dio gli si fa incontro per farlo ragionare. Chissà se si convince di fronte all’appassionata autodifesa del Signore? Come nella parabola del padre buono (Lc 15,11-32), anche nel libro di Giona la conclusione rimane sapientemente in sospeso. La scena si dissolve e solo risuonano nella penombra parole di costernata bontà – «non dovevo avere pietà…»; «bisognava far festa…» – davanti alle quali occorre prendere posizione. Chi è veramente dalla parte di Dio? E chi è contro? E io dove sono? Mi pare sia questo il caso serio sollevato dal libro di Giona, che riecheggia anche nelle poesie di Luca».

    Dalla Postfazione a cura di don Federico Grosso

  • € 14,00 € 10,00

    IL VERSO ALLA STORIA – tra rime & cantilene

    Saggistica

    Con il suo lepido contromanuale fatto di rime e cantilene Renato Damiani entra da alternativo nel Millennium medievale, per riproporne con ironia e humour luci e ombre, miti ed eroi, gagliardi paladini e cigliuti filosofi, voluttuose regine e predicatori apocalittici, papi teocrati e imperatori sacrileghi: variegata e multiforme turba di Dio e di peccatori. E lo fa con lo spirito del giullare a cui è lecito mettere in canzone, e quindi canzonare, anche i più grandi personaggi del passato. Ma per farlo ci vogliono garbo e sapienza, due doti che Damiani sa mirabilmente temperare. Ed è così che, “serrando e disserrando” le segrete cose del bel tempo andato, egli riesce a regalarci quell’inedita visione del mondo che solo i menestrelli hanno in dote. Né tuttavia i suoi sono dei divertissements da dozzina, che anzi comportano vasta dottrina, acuto giudizio e, last not least, uso sagace degli strumenti del poiein: linguistici retorici e soprattutto metrici. Nonostante le punture caustiche del suo asper iocus l’autore non intende tuttavia ledere l’autorità della grande storia, anche se questa, egli afferma, rimane ben lontana dalla verità a cui tuttavia continuamente tende.

  • € 16,00 € 12,00

    FRANC URŠIČ-JOŠKO – Un partigiano ­­­sloveno della Soška Dolina / Valle ­­­dell’Isonzo

    Resistenza storica

    Nell’ambito della lotta di liberazione del popolo sloveno dall’occupazione fascista e nazista, è qui descritta la vicenda personale e drammatica di Franc Uršič-Joško, comandante partigiano sloveno “di confine”, combattente su quella sua stessa terra attraverso la quale, successivamente, sorgerà la cosiddetta cortina di ferro, dal Muro di Berlino all’Adriatico, e spaccherà per decenni il mondo nei due blocchi contrapposti della guerra fredda. Il comandante Joško venne catturato dai nazifascisti, torturato ripetutamente e bruciato, il 7 aprile 1945, nella Risiera di Trieste/Trst, unico lager con forno crematorio in Italia. Di lui restano, a fondamentale testimonianza di lotta, amore per la libertà e giustizia fra i popoli, le lettere che clandestinamente fa avere, all’interno del carcere stesso, alle sue compagne di lotta e di prigionia.

  • € 12,00 € 8,00

    TSUNAMI

    Narrativa

    Lui, il protagonista, della coscienza se ne frega. Lo scrupolo morale e la pietà sono cose per “coglioni”. Bisogna attaccare proprio dove l’umanità mostra le sue debolezze e spremere le vittime, che a modo loro se la cercano, con l’unico scopo di riempire le proprie tasche. Un uomo “moderno” insomma il protagonista, che naviga alla grande lungo la linea dove affari e crimine non hanno più distinzione netta e dove il peggiore dei crimini è questione di un attimo. Ispirato da un fatto di cronaca, Tsunami tiene il lettore con il fiato sospeso, ansioso di trovare risposta alla domanda: esisterà mai un castigo?

  • € 23,00 € 16,00

    PIETRO ANTONIO ANTIVARI

    Storia

    Vescovo dei friulani a fine Ottocento

    A Milano, la corrispondenza giunta da Udine all’«Osservatore Cattolico» tesse le lodi di Antivari, si duole del «vuoto terribile» che la sua dipartita lascia nel cuore di tutti e aggiunge, accanto ad altri ricordi, il seguente: «Indimenticabile è stata l’accoglienza fatta a mons. Antivari dopo il suo ritorno da Roma: le primarie famiglie del Friuli gareggiavano nell’offrirgli magnifici doni, era il voto unanime di tutto il nostro paese che tributava sentiti ringraziamenti al Santo Padre per aver così onorato colui che per quarant’anni con fatiche indefesse aveva dato al Friuli tanti sacerdoti esemplari ». Ma lo stesso giornale non manca di dare spazio a una replica polemica nei confronti della stampa liberale: «Alcuni graffiacarte locali vorrebbero insultare la memoria dell’amato Vescovo, dipingendolo un po’ liberaleggiante e perciò contrariato dall’alto clero, ma tutti quelli che lo hanno conosciuto possono sicuramente asserire quanto forte fosse la sua affezione al papato e quanto vivace battesse nel suo petto l’amore alla causa cattolica, ch’esso avrebbe voluto fiorentissima ». Il corrispondente cattolico, dunque, esclude sia che l’Antivari possa avere mai condiviso tendenze non del tutto in linea con l’ortodossia più intransigente, sia che vi siano state opposizioni nei suoi confronti da parte di altri prelati di primo piano, perché ritiene tali eventualità incompatibili con l’indiscutibile fedeltà del vescovo friulano nei confronti del pontefice e, in generale, della causa cattolica: così facendo, però, scarta a priori la possibilità che gli aspetti citati possano coesistere e, forse, non coglie la profondità e l’originalità del modo di essere di Antivari.

  • € 10,00 € 7,00

    LA STAGIONE DELLA MUTA / MORE PULP TALES

    Friulano

    Jê a vevo poiât uno man sul finestrin.
    Fôr al ero miesdì e il paîs al ero desert.

    “Ma dove sono tutti?”
    “Tutti chi?”
    “Ah, ecco” a vevo det jê sconsolado
    “Bella risposta”.

Categorie